giovedì 25 ottobre 2012

Può esistere una storia come questa?


Si fa presto a dire
"Ho fatto un incontro".
L'incontro deve avere le caratteristiche di eccezionalità per essere preso in considerazione.
L'altro giorno, così per fare qualcosa di nuovo, ho preso il tranvai.
C'era un normalissimo tranviere che faceva trac-trac con la manovella.
Ho pensato. Ecco, torno da mia moglie e dico: "Sai, ho fatto un incontro! Un tranviere".
Ma dai, non è serio. Non è un incontro.
Ma se, mentre sei lì col tranviere e questo inchioda di schianto il tranvai perché uno è passato veloce e poi apre lo sportello e grida "Cornuto!", la cosa si fa interessante.
E sì, il passante offeso corre dietro al tram, si apre un varco, arriva vicino al tranviere e gli dice: " Mi scusi, ma perché mi ha detto cornuto? Come fa a sapere che io sono un cornuto?". E il tranviere che comincia a tremare come una foglia, si giustifica: " Non si offenda, lei ha attraversato all'improvviso e mi è scappata l'invettiva".
"No, no lei ha ragione, io sono cornuto. Perché, vede, io mi sono sposato. Poi sono andato in Inghilterra, a Londra, sono stato due anni a lavorare, sono tornato e mia moglie aveva un bambino. Lei cosa avrebbe fatto?"
Il tranviere fa un cenno e l'altro: " Eh, me lo sono tenuto! Soltanto che il bambino è cresciuto e bisognava mandarlo all'asilo, dalle suore a pagamento. E dopo l'asilo c'erano le elementari e mia moglie mi ha detto: " Lasciamolo dalle suore"....che mi costa, mi costa un occhio della testa. Dopo la scuola elementare, la scuola media ancora dalle suore.... cosa vuol farci sono troppo buono e l'ho lasciato lì dalle suore, sempre pagando l'ira di dio. Finita la media gli ho fatto fare il Liceo e in una scuola privata a pagamento. Lei cosa avrebbe fatto? Gli ho fatto fare il liceo. Quanto mi è costato 'sto figlio. Ma la settimana scorsa non ci ho visto più. Mia moglie mi fa: " Senti, ha finito il liceo bene, mandiamolo all'Università".
" Ah no, no! sono sbottato a dire. "Fino a questo punto proprio no!" Perché il figlio di una buona donna, al massimo, può fare il tranviere!".






20 commenti:

  1. Perché l'etichetta: teologia? Forse gus è fuori di testa.
    No!

    RispondiElimina
  2. La prima caratteristica delle fede cristiana è che parte da un fatto, un fatto che ha la forma di un incontro.

    RispondiElimina
  3. La seconda caratteristica è l'eccezionalità del fatto.
    Giovanni e Andrea sono stati là due ore con la bocca aperta a vederlo parlare. Perché la fede raggiunga un suo oggetto, bisogna che questo oggetto si presenti in modo eccezionale.

    RispondiElimina
  4. Benedetto XVI ha indetto l'Anno della Fede per condurre l'uomo d'oggi, spesso distratto, ad un rinnovato incontro con Gesù Cristo, via, verità e vita. Tutto, o quasi, oggi, sembra cospirare per distogliere il nostro sguardo da quella Presenza reale, da quell'Incontro.
    Gus grazie perchè mi aiuti a ricordare e a riflettere. Grazie ancora e buonanotte.

    RispondiElimina
  5. Grazie a te.
    Ciao Liucia.

    RispondiElimina
  6. Gus tu hai una grande dote...riesci a sottoporre a chi ti segue delle tematiche molto interessanti e ricche di spunti riflessivi, meditativi
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona.
      Sono solo un artigiano del blog.

      Elimina
  7. La Fede è un'unione d'amore!
    Ciascuno di noi è chiamato ad interrogarsi sul senso e sulle modalità in cui vive la propria fede, questo comporta uno spirito di ascolto ed una grande umiltà, capace di aprire i nostri cuori alla Grazia.
    August ciao, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Gioia, è facile uscire dal binario che riporta al Padre.
      Ciao.

      Elimina
  8. "Comunque VADA, in ogni TEMPO e luogo, E' un FIGLIO del PADRE che è nei CIELI".

    Son riuscito a scrivere solo questo, sforzandomi nel ricordo di cosa mi ha raccontato.

    Ma adESSO mi ha ABBA'nDONATO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un bravo ragazzo. Studia pure.

      Elimina
  9. questa si chiama 'diplomazia' !!!! mi è piaciuto questo post ! :-)
    ciao Gus!

    RispondiElimina
  10. E' tornato! Ma resto in silenzio perchè mi ha detto che questa storiella è per dire che TUTTI siamo figli di ESSERI con CORNA più e meno VISIBILI.

    Devo impegnarmi a essere più ERMETICO di quanto lo SONO pur dicento tante PAROLE.

    Siamo TUTTI SIGNORI e ... SIGNORE si nasce!
    (o il contrario?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora più ermetico, peggio di Ungaretti.
      V'illumino d'immenso.

      Elimina
  11. A me sembra invece una barzelletta...il passante si è sentito dare del cornuto dal tranviere e si è rifatto raccontando la storiella per dargli del figlio di buona donna...
    Come dice Fiore: diplomazia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una storiella per invogliare a leggere. Poi è teologia.

      Elimina
  12. A me quel che ha colpito è lo stupore col il quale si è instaurato il naturale flusso di una storia.. però alla fine il "marito”, pur ammettendo e denudandosi delle proprie confessioni...ha tirato una cattiva frecciatina, dandogli del tramviere, (ruolo che mai si augurebbe per il figlio) cioè uno che istintivamente giudica con superficialità senza sapere di cogliere una verità.
    Lo so che è teologia e la mia versione ha il sapore di un “corto”!!.. ciao gus. Bru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato chiamato cornuto dando l'impressione di sorvolare sull'epiteto, ma non era così perché alla fine ha risposto con un apprezzamento poco lusinghiero sul mestiere di tranviere.
      Ciao Bru.

      Elimina
  13. Come dire: carpentiere figlio di carpentiere. Tanto per restare in tema di corna.

    RispondiElimina