giovedì 27 settembre 2012

La domanda e la preghiera

 
 
 
 
 
Vieni, Santo Spirito,
manda a noi dal cielo un raggio della tua luce.
Vieni, padre dei poveri,
vieni, datore dei doni, vieni, luce dei cuori.
Consolatore perfetto;
ospite dolce dell'anima, dolcissimo sollievo.
Nella fatica, riposo,
nella calura, riparo, nel pianto conforto.
O luce beatissima,
invadi nell'intimo il cuore dei tuoi fedeli.
Senza la tua forza
nulla è nell'uomo, nulla è senza colpa.
Lava ciò che è sordido,
bagna ciò che è arido, sana ciò che sanguina.
Piega ciò che è rigido,
scalda ciò che è gelido, drizza ciò ch'è sviato.
Dona ai tuoi fedeli
che solo in te confidano i tuoi santi doni.
Dona virtù e premio,
dona morte santa, dona gioia eterna.
 
 



14 commenti:

  1. Letture di Luigi Giussani.

    RispondiElimina
  2. lettura troppo impegnativa per una casalinga per caso....
    ciao Gus! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche l'impeto di preghiera è un dono del Signore.

      Elimina
  3. BENE DETTO COLUI CHE RICONOSCE CHI VIENE NEL NOME DEL SIGNORE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si viene nel nome del signore solo in virtù di una benedizione dello Spirito Santo.

      Elimina
    2. ... DALLO ... Spirito SANTO!

      Elimina
  4. La preghiera io la vivo come un dialogo con Dio. In genere non chiedo molto ma racconto convinta che Dio mi ascolta. Poi lascio fare a Lui. Dolce notte Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tessalonicesi 5:17-27: non cessate mai di pregare.

      Elimina
    2. Poiché la parola non è ancora sulla mia lingua, che tu, o Eterno, già la conosci appieno". (Salmo 139:4)

      "la mia parola non è ancora sulla lingua
      e tu, Signore, già la conosci tutta". (Salmo 139,4)

      Elimina
  5. Non riesco a prendere sonno ed eccomi qui. Ho appena letto alcune pagine del Diario di Hetty Hillesum, mi è piaciuta questa frase: "Ho nell'anima tanta calma e dolcezza, e un senso di appagamento che riposa in Dio" Buonanotte Gus!

    RispondiElimina
  6. “Dio gradisce molto di più le bestemmie dell’uomo disperato che non le lodi del benpensante la domenica mattina durante il culto“, diceva Lutero ... riferendosi a GIOBBE (vedi anche Salmo 39 e 139,4)

    RispondiElimina
  7. La preghiera è una tappa fondamentale della quotidianità di chi si definisce cristiano.
    Lo Spirito di Dio non opera in persone distratte, incapaci di riflessione e di rapporto con Dio, oppure soddisfatte di sé e chiuse a ogni vocazione. Lo Spirito Santo deve essere ascoltato e invocato.
    Bisogna che noi curiamo i momenti di lettura della Sacra scrittura, poiché Egli ci parla e occorre che noi percepiamo con chiarezza in queste circostanze.
    Un saluto affettuoso
    Sally

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La preghiera ci fa riflettere su quello che siamo.
      Ciao Marianna.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità