mercoledì 31 ottobre 2012

Partecipare alla morte di Cristo



Da quando Cristo è stato ammazzato,
 inchiodato a una croce, e ha gridato:
"Padre, perché mi hai abbandonato'" -
 che è il grido di disperazione più umano che
si sia sentito nell'aria della terra- e poi ha detto:
 "Perdona loro perché non sanno quello che fanno",
 e poi ha gridato: "Nelle tue mani raccomando la mia vita;
 da quel momento lì la parola sacrificio è diventata
 il centro della vita di ogni uomo, e il destino
 di ogni uomo dipende da quella morte.
Il sacrificio diventa un valore della vita dell'uomo
quando si comprende che per vincere la morte
è necessario salire sulla Croce.
Partecipare alla morte di Cristo.
L'uomo è nato per la felicità eterna
 e non per quella terrena.






53 commenti:

  1. Quasi sempre i credenti vengono accusati di aver inventato il sacrificio. Non è così. Per tutti esiste il sacrificio, cioè la croce. Ecco, se uno riesce a dare un significato vero alla croce che porta sulle spalle, ebbene, diventa meno pesante. Per qualcuno è anche gioia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non esageriamo!
      IO COMPRENDO SOLO CHI scrive per non pensarci, usando il blog come anestetico o dolce morte.

      Elimina
  2. Pensiamo a una madre che si trascina un pancione per mesi e alla fine prova il dolore del parto. Il sacrificio è per il figlio e diventa una gioia. Nessuno si augura la sofferenza. Il fatto è che la vita di un uomo non è una scampagnata. Se l'approccio al sacrificio è sbagliato diventa bestiale, triste, ma triste nel senso brutto del termine, amaro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pero' c'è chi abortisce soffrendo meno.
      Me la vedo BRUTTA in questo ANNO della Fede.
      C'è un MISTERO GRANDISSIMO e lo CUSTODISCE la MADRE.
      CHI non lo conosce si contorcerà come una serpe alla quale le si schiaccia la testa.
      SIETE TUTTI sotto tiro e anche in quella FUTURA.

      Elimina
    2. Dovranno render conto dell'aborto.

      Elimina
    3. Anche di un aborto che SALVA la MADRE?
      Cioè di una MADRE che GRAZIE a quell'ABORTO di un Figlio SUO mai nato ... COMPRENDE e si salva?
      NON RIESCO a trasmetterlo!*Ma come faccio a farvi capire che dovete SEMPRE X DONARE?
      E' GIUSTO GIUDICARE perchè non vi è possibile evitarlo, fin da quando l'embrione si forma in grambo, ma PERCHE' con d'ANNA re?
      Non sapete che l'IDDIO è il DIO della VITA e della MORTE e se la morte esiste E' lo sarà per un'ALTRA VITA senza più MORTE.

      Ci sono FIGLIO che VENGONO a MORIRE per RIPRENDERSI al MADRE ... caciata DAI CIELI.

      Elimina
  3. Pavese nel suo diario,quando era ancora ragazzino, scriveva che il sacrificio è una cosa inconcepibile, "bestiale" diceva. Come fa il sacrificio a diventare un valore? Diventa un valore quando è fatto per un altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per se stessi.
      ATTENTO a farlo per uno che non è nemmeno NATO.

      Elimina
  4. La sofferenza può aprire il cuore di un uomo, ma può anche incattivirlo. Solo la percezione della presenza di Cristo nella nostra vita riesce a renderci sereni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggi sul cuore cosa dice Mt 5,28; 6,21; 9,4 e infine:
      "Invece ciò che esce dalla bocca proviene dal cuore. Questo rende immondo l'uomo. Dal cuore, infatti, provengono i propositi malvagi, gli omicidi, gli adultèri, le prostituzioni, i furti, le false testimonianze, le bestemmie".

      Per questo il Figlio dell'uomo resterà tre giorni e tre notti nel CUORE della terra.

      Il cuore si può estirpare e anche trapiantare ... ma l'ANIMA?

      Elimina
    2. Nel nostro cuore deve esserci solo Cristo. Una volta che lo abbiamo cacciato entra il male.

      Elimina
    3. L'Anima torna al Padre che può anche non riconoscerla.

      Elimina
    4. Nel CUORE ... GESU' nell'UNICO sepolcro.
      Nell'ANIMA ... il CRISTO nell'UNICO PADRE che la RISUSCITA nell'UNICO RISORTO.

      Elimina
  5. Nel POSTo ci sono TROPPI errori. Magari fossero sBAGLI, ma sono ... come dire? Non bugie, falsità, INVENZIONI ... perchè questi HANNO SENSO, ma un CONTRO SENSO.

    Ho apPREZZATO l'immagine ... molto più SIMILE e SOMIGLIANTE a cosa può CREARE (stao scrivendo PRODURRE) la MADRE.

    Il MISTERO E la MADRE. Lo SPIRITO SACRO e SANTO.

    I Mistici lo sVELERANNO, lo riVELERANNO o lo SPIEGHERANNO?
    La VEDRETE? La SENTIRETE? la VIVRETE?

    RispondiElimina
  6. Sacrificarsi per l'Altro. Sacrificarsi per il diverso: servire Dio.
    Nel libro che mi hai consigliato (e che non ho ancora finito) Giussani porta l'esempio delle suore del Cottolengo. Cinquant'anni che vivono con quelle persone particolari: ecco il sacrificio, ecco la santità. Accettare l'oggi con le difficoltà che il Signore ci chiede.Diamoci un colpo d'ala e sorridiamo al cielo! Ciao Gus Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sacrificarsi per l'altro imitando Cristo.
      Ciao Lucia.

      Elimina
    2. O una delle MARIe, ... GIOVANNI ... sotto la croce?

      Elimina
  7. Ogni cosa che facciamo comporta un sacrificio. Pensiamo a quanti sacrifici comporti prendere un diploma, una laurea, vincere una gara,trovare un lavoro,la casa, la macchina, i figli, un conto in banca che ti tenga al sicuro ecc ecc. Anche le vacanze comportano il sacrificio di prepararle, di fare le valigie, di aspettare le coincidenze...Tanto più ci sacrifichiamo, tanto maggiore è la soddisfazione, la gioia del raggiungimento della meta. Ma solo il sacrificio per un altro ci dà la gioia piena.Il mistero di Cristo è nascosto nella parabola della nostra vita.
    Ciao Gus. Anche scrivere un commento è un sacrificio, che riempie il cuore di gioia se lo fai per un Altro e per l'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un commento straripante di umanità.
      Ciao Antonietta.

      Elimina
    2. La PAROLA ... GRATUITAMENTE l'avete ricevuta e GRATUITAMENTE ... DONATELA ... incarnata.

      Elimina
  8. La santità passa attraverso la via della croce.
    ciao August,buonanotte!

    RispondiElimina
  9. Forse è questo POSTo che devo dimenticare. Mi basta trovarne un altro. Uno dove posare il MIO CAPO ... chi sà nel REALE.

    RispondiElimina
  10. Il parroco ha detto durante un'omelia che tutti dovremmo dedicare un po' del nostro tempo durante il giorno a meditare sulla Croce di Gesù. Se riuscissimo a capire, solo intuire la sua sofferenza e il suo grande amore per noi, cambierebbe il mondo.
    Buona serata Gus :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' inutile. Non possiamo capire la sofferenza di Cristo.
      La realtà della nostra vita lo dimostra ampiamente.

      Elimina
    2. E quella di una delle MARIe, ... GIOVANNI ... sotto la croce?

      Elimina
  11. I nostri cari ci sono accanto...
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei essere accanto a mia moglie ma non metaforicamente.
      Ciao Gioia.

      Elimina
    2. Ci sono morti che hanno bisogno di noi e SANTI che servono a NOI.
      QUESTO E' quello che gli unisce e CI unisce a LORO.

      Elimina
  12. lo so, ti capisco, lei ora è nella luce, ti ha preceduto.
    Purtroppo, ognuno di noi ha un tempo, necessariamente o l'uno o l'altra rimaniamo soli, ma il tempo è relativo, ci troveremo e sarà gioia piena!
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  13. deve essere terribile gus :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esmeril, sì, è terribile. Quando penso con una certa intensità a mia moglie provo un dolore insopportabile.

      Elimina
    2. Tu moglie ha terminato il suo compito per la TUA SALVEZZA.
      Ti senti in colpa?
      Nessuno scritto potrà consolarti se non superi questo senso di sofferenza.
      Mi hai detto che devo imparare a relazionarmi con ... CHI?
      I morti o i VIVI?

      Elimina
    3. gus è... non te lo so neanche spiegare.. non riesco ad immaginare un dolore più terribile di sopravvivere alla persona per la quale daremmo la vita...

      Elimina
    4. E per questo che le DONNE CRISTIANE CATTOLICHE si AFFIDANO alla MADRE che CUSTODISCE un MISTERO più GRANDE di quello del FIGLIO. Ma non tutti possono conoscere il senso della INCARNAZIONE del PADRE, del Figlio e dello Spirito SANTO per INNALZARE la MADRE, la FIGLIA e la SPOSA.

      (avevo scritto prima la SPOSA e poi la Figlia ... ma non comprendo. C'è chi mi può aiutare?)

      Elimina
    5. Angelo, quando muore una persona cara è inevitabile che uno si senta in colpa perché è forte la sensazione che si doveva dare di più.

      Elimina
  14. Nel vivere il ricordo di chi ci è stato donato mi viene spontaneo pensare che le circostanze ci vengono date per la nostra maturazione. (A volte ne farei volentieri a meno: come vorrei abbracciare la mia Vale, prenderle le mani, che lei aveva tanto belle...era proprio tutta bella...)mi fermo.E ti assicuro che questi anni trascorsi non mi hanno tolto un grammo di dolore, ma offro questo dolore a Lui e allora affermare che Lui è il mio tutto, mi rende più lieta. Un abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucia, Bruna ha sofferto tantissimo. Insegnava Ragioneria in un Istituto tecnico. Una retinopatia proliferante in 2/3 mesi le ha tolto la vista riducendola a sotto un grado. Ha dovuto lasciare l'insegnamento, lavoro che faceva con grande entusiasmo.
      Poi una nefropatia l'ha costretta alla emodialisi. Dopo i reni è stata colpita da un'arteriopatia obliterante degli arti inferiori. Amputazioni a 3 dita del piede e un by pass femorale a una gamba. Intervento che nemmeno è riuscito. Per tre anni ho medicato la ferita alla pianta del piede che non rimarginava, malgrado 3 interventi di angioplastica. Alla fine era diventata inevitabile l'amputazione dell'arto. La mattina prima dell'intervento era a casa, seduta sul letto. Non voleva farmi preoccupare e mi ha detto che aveva la sensazione di scivolare. Era un arresto cardiaco violento. Ho praticato un massaggio al cuore e la respirazione artificiale. Il 118 è arrivato subito. Praticamente è morta in 5/10 minuti. Durante la sua malattia era una corsa continua al Pronto soccorso, a tutte le ore del giorno e della notte per dialisi urgenti. Non si è mai lamentata. La sua malattia ha dato un senso alla mia vita. Ora devo ricominciare con l'aiuto del Signore.

      Elimina
    2. Devi trovare le RISPOSTE a tutto questo!
      Si potrebbero attribuire le colpe a qualcosa di genetico, stile di vita, cibo o modi di comportamento MATERIALE, distrazioni ... ALTRO, ma CHI può conoscere il SENSO di CHI permette TUTTO QUESTO ... sapendo che TUTTO porta alla VITA PIENA e non questa in questo MONDO dove INIZIA la VERA ed Eterna.

      Elimina
    3. Non ci sono colpe.

      Elimina
  15. HAI MAI PENSATO alla morte ... PRIMA che avviene per i tuoi CARI e per TE?
    Perchè per SAULO era un GUADAGNO, ma per PAOLO no?
    Non pensi che DIO lo abbia cond'ANNATO a reputarsi un ABORTO per il CIELO ... proprio per la sua conoscenza delle SCRITTURE solo metaforicamente?

    RispondiElimina
  16. Questo tempo dedicato a Bruna ti ha provato duramente! "Veni Sancte Spiritus, veni per Mariam" e ridesta in noi questo desiderio di Cristo perchè possiamo conoscerLo sempre di più, non come parola, ma come esperienza di vita che Gus ha fatto, per l'intensità per la realtà vissuta con la persona più cara, e perchè, Tu Spirito, sotto la pressione di questa commozione gli comunichi fiducia e forza nella carità del Mistero. 'notte tranquilla tra le braccia di Colui che consola tutti i cuori! Bacio Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Queste SI che sono più di PAROLE MESSE IN SiEME.

      Ti rendo GRAZIE a NOME di TUTTI e MIO perchè mi fai SUSSULTARE NELLO SPIRITO.

      Elimina
  17. Caro Gus, so che per te, rivivere quei momenti drammatici possono essere stati invasione di una sofferenza, tanta sofferenza, privata, intima, come solo il legame di una coppia può vivere.
    Ma il vostro amore benedetto da Dio, non ha bisogno di alcunche.
    Tu eri al suo fianco,questo è importante,hai condiviso la sua sofferenza, sai alle donne non piace essere troppo di peso, ma condividere sì.
    Il signore ha fatto sì che lei, Brunella, la tua donna amata, ti restasse sempre accanto,col suo amore, la sua discrezione.
    Ti parrà strano ciò che ti dico, ma è la verità. Sei un uono fortunato, perché hai incontrato la tua stella, che non si spegnerà mai!
    Ciao August

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho incontrato la persona che cercavo. E' una grazia del Signore.

      Elimina
  18. Lucia, in quel tempo della malattia grave di Bruna ho fatto cose che non ritenevo alla mia portata. Il Signore mi ha dato una forza che non avevo.

    RispondiElimina
  19. Esmeril, quando il dolore ha un senso diventa sopportabile.
    Tutto quello che accade apre orizzonti infiniti.

    RispondiElimina
  20. Forse non ho risposto a tutti, ma quello che ho letto è un abbraccio dolce, grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il CON SOLATO che deve ricevere e non chi si sforza di CON SOLARE.
      Ma nelle tue risposte HO TROVATO CON SOLA AZIONE.
      Ti rendo GRAZIE.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità