mercoledì 22 agosto 2012

I parametri mentali degli strumenti di comunicazione




La logica del potere vince sul piano comportamentale poiché annulla gli spazi di pensiero-occupandoli con la praxis quotidiana- e bombarda con tutti i possibili strumenti di persuasione. Apparentemente quindi vince.
La coscienza ha uno strato più profondo e addomesticarla non è così semplice così come avviene con la logica comportamentale. Il prezzo pagato dall'individuo è la scissione. Ma non a caso chi ha più “tempo non occupato” (ad es. pensionati, gente fuori dal circuito produttivo ecc) ha più tempo a disposizione per l'opposizione, per il lento ricucire della scissione, per l'individuazione di una alternativa che possa far da traino alla coscienza sopita. Tempo, unità e chiarezza...possono. -potrebbero-annullare gli effetti dell'estraneità.




25 commenti:

  1. Sembra talvolta che la logica del potere vinca: era l'impressione che avevano anche gli apostoli. Ma la vittoria del potere è apparente ed effimera: non cedendo alla mentalità dominante noi facciamo diventare la nostra vita funzione permanente, funzione di ciò che dura nella storia, la verità, la giustizia l'amore. Dice Anna Vercors ne l'Annuncio a Maria di Paul Claudel. Dobbiamo essere attenti, perché la vittoria del potere cerca il suo spazio nella nostra quotidianità, non quando andiamo facendo discorsi, prendendo posizioni o analizzando. Il potere cerca di farsi spazio in noi travolgendo la nostra fragilità. Il valore e la consistenza dell'uomo si esprime di fronte alla realtà in un modo nuovo di usare il tempo, di attraversare la fatica, di amare, di superare l'estraneità. E' questa la rivalsa della persona sull'alienazione voluta dal potere.

    RispondiElimina
  2. La logica del potere vince sul piano comportamentale poichè annulla gli spazi di pensiero-occupandoli con la praxis quotidiana- e bombarda con tutti i possibili strumenti di persuasione. Apparentemente quindi vince.
    La coscienza ha uno strato più profondo e addomesticarla non è così semplice così come avviene con la logica comportamentale. Il prezzo pagato dall'individuo è la scissione. Ma non a caso chi ha più “tempo non occupato” (ad es. pensionati, gente fuori dal circuito produttivo ecc) ha più tempo a disposizione per l'opposizione, per il lento ricucire della scissione, per l'individuazione di una alternativa che possa far da traino alla coscienza sopita. Tempo, unità e chiarezza...possono. -potrebbero-annullare gli effetti dell'estraneità. ciao gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parole è facile battere il potere.
      Ciao Bru.

      Elimina
    2. Non c'è necessariamente un dualismo fra l'uso degli strumenti offerti dal "potere" e la propia coscienza.
      Sempre c'è un "potere" di cui noi usiamo alcuni strumenti "offerti", pagandone il "prezzo", ma non c'è necessariamente un dualismo se noi siamo consapevoli di ciò e siamo veri nell'usare questi strumenti.

      Elimina
    3. Dobbiamo preoccuparci anche di chi non è consapevole.
      Ciao.

      Elimina
    4. Si "PAGANO" sempre le conSEGUEnze.

      Elimina
  3. gus, inoltre, se posso permettermi..ho un appunto da fare al tuo blog. Il linguaggio della comunicazione è uno strumento di unità. Se fosse per me parlerei un'unica lingua: e non è quella delle parole. Comprendo che la strada della vicinanza alla Presenza si sia, per molte ragioni, fatta ancor più acuta e presente in te. e ne sono felice. Non posso capirlo, ed è una mia mancanza, ma posso sentirne gli effetti su di te, attraverso il linguaggio, i post, i commenti, e nn posso che gioirne per te. Ma, in linea di principio, una comunicazione che percorre una strada che ha prevalentemente certi codici di lettura, e quindi di interpretazione, e quindi di spiegazione, taglia fuori chi questa lettura è ancora lontana dal percepirla o semplicemente non segue. E alla fine chi legge attraverso un “libro” non suo, si sente escluso (da una possibile altra lettura) giacchè è lo stesso linguaggio a tracciarne il perimetro. Lo so che è un pò contorto quello che vorrei dire e rischio di essre fraintesa. Ma tutto quel che è giusto lo è per definizione, per assunto, per pratica. Non esiste una “parte” o luogo, nemmeno se scritto per codici o lemma. E allora, secondo me, più si cerca nel “proprio” linguaggio o codice la conferma della verità, tanto+ si taglia fuori chi è fuori da questo codice di lettura. E invece, proprio perchè è humus per tutti, per tutti sia l'esemplificazione del messaggio. Questo non è necessariamente un post da pubblicare, sai tu. E' la mia difficoltà a seguire ciò che percepisco come un muro solo formale anche se non sostanziale. ciao gus. bru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bru, non cerco la comunicazione. Cerco la pace dentro di me.

      Elimina
    2. Sei più idiota di quanto avrei mai immaginato! Scriviti un diario e tienilo per te!
      Di "prof" e professionisti depravati ne abbiamo in abbondanza ! Cerchi la pace? dovevi pensarci prima! Sei stato fortunatissimo, ci sono persone che meritavano più di te! Attento che se mi gira scrivo tutto ciò che mi hanno detto.
      Pe fortuna che i tuoi "commentatori" non capiranno la cazzata che hai scritto!
      Egoista, gay, perverso e ipotrita! nulla esiste di peggio!
      Fan culo e vergognati!
      PS arancia si, che ha TANTO da pensare: quando vede il lavoro scappa! Meglio fare la mantenuta!

      Elimina
    3. che commento razzista ... non so come la vedete voi, ma io anche non essendo gay non ci trovo nulla di male. c'è tanta gente che fa errori veri nella vita. amare qualcuno, se lo si ama veramente, per me non è sbagliato.
      u.u

      Elimina
    4. E' culturalmente, moralmente e umanamente limitata.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Ciao Bru.
      Non è difficile capire.

      Elimina
  5. Non rispondo al post di ieri: troppo difficile. Ma rispondo alla tua frase:cerco la pace dentro di me. Leggo e trascrivo: "il cuore dell'uomo è desiderio di verità e di pienezza e questo desiderio segna un cammino drammatico per ciascuno quando, cosciente del proprio niente, sceglie di vivere quella tensione al proprio destino che diventa misura ed espressione della statura umana".E' successo anche a me dopo la morte di Valeria. Ci vuole tempo e tanta preghiera! Auguri Gus, un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'abbraccio. E' quello che mi manca.
      Ciao Lucia.

      Elimina
    2. Questo è un degno commento!
      non è certo un' overdose di cazzate SOLO scritte bene!

      Elimina
    3. si hanno capito ciò che hai scritto, e ti hanno compatito!
      Queste persone sanno chi è veramente Dio

      Elimina
  6. Se non vuoi essere plasmato dalla logica del potere, devi avere forte in te la logica della Verità della più grande Verità.
    Tutto il resto scivola via, anche se remi controcorrente!

    La pace dentro di te sono sicura tu l'abbia già trovata, la nostalgia perdurerà per sempre.
    Un abbraccio August!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'assenza va oltre la nostalgia.
      Ciao Gioia.

      Elimina
  7. povera crista anche l'abbraccio gli neghi? e il marito dovè? sempre in chiesa! come te? ...........fa rima!
    stasera ho vomitato, ma sul serio! Fai schifo gus
    attenzione ora, che so troppo, a come commentate con me! VI ROVINO!

    RispondiElimina
  8. Pensare ai parametri mentali della comunicazione mi inquieta. Mi pare di essere inscatolato in una gabbia, in una legge fisica che vuole stimare, valutare, giudicare, classificare secondo dei canoni fissati dalla legge.... urca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo ci provano e a volte con successo.
      Ciao Ric.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità