martedì 28 agosto 2012

Il carisma che ti spinge a seguire una persona

 
Dall'autorevolezza nasce il carisma che ti spinge
 a seguire una persona che vive con più maturità
 la fede e che ti coinvolge in un'esperienza viva,
 che passa il suo dinamismo e il suo gusto dentro di noi.
Gesù a Pietro e Andrea disse: "Seguitemi",
vi farò pescatori di uomini,
 E quando i due discepoli gli chiesero: "Maestro, dove abiti?",
Gesù disse loro: "Venite e vedrete".
Quell'autorevolezza lì, nasce
dall'intima adesione alla verità.
Tanti anni fa lessi un preziosissimo
libretto di Cantalamessa 'Obbedienza' dove
spiegava che l'autorevolezza di Gesù
nasceva dalla sua profonda sottomissione
 alla volontà del Padre e gli altri lo percepivano,
le sue non erano parole, ma frutto
di un'obbedienza reale alle parole pronunciate.
 Vita vera, insomma...sottomessa.






50 commenti:

  1. Ho letto questo brano nel vangelo di Giovanni: 15:14
    "Voi siete miei amici se fate quello che vi comando".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ABBA'...stanza ambigua come IMPOSIZIONE.

      Elimina
    2. Chi vuol fare da solo senza ascoltare il Padre non ha speranza.

      Elimina
    3. non sta a te giudicare

      Elimina
    4. Infatti non lo faccio.

      Elimina
    5. l'hai fatto, tu dici: non ha speranza

      Elimina
  2. Il comando è: "Che vi amiate gli uni gli altri".
    Solo così si diventa un amico di Cristo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non farlo sapere a chi poi vorrebbe più carne che spirito.

      Elimina
    2. Sono scelte sbagliate che uno si trascina per tutta la vita.

      Elimina
    3. e le bugie sono meno importanti?
      ricordi?

      Elimina
    4. giura davanti al tuo Dio se era verità...ricordi...? quel pomeriggio

      Elimina
    5. La menzogna è un peccato grave.

      Elimina
    6. non è una risposta! era verità non ammessa vero?

      Elimina
    7. chiaro che era verità! per quello poi ti ho odiato
      ti aspetto qui...devi scrivere era verità? io lo so già!

      Elimina
    8. e tu l'hai detta! uno schifo

      Elimina
    9. pagherai il tuo grave peccato: la menzogna...soprattutto perchè l'hai detta a me, a tutti!
      Dio mi vuole molto bene e io lo so!
      è un giudizio di valore!

      Elimina
    10. giuralo su tua moglie, figli e Dio! e mi convinco! forse! penso che saresti capace di giurare il falso!
      per un bel po chiudo con voi!
      sono nauseata

      Elimina
    11. 22.49 la menzogna è un peccato grave.

      giura davanti al tuo Dio. Era verità! quel pomeriggio

      22.49 in alto contemporaneamente: infatti non lo faccio

      Grande GUS! il paradiso è tuo!

      Elimina
  3. Chi si affida, e perciò ha fiducia nell'altro, crede nella autorevolezza del prossimo, di chi reputa amico e non ha paura ad abbandonarsi vincendo tante resistenze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Autorevolezza, ci viene innanzitutto dalla stima che hai per quella persona, dalla affinità di intenti,
      dallo stupore di ciò che dice con naturalezza ,ma con fermezza, senza tentennamenti, allora
      ti poni all’ascolto, con cuore attento e decidi di obbedirgli, di seguire ciò che dice e compie!
      Ciao August
      Un abbraccio! Grazie

      Elimina
  4. Veramente autorevoli sono le persone che ci coinvolgono con il loro cuore, con il loro dinamismo e con il loro gusto, nati dalla fede.
    Ma autorevolezza reale è allora la definizione dell'amicizia.
    L'amicizia vera è la compagnia profonda al nostro destino, al destino del nostro volto.
    E non è questione di temperamento.
    Ve ne può essere uno più effusivo e uno più discreto e cauto.
    L'amicizia vera si sente nel cuore della parola e nel gesto della presenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piace molto questa tua affermazione :-)
      un saluto

      Elimina
  5. Anche noi nel Padre Nostro diciamo - sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra - segno che ci impegneremo a vivere secondo il Signore in amore verso il prossimo, e a usare con pudore le parole.
    Bonnè journèè Gus.
    → Pierrot

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Padre Nostro è un'invocazione divina. Nasce dal Figlio illuminato dal Padre e dallo Spirito Santo. Bisogna scandire le parole del Pater e non recitarle a cantilena. Nella preghiere c'è quello che vuole Dio e quello che noi promettiamo di fare.
      Ciao Pierrot.

      Elimina
  6. Gus, non capisco l'ultima tua affermazione: "Vita vera, insomma...sottomessa"
    Io non mi sento sottomessa anzi...oserei dire libera proprio in base a questa obbedienza a Cristo.
    Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AnnaMaria, sottomesso significa comprendere che: io non mi faccio da me, ma da altro. E' l'intuizione più grande che lo spirito umano9 abbia mai avuto.
      Ciao.

      Elimina
    2. CHI E' l'ALTRO?
      Non pensi che SIA necessario CONOSCERLO?

      Elimina
    3. L'altro è il Padre.

      Elimina
    4. io non mi faccio da me, ma da altro.
      hai capito? No!

      Elimina
    5. L'altro è quello che la tradizione religiosa chiama Dio.
      E' il passaggio dal senso religioso alla religione.
      L'altro intuito diventa una Presenza precisa.

      Elimina
    6. grande intuito? no, non ci siamo

      Elimina
    7. nemmeno,
      l'intuito è anche teologia qui scarseggia

      Elimina
  7. Oggi ci parli di amicizia, amicizia che nasce dalla fede e quindi da un cammino. Io oggi ho postato poche righe per parlare di libertà, libertà che nasce dalla fede e quindi da un cammino! E non ero ancora venuta a trovarti! mi piace questa comunione! Buon pomeriggio Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piace anche a me, Lucia.

      Elimina
    2. AMATE i nemici più degli amici.
      Cioè ABBIate carità per chi non COMPRENDE il PADRE.
      La CARITA' è anche una tiratina di orecchi senza usare la mani.

      Elimina
    3. Giusto. Amare un amico è troppo facile.

      Elimina
    4. a parole

      Elimina
    5. Credi che la vita eterna si guadagni senza qualcosa in più dell'ordinario?

      Elimina
    6. no, in meno! ma chi ha sbaglito deve pagare!
      agostino!

      Elimina
    7. Non siamo noi a stabilire chi deve pagare.

      Elimina
    8. giudicare si, pagare no?
      la Presenza che dice?

      Elimina
  8. Ti ricordo che il PADRE E' "anche" LUI.

    Gesù sapeva AFFASCINARE soprattutto quando RIMPROVERAVA.
    Bastonava anche i suoi amici quando li sorprendeva a ridere sulle batoste che dava ai Farisei.

    Lui viveva una SOFFERENZA continua per AMORE di TUTTI.
    Lui non temeva la loro morte ma la SOFFERENZA che avrebbero POI dovuto VIVERE per ritornare dal PADRE, cioè da LUI STESSO.

    La TUA FEDE ti ha salvato ... diceva SEMPRE ... DOPO.

    RispondiElimina
  9. Il perdono è sempre preceduto dal rimprovero del peccato fatto e che non deve essere replicato.
    Ti dice niente: "Vai e non peccare più"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si dice ogni volta...dopo..

      Elimina
  10. Dio perdona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in fondo noi possiamo contare solo sulla sua Misericordia.

      Elimina
  11. Più che dall'autorevolezza direi che è dalla fede che nasce il carisma e l'autorevolezza. Quindi sarebbe meglio dire che è dal carisma che nasce l'autorevolezza e non viceversa.

    In Geremia il Signore dice di non spaventarti di fronte al nemico. Quindi la sua autorevolezza e il suo carisma nascono dalla fede e dall'adesione totale a Dio. Quindi dalla sottomissione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlando di Gesù la fede è data per certa.
      Ciao.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità