giovedì 6 settembre 2012

Dacci oggi il nostro pane quotidiano

 



 
 
 
Chi si imbatte in Cristo e comincia a seguirlo e si accorge della sua umanità non può non notare la sproporzione tra il Signore e lui.
E si sente piccolo fino al punto di scoraggiarsi. Non bisogna farlo e solo la preghiera può aiutarci.

6 commenti:

  1. La Bibbia termina con due parole: "Vieni, Signore". Queste parole devono essere la prima conquista dell'uomo libero.

    RispondiElimina
  2. Sì, il "Suo Regno" comincia qui sulla terra, qui scegliamo la Sua Parola e la mettiamo in pratica, qui abbiamo bisogno del Suo pane disceso dal cielo, nutrimento essenziale per la nostra vita:"Come in cielo così in terra"
    Ciao August!
    Buonanotte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E noi siamo uomini liberi.
      Ciao Gioia.

      Elimina
  3. Chi si imbatte in Cristo e comincia a seguirlo e si accorge della sua umanità non può non notare la sproporzione tra il Signore e lui.
    E si sente piccolo fino al punto di scoraggiarsi. Non bisogna farlo e solo la preghiera può aiutarci.

    RispondiElimina
  4. "Io sono il pane della vita" Lui è la mia libertà. Nell'Eucarestia io trovo il senso della mia totalità. Ciao Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una sensazione bellissima.
      Ciao Lucia.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità