lunedì 27 agosto 2012

Vivere o sopravvivere?



Quando ci si muove per sopravvivere si agisce sempre per reazione.
Nella misura in cui la situazione è grave, allora, si agisce bene.
Ma solo la vita normale costruisce, crea; la costruzione della vita
non ha parentesi o sospensioni: o è continua, e tutto assimila
e utilizza nel cammino, o non è tale.
E' come se normalmente noi fossimo continuamente
affaticati di ragioni esistenziali per l'agire quotidiano.
Questo ci allinea a tutti gli altri, sempre all'inseguimento di
ragioni per avere un po' di gusto nella vita, mancando di
motivi per l'impegno normale di tutti i giorni.
Ma allora che presenza è, che vita è la nostra?
E' una sopravvivenza, una reazione a un urto violento,
proveniente da chi ha ancora un residuo di energia
per riaffermare il suo potere.
 
 
 


43 commenti:

  1. Ci si muove dunque davanti a una grave provocazione ( aborto, divorzio), ma poi è come se si rimettesse "il muso tra le zampe" vicino alla polvere. Tutti sentiamo, dopo il sommovimento avvenuto, il pericolo incombente di ritornare o di restare in questa suspense tra gli impegni pubblici e una vita personale tutta affaticata dall'assenza di motivi che rendano umani gli affari quotidiani.

    RispondiElimina
  2. Questo post sembra strano e astratto, ma non è così. Il cristiano che vive stancamente è preda del potere che sferra attacchi terribili. In un momento di stasi, di vita con poca fede, senza entusiamo, sono passati divorzio e aborto. L'aborto è quasi sempre un assassinio e il divorzio mina alle basi la forza del matrimonio cristiano che è spacciato come qualcosa destinato ad affievolirsi e sparire.

    RispondiElimina
  3. Io posso portarti la mia esperienza di vita che non è sopravvivenza ma è una vita colma, di impegni, di interessi di programmi di volontariato, di attenzione a tutto ciò che gira intorno a me, famiglia, parrocchia, amicizia, sofferenza e gioia.
    Senza contare la fatica di far quadrare il bilancio economico in questo periodo tirato al massimo,
    per poter aiutare i figli , in particolare uno che da gennaio è in cassa integrazione,
    Io vivo capisci Gus, pienamente!
    Ciao!

    RispondiElimina
  4. In una società come quella di oggi, in cui regna il principio di fare tutto quello che si vuole in none della libertà, libertà fasulla, crediamo di essere liberi di scegliere ogni cosa e di vivere come vogliamo, senza accorgergi che siamo più schiavi di prima.
    Una società che non sa trasmettere ai giovani il grande valore della famiglia, ma che invece sembra spingere i giovani ad affrontare il matrimonio con leggerezza, sapendo che tanto poi c'è il divorzio, è una società in cui gli individui non potendo gustare la bellezza del rapporto famigliare per così dire, sopravvivono all'andazzo generale, invece di vivere realmente gustando ogni attimo di questa vita che ci viene donata.
    Proprio non molto tempo fa mi si è ripresentata l'occasione di riascoltare il discorso sull'aborto di "Gianna Jessen", la bambina di Dio come lei ama
    definirsi. L'ho fatto ascoltare a mia figlia e ad alcune sue amiche, che sono rimaste molto colpite dal discorso di Gianna, che è un vero grido alla vita sempre e comunque.Mi hanno detto che ne avrebbero parlato ai loro genitori per vedere se erano a conoscenza di questo video. Sono state molto toccate
    dal discorso di Gianna. peccato che come sempre, discorsi come questi che dovrebbero essere trasmessi magari in prima serata per dare la possibilità di essere ascoltati dal maggior numero possibile di persone, vengano ascoltati quasi per caso. Gianna riesce a scuotere le coscienze con la sua testimonianaza e credo che dopo aver sentito lei, molti favorevoli all'aborto, cambierebbero idea.
    Dobbiamo cercare di fare del nostro meglio,affinchè i valori nei quali crediamo e che rappresentano dei punti fermi, non vadano persi.
    Spero tanto che con il nostro esempio di coppia unita, i miei figli possano improntare la loro vita, mettendo al primo posto la famiglia.
    Mi auguro che vivano la loro vita da protagonisti e non sopravvivano da spettatori.
    Grazie per avermi fatto ripensare e riflettere su questi temi.
    CIAO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Rosella, per il tuo commento che condivido perché coglie gli aspetti psicologici negativi sulla società del divorzio e dell'aborto.
      Ciao.

      Elimina
  5. Bisognerebbe vivere tutte le vite e le varie situazioni per poi giudicare DOVE abbiamo sbagliato.
    Perchè il peccato dei peccati è aver mangiato un frutto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mancata accettazione della dipendenza è il peccato dei peccati.

      Elimina
    2. BEATO allora fu quel PECCATO.
      SANTO il nostro SALVATORE.
      VADA RETRO SATANA o Padrino nel regno DEI deboli.
      Quando SEI debole allora sei forte?
      Anche io nelle tentazioni di questo mondo.
      Ci sono debolezze e debolezze e fortezze e FORZE sovraumane.
      Mi piace provocarti per poi vederti cadere.
      STUDIA più la logica FISICA che la TEO-logica non fa per te.
      Hai bisogno ancora del CUSTODE che ti faccia da guardiano o da PROTETTORE?
      PROSTITUTO!
      Quando mi passerai AVANTI?

      Elimina
    3. Sono tue teorizzazioni strane.
      Peccato santo è un ossimoro.

      Elimina
    4. Sai cosa vuol dire TEO RIA?
      E STRANO?
      Non sai che il SANTO si è fatto peccato?
      Ringrazia il TUO CUSTODE che mi dona PERLE del Cielo per lasciarit stare ... altrimenti ti avrei lasciato c.
      IN UNA PEZZA SPORCA.

      Ma sai cosa vuol ESSERE l'OSSIMORO?

      Tu parli solo per sentito dire.

      Elimina
    5. Sai cosa vuol dire TEO RIA?
      E STRANO?
      Non sai che il SANTO si è fatto peccato?
      Ringrazia il TUO CUSTODE che mi dona PERLE del Cielo per lasciarit stare ... altrimenti ti avrei lasciato c.
      IN UNA PEZZA SPORCA.

      Ma sai cosa vuol ESSERE l'OSSIMORO?

      Tu parli solo per sentito dire.

      Elimina
    6. Sai cosa vuol dire TEO RIA?
      E STRANO?
      Non sai che il SANTO si è fatto peccato?
      Ringrazia il TUO CUSTODE che mi dona PERLE del Cielo per lasciarit stare ... altrimenti ti avrei lasciato c.
      IN UNA PEZZA SPORCA.

      Ma sai cosa vuol ESSERE l'OSSIMORO?

      Tu parli solo per sentito dire.

      Elimina
    7. Tu farnetichi.
      Lo sai cosa significa?

      Elimina
    8. Tutti e TRE?
      O SIGNORE!

      Elimina
    9. Ognuno da le proprie PAROLE che dice.
      Tu lo dici.
      SONO SCANDALIZZATO a CAUSA TUA.
      Sai cosa vuol dire?

      Elimina
    10. Nessuno ti obbliga a scrivere in questo blog.
      Significa questo.

      Elimina
    11. IO non scrivo POST in questo blog.
      IO COMMENTO!
      Faccio osservazioni!
      Mi è dato il potere di farlo anche se non quello di pubblicarli.
      Tu sei padrone del TUO POTERE.
      IO del MIO.

      Non cerco te ma CHI ti governa.
      Se fosse così POTENTE ti avrebbe consigliato di non rispondermi.

      Puoi sempre IGNORARMI se preferisci chi ti ossequia.

      Elimina
    12. Il fatto è che tu non commenti. Proponi tue teorie e quindi sono post.
      A te chi ti governa?

      Elimina
    13. "Il fatto è che tu non commenti. Proponi tue teorie ecc ecc"!
      Il "fanatismo", l'esperazione religiosa ,spesso,divene tale perchè non ci si accontenta di avere la fede e la salvezza: ci sono malesseri che vanno oltre il disagio della persona!... i fanatici hanno un differente chiamiamolo "tornaconto": la pace interiore!
      Nulla di male come conseguenza per ottenere consensi, e supporto..un dare e ricevere insomma.
      Ovviamente,non tutti i religiosi sono così...
      C'è un carisma umile che nasce dal cuore spontaneo, non filtrato.. ne "scontato" che ho avverto in pochi cristiani.. in verità!

      Elimina
    14. Ancora?
      ANALIZZIAMO?
      il FATTO (è reale, virtuale o VERO?)
      ProPONI TEO-RIA (http://www.etimo.it/?term=teoria)
      Non ti piace il MIO POSTo?
      Io mi GOVERNO da SOLO.
      E' peccato se MIO PADRE mi lascia FARE?

      Elimina
    15. Ancora?
      ANALIZZIAMO?
      il FATTO (è reale, virtuale o VERO?)
      ProPONI TEO-RIA (http://www.etimo.it/?term=teoria)
      Non ti piace il MIO POSTo?
      Io mi GOVERNO da SOLO.
      E' peccato se MIO PADRE mi lascia FARE?

      Elimina
  6. E il santo peccatore cos'è! un paradosso?
    l' "ossimoro" è che si sono santificati tra di loro?..!!
    Donando "esempi" di vita quando.. l'inferno era vicino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si diventa santi dopo la morte ed è quindi impossibile peccare.

      Elimina
    2. PARLA PER TE.
      HAI BESTEMMIATO contro il PADRE, il FIGLIO e lo SPIRITO SANTO.

      Elimina
  7. Difficile giudicare o essere giudicati, dobbiamo cercare di vivere su questa terra cercando di preparare la nostra valigia di opere buone così quando verremo chiamati dal Padre sarà Lui che giudicherà il nostro operato. Mi piace molto l'immagine che hai scelto perchè evidenzia che il percorso non è sempre chiaro e pianeggiante ma ci sono anche ostacoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giudizio di valore su una persona è possibile perché non è una condanna che non spetta a noi.
      Ciao Simona.

      Elimina
    2. "Un giudizio di valore su una persona è possibile perché non è una condanna che non spetta a noi".

      Per queste FRASI io ritorno QUI.
      Me la sono letta TRE VOLTE.
      Vera PERLA da Venditore di Spirito.

      Leggo e penso a come GIUDICHIAMO il CRISTO nel nostro prossimo.

      Elimina
    3. Giudizio di valore vuol dire l'applicazione dell'Intelligenza, della coscienza, della ragione, a una determinata realtà per definirne la natura, l'essenza, il significato.
      La frase puoi leggerla mille volte senza comprenderla.
      C'è un tuo pregiudizio nei miei confronti, per questo annaspi.

      Elimina
    4. Ti sbagli!
      Ognuno giudica l'altro come se fosse se stesso, CONsciaMENTE o .. inconsciamente.

      Spesso non mi rispondi.
      Tu hai paura di sbagliare!
      Io vorrei tanto sbagliare, ma NON SONO SOLO e chiedo aiuto a CHI ne sa più di me di farlo CADERE.

      Io continuo a VENIRE nel tuo BLOG perchè ATTINGO qualcosa.
      Pensa un po' che attingo anche anche da Fulvio a differenza di altri luoghi, pur di CREDENTI.

      Il giorno che mi diventerai indifferente ... Vivrai in pace?

      Cosa vuoleva dirci quando ci disse: "Vi lascio la pace, vi do la mia pace".
      RICORDI?

      Elimina
    5. Ho già spiegato il giudizio di valore.
      E' una presa d'atto della realtà che ti circonda.

      Elimina
    6. il giudizio non è dell'umile
      della realtà..l'hai capita la vera realtà..no

      Elimina
    7. il giudizio non è dell'umile
      della realtà..l'hai capita la vera realtà..no

      Elimina
    8. MALA TEMPORA ... SVALUTESCIUM

      Elimina
  8. Troppi anonimi con la fissa sulla testa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fissa sulla testa.
      COS'E'?

      Elimina
    2. Un pensiero assurdo in testa.

      Elimina
    3. E' ASSURDO anche credere ad un morto poi RISORTO senza averlo visto RIVIVERE.
      Lo vedi che ti contraddici?
      Rispetta le VERITA' degli ALTRI.

      L'anonimato ha due funzioni.
      E' ANONIMO anche DIO fino alla SANTIFICAZIONE del SUO SANTO NOME nel FIGLIO.

      Elimina
    4. Non mi riferisco a te.
      La verità degli altri può essere una bassa insinuazione.

      Elimina
    5. Capisco con chi ce l'hai, ma io le prendo come provocazioni. Cerco di rispondere sempre.
      Ricordati che i DEMONI sono sempre MUTI e SORDI e pure CIECHI.
      Qualche volta ti ho visto rispondere BENE a chi insinua male.

      Elimina
    6. Ho risposto mille volte ma non è bastato.

      Elimina
    7. Non è colpa di chi non riconosce di essere posseduta. Ma puoi aiutarla a liberarsene.

      Elimina
  9. rileggi con calma...rifletti
    Ricordati che i DEMONI sono sempre MUTI e SORDI e pure CIECHI.
    Qualche volta ti ho visto rispondere BENE a chi insinua male

    non veniva a me, non leggi che è contraddizione?

    ma dove ti sei laureato tu...? ma l'intelligenza??

    RispondiElimina