lunedì 22 ottobre 2012

L'economia non ha un'etica

 
 




 
 
 
Bisogna accettare il cambiamento di un'epoca, ciò non toglie che i valori possano esistere e tramandarli da padre in figlio.
Non si può opporsi al "progresso", però bisogna restare vigili che "l'importante" venga testimoniato con la purezza primitiva e autentica della Parola.
 
 




 

31 commenti:

  1. L'agorà, la comunità generale, è sparita, con le comunità limitate a enti intermedi e istituzioni indipendenti, a bar o ritrovi, o a lavoratori di un'azienda.
    Non esiste più un luogo dove la gente possa discutere della realtà che la riguarda perché non riesce mai a liberarsi in modo duraturo dalla presenza opprimente del discorso dei mass media e dalle varie forze organizzate per erogarlo.
    Ciò che è falso crea il gusto e si rafforza eliminando consapevolmente qualsiasi riferimento possibile all'autentico.
    E ciò che è autentico viene ricostruito più rapidamente possibile perché assomigli al falso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mancano i posti ma le PerSONe.
      Basti dare uno sguardo nel VIRTUALE.
      Un semplice sfogo come un ECO di un URLO di un PIANETA già SPENTO.

      Non è PESSIMISMO ma COERENZA di vivere in un TEMPO SBAGLIATO. Molti sostengono che si sta vivendo la PROPRIA GUERRA ma la VERITA' è che la stiamo aspettando per POI aspettare la PACE.

      Elimina
    2. Bisogna accettare il cambiamento di un'epoca, ciò non toglie che i valori possano esistere e tramandarli da padre in figlio.
      Non si può opporsi al "progresso", però bisogna restare vigili che "l'importante" venga testimoniato con la purezza primitiva e autentica della Parola.
      Ciao August!

      Elimina
  2. E come è fino durante una gita scolastica sulle colline del Varesotto?

    RispondiElimina
  3. Ora non avrei più paura.

    RispondiElimina
  4. Sì, i posti mancano a causa delle persone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molte nostre discussioni o decisioni spesso non sono consapevoli, abbiamo perso la libertà di scegliere e decidere.
      In altri casi i ..prodotti dell'intuizione e dell'istinto potrebbero essere corretti..ma..ancora e diversamente ci rapportiamo quando abbiamo a che fare con decisioni economiche e finanziarie...forse potrà sembrare strano ma pensandoci, molti nostri errori sono spesso prevedibili.
      Gli "errori" potrebbero davvero essere trappole mentali, le scorciatoie del pensiero di cui facciamo uso per semplificarci la vita e economizzare (anche) sulle risorse cerebrali, non solo materiali. ...in realtà complicandocela.
      Sono sopratutto... "peccati" di pigrizia!
      La "condivisione" e l'abbattimento degli egoismi non sono sufficienti! E sappiamo bene che Dio è sempre con noi!

      Elimina
    2. La VERA ACCIDIa è quella CARITAtevole.

      Elimina
    3. Dio è con noi, ma non approva i nostri peccati.

      Elimina
    4. GIUDICA SEMPRE il nostro comportamente allo stesso MODO con il quale NOI GIUDICHIAMO.

      Elimina
  5. Gioia, l'unico progresso è quello che avvicina l'uomo a Dio. E a Dio ci avviciniamo con la condivisione e l'abbattimento degli egoismi.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' VERO!
      Pro-Gresso vuol dire AVANTI-PASSO.
      E' sempre un ritorno alla CASA del PADRE fin dall'INIZIO. Attaccarsi una MACINA al collo o un tritatutto moulinex ... fa lo stesso per CHI TOCCA i PICCOLI del SIGNORE che non sono propriamente i bambini.

      Elimina
  6. Purtroppo hai ragione Gus. Il mondo è cambiato in peggio
    nonostante le belle scoperte che aiutano l'uomo a vivere meglio.
    Non sappiamo cosa sia l'etica. Ognuno bada al suo interesse e sembra che l'ingordigia prevalga su tutto. La gente parla solo se arrabbiata.
    Sembra che l'uomo si sia svuotato di tutto ciò che lo rendeva umano e sensibile. Ci sarà un cambiamento di rotta..così non si arriva molto lontano. Preghiamo per Dio illumini tutti. Nottina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono limitato all'etica perché parlando della morale la faccenda diventava tragedia.
      'notte Saray.

      Elimina
    2. Già! anche se non FA' grandissima differenza!
      Non per me!
      Tutto bene Gus?

      Elimina
    3. L'etica si riferisce ai comportamenti dell'uomo e varia con il tempo e le abitudini.
      La morale è Cristo, o meglio la sua vita e la Parola. E' immutabile.

      Elimina
  7. Il PROGRESSO non si vede da come si sperpera ma da COME si CONDIVIDE.

    Una VOLTA, non tanto tempo fa, NESSUNO moriva di FAME nel suo paese e gli tocca venire a mangiare nei nostri cassonetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, il progresso è quello che coinvolge tutti gli uomini. Diventa violenza quando 3/4 dell'umanità soffre la fame per far ingrassare una minoranza.

      Elimina
    2. GRANDE DIFFERENZA ... come se fosse anche UNO SOLO a morire di FAME ... LUI.

      Elimina
    3. Sì, Lui soffre per i poveri, ma li ripagherà dei torti subiti.

      Elimina
    4. Di condivione nemmeno a parlarne, lo spreco è una violenza verso i poveri.

      Elimina
    5. Non c'è DUBBIO per il RISArCI-MENTO.
      Ma GARE fossero SPRECHI come allUVIoni, ma sono PERFETTE opPRESSIONI, sFRUTTAmenti ... ma UN VERO GENOnociDIO.

      Questo avviene anche in OGNO CORPO che abortisce l'ANIMA.

      Elimina
    6. La vita è una cosa seria e grande.
      Di ogni istante, di ogni gesto, di ogni parola,
      di ogni pensiero noi dovremo render conto:
      qui sta la grandezza della vita. Se fossimo molluschi
      non dovremmo rendere conto. Invece renderemo
      conto di ogni pensiero, anche il più occulto, perché l'io umano è rapporto con l'infinito.
      Che si ravvii i capelli o che mangi un tozzo di pane,
      non può strapparsi da questo rapporto ultimo
      che lo costituisce, da questa grandezza che lo
      definisce.
      Ma non è così.
      Dice Péguy che questo mondo moderno non è solamente
      un mondo di cattivo cristianesimo, ma
      è un mondo incristiano, scristianizzato.
      Questo è un mondo che che non vuole più
      il cristianesimo.

      Elimina
    7. In VERITA' non lo ha mai voluto, anche prima do CRISTO.
      Anche il mollusco darà conto del suo comportamento extra. in poche parole il verme deve fare sempre la SUA PARTE anche quando è usato come esca, se non sa quello che sta facendo.

      Ci afFIBIAno SEMPRE la sOFFERenza ma non sanno che il CRISTIANO è ben VOLUTO solo dal SOFferente.
      Pochi comprendono il CRISTO nella GIOIA.

      IO l'HO VISTO! Mi MANCA ... solo VIVERLO.

      Elimina
  8. Secondo me, il problema non è il progresso che avanza ma le persone che arretrano: E' tutta una questione di scelte. Alla sera, per esempio, io guardo la TV solo se c'è un bel film altrimenti mi leggo un bel libro, oppure vado a teatro, oppure mi ritrovo con amici e discutiamo di politica, di sociale, del film visto ultimamente ecc ecc...
    E' logico che questo "fermarsi" succede di sera...Di giorno c'è il lavoro, la spesa, le commissioni, i nipoti da portare e prendere a scuola, preparare il pranzo ecc ecc. Quindi quasi impossibile il dialogo. Al contrario la sera, ma questo dipende da ognuno di noi...mica dal progresso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'industrializzazione ha influito sul comportamento delle persone perché si guarda solo al profitto e non alle necessità spirituali delle persone.

      Elimina
    2. Non su tutti però ...grazie al cielo...

      Elimina
  9. Vero Gus, non hai la minima idea di come ho dovuto difendermi per mantenere il lavoro, nonostante le mie assenze erano gravemente motivate!
    Posso condivire in parte: due anni di assenza non sono pochi, ma ho preteso il rispetto assoluto sulla mia persona!
    Oggi non è più la "qualità" della vita l'esigenza primaria! :(
    E questa vita che ti cambia!
    Tutto ok? e non rispondermi che in-somma è meglio... non avrebbe senso! :))
    "Notte!

    RispondiElimina
  10. Ciao! buona giornata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona giornata anche a te.
      Ciao.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità