martedì 13 novembre 2012

Cristo è la risposta alla profezia ebraica

Nel libro della  Sapienza , al primo capitolo, si legge:
" Dio non ha creato la morte e non gode della rovina dei viventi.
Egli ha infatti creato tutto per l'esistenza; le creature del mondo
sono sane, in esse non c'è veleno di morte, né gli inferi regnano
sulla terra, perché la giustizia è immortale".
Ebbene, senza Cristo questa frase è una menzogna.
Senza Cristo nessuna frase è più menzognera di questa,
di fronte a tutta l'impressionante vergogna della vita
che diventa male, peccato, rovina, di fronte all'urto malvagio
della contraddizione che finisce per distruggere ogni cosa,
precipitandola nel gorgo della morte. Al tempo stesso non c'è nessuna
frase che esprima e incontri più immediatamente
di questa la natura del cuore dell'uomo, le sue esigenze
costitutive.
Il cuore umano non è fatto per la rovina, ma per
l'esistenza e per la positività. Il bello, il giusto,
l'amoroso, il felice sono l'oggetto costitutivo
dell'aspirazione che definisce il cuore.
Ma se Cristo non fosse venuto non ci sarebbe menzogna
più grande di quella affermazione, tanto risulterebbe,
in modo macabro, contraddittoria a ciò che la realtà è.





21 commenti:

  1. ComMENTO SOLO quello che mi apPARTIene:

    "Dio non ha creato la morte e non gode della rovina dei viventi.
    Egli ha infatti creato tutto per l'esistenza; le creature del mondo sono sane, in esse non c'è veleno di morte, né gli inferi regnano sulla terra, perché la giustizia è immortale".

    E' VERO! Non si trova la MORTE nei SETTE GIORNI della CREAZIONE.

    Perciò bisognerebbe TRAinDURRE meglio ... E VA Ad AMO.

    Pietro pesca con la RETE ma il CRISTO ... UNA ad UNO.

    RispondiElimina
  2. Dio, in Gesù Cristo abbandona la sua potenza e si schiera al nostro fianco. All'inizio dei vangeli, i racconti delle tentazioni nel deserto narrano che Gesù rifiuta il potere e la potenza, umanamente intesi. risultato: si avvia verso la sua Passione.
    Gesù ha vissuto la nostra condizione, si è messo dalla nostra parte, con noi , anche nella sventura, nella sofferenza e nella morte.
    Ma i vangeli non si fermano alla croce. La morte di Cristo è un passaggio verso la Vita. La rinuncia alla potenza della "condizione divina" e il passaggio attraverso la debolezza umana conducono alla "potenza della sua Risurrezione"!
    Gesù si è messo al nostro fianco nella sventura e nella morte, è al nostro fianco contro la sventura e la morte.
    Ciao August^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ps. E' bellissima l'immagine!

      Elimina
    2. E' bello udire il tuo il parlare sapiente senza inutili contorcimenti.
      Ciao Gioia.

      Elimina
    3. SI? ... senza condividere con il PECCATO?
      Io ne ho qualcuno da attribuirgli, ma anche LUI ha pagato con il SUO STESSO GIUDIZIO, VERITA' e VOLONTA'.

      Ma molti sanno parlare con il SEnNO di POI.

      Sia fatta la VOSTRA volontà, la VOSTRA verità e la VOSTRA giustiza.

      A meno che non SAPETE quello che DITE o fate.

      Nell'immagine è raffigurata la ZIZZANIA e non il GRANO.

      Elimina
    4. http://www.furcisiculo.net/index.php?id=4038


      La foto viene da questo sito dosi parla della Sapienza.

      Elimina
    5. E vuol dire che chi l'ha scelta non sa distinguere il grano dalla zizzania o loglio, anche se sono della stessa famiglia delle GRAMINACCE.

      Questo spiega tutto il senso del tuo postO e di quello che mi appartiene che non è DIVISO tra DUE PADRONI, o tra male e BENE ovvero tra morte e VITA.

      Elimina
    6. Angelo, io vedo un'immagine, mi piace e la posto. Per me è ininfluente il fatto che sia grano, zizzania o loglio, perché a quella foto non voglio dare nessun riferimento biblico. La foto la vedi lì solo perché mi piace.



      E non capisco cosa tu voglia dire con:

      "ComMENTO SOLO quello che mi apPARTIene"

      Elimina
    7. MI apparTIENE quello che MI PIACE.

      Io non capisco come tu preferisci arrampicarti sui vetri quando il post e il titolo è biblico.

      Mica la zizzaia è solamente biblica.

      CHIUDIAMO QUI.

      BuonaNOTTE.

      Elimina
  3. Si, è vero, la parola di Dio è completata dall'arrivo di Cristo che tutto ricrea e sana. Buona serata Gus :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Vecchio testamento è come un libro che noi leggiamo senza percepirne il cuore. Ecco, Gesù viene da noi e lo fa diventare una Presenza.

      Elimina
  4. Non posso che essere d'accordo!
    Senza la presenza di Dio, la vita non avrebbe sapore, nè colore, nè amore
    Buona giornata Gus

    RispondiElimina
  5. In una poesia di Montale: il nulla alle mie spalle e il vuoto dietro di me.Le cose ci mostrano un carattere effimero. Chi salva tutto? Mi rivolgo a Lui in questa giornata di novembre e Gli chiedo, per oggi e per domani, di spalancarmi alla Grazia cioè allo Spirito di Cristo. Ciao Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La VIA è difficilissima. Ci si sente continuamente SOLI, ma un segno, l'UNICO SEGNO, quello di GIONA ... un ricino.

      Anche io OGGI mi sento perso senza di LUI, ma le scritture ODIERNE mi fanno capire quel SEGNO che LUI stesso VISSE fino in fondo, prendendosi le SUE responsabilità per la SALVEZZA di TUTTI.

      Non simo i primi ma dobbiamo VIVERE ... SECONDO ... la MADRE che porta a termine le OPERE del PADRE che noi abbiamo (ri)conosciuto nel FIGLIO.

      Elimina
    2. Senza la Presenza la nostra vita diventa inutile.
      Ciao Luicia.

      Elimina
    3. Chi si sente solo avrà la compagnia, chi si sente soddisfatto pensa di realizzare bene la sua vita, invece è tutto un sogno.

      Elimina
    4. Un BELLISSIMO SOGNO nel quale ci rimane la SPERANZA, come una VISIONE ... accompagnata sempre dal DUBBIO che tutto possa finire ... come è finito nel SOGNO.

      Ma può morire quello che abbiamo a PARENTE (mente)vissuto ... PROVATO?

      CON SOLA aZIONE ... anche invisibile, irrazionale POSSIAMO PROVARE quello che NON HA TEMPO, materia/morte ... FINE.

      Elimina
  6. Ciao Gus
    ho trovato un elevatissimo argomento e non mi aspettavo risvolti botanici...ma è meglio non lasciarsi tentare delle polemiche.
    Ti scrivo per motivi pratici di blog.
    Desidero comunicarti che il blog di Fata Confetto si è trasferito a questo indirizzo:
    http://schiaccianoci1.blogspot.it/
    e adesso si chiama "Lo schiaccianoci".Ci si arriva anche dalla home page di Fata Confetto.
    Il malfunzionamento dei feedback, del quale tu mi avvisasti mesi fa, e la conseguente mancanza di visibilità degli aggiornamenti
    ( penalizzazione non indifferente per un blog) sono stati la causa di questo trasloco e speriamo bene.
    Spero vivamente che anche "Lo schiaccianoci" abbia il piacere di ospitare visite e commenti e ringrazio tutti coloro che si uniranno ai lettori del nuovo blog e che continueranno, mi auguro, questa amicizia online, che in questi mesi è diventata sempre più gratificante e significativa.
    Ti aspetto con vero piacere e ti mando un grande saluto:)
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vengo subito, Marilena.
      Ciao.

      Elimina
    2. IO, in VECE, sto pagando ed E' UNA GRAZIA sCONTARE insieme a LUI quello DO-NATO con AMORE anche SE-VERO.

      L'ho sempre saputo che dovevo PAGARE il MIO ARDORE per LUI ... per VOI.

      Ma non sapevo che fosse così DOLCE nello SPIRITO che si ESPANDE mentre l'ANIMA soffre nel lasciarlo ANDARE.

      Elimina