mercoledì 29 agosto 2012

Allontanarsi da ciò che non rappresenta il Padre

 
 
Io credo che ogni uomo contenga in sé l'insegnamento di Dio. Spesso si parla di percorso verso Dio come se lo si dovesse incontrare per la prima volta . Io credo invece che ogni uomo lo contenga, sia inizialmente accompagnato (perché se è Unico e giusto non può che essere così) e l'impegno grande non sta tanto nell'applicazione formale alla partecipazione né alla dimostrazione di devozione, che sono tutte manifestazioni verso una fede rappresentativa e alla fine comunque se fine a se stessa risulta riduttiva. La lotta è verso le situazioni che  ci allontanano da Lui. Come dire, non devo sforzarmi per essere vicina a Dio, ma devo sforzarmi ad allontanarmi da ciò che non è in sintonia con Dio. Ma, innegabilmente, può capitare di deragliare attratti dai falsi miti. Purtroppo la lotta per liberarsi e ritrovarsi è costellata di simbolismi  che spesso non hanno nulla a che vedere con la ricerca del Padre in sé, unico luogo possibile per l'incontro. Essere veramente ospitali con Dio è un percorso a ritroso, spogliato da ogni indicazione di direzione esterna al nostro io.
Bisogna amare chi abita la nostra umanità con la rappresentazione della Sua Parola sulla terra.


 






66 commenti:

  1. Le esigenze del cuore pretendono di essere esaudite. Siccome l'uomo non ha la forza di realizzarle dà forma a questa pretesa secondo la consistenza fragile e ultimamente illusoria che si chiama sogno.
    Il cuore dell'uomo sogna ed è certo della bontà del suo cammino e crede di realizzare il suo ideale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esigenze, istinti, sogni, ... ILLUSIONI, ma di chi è la COLPA?
      E' perfetto il GENITORE o il Figlio?
      Il CREATORE o la creatura?
      Maledetto TEMPO e mondo polveroso e pieno di attriti che ci tiene lontani dal SAPERE CHI SIAMO.
      IO SONO quello che SONO o ...
      IO SARO' quello che ERO o ...
      IO ERO quello che SARO'?

      Elimina
    2. nonsonogus...,l'hai scritto un mare di volte questo commento...anche su non-sono-gus?

      Elimina
    3. Alla base di tutto c'è un forte ateismo di massa.

      Elimina
    4. per forza se passi tu li allontani tutti!
      non hai... carisma! sei "ossessivo" e si avverte!
      ottieni l'effetto contrario! risolvi prima i tuoi problemi, dedicati a Lui, senza coinvolgere altri possibilmente! appari pure noioso! Ecco!

      Elimina
  2. Il motivo per cui la gente non crede più o crede senza credere, cioè riduce il credere a una partecipazione formale, ritualistica, a dei gesti, oppure a un moralismo è perché manca l'impegno con la propria sensibilità, con la propria coscienza, e quindi con la propria umanità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me c'è poca PROVOCAZIONE!
      In un certo esempio viviamo lo scempio delle OPPOSIZIONI spirituali.
      Non credere a SATANA è come non credere a Dio e non credere a DIO è come non credere a satana.
      Ma anche credere ad entrambi in un certo modo o a nessuno ... è tiepidezza VITALE.
      Dovremmo sostenere l'unico MOTTO "crudele" del GIUSTO:
      "o con me o CONTRO di me".
      PECCATO che quel contro diventa ... indifferenza spirituale.

      Elimina
    2. La nostra epoca riconosce solo quello che è scientificamente provato. Non c'è più spazio per il trascendente.

      Elimina
    3. oramai ben poco è scientifcamente provato! Poi la scienza è in continua evoluzione... quello che oggi...un sì ad esempio, domani è no!
      Davvero è "scientificamente provato" sulla mia pelle e non solo!

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. Ci stiamo standardizzando non solo nei comportamenti ma anche nei sentimenti, o forse sarebbe meglio dire che ci stiamo anestetizzando sia nel bene che nel male per poi ricercare le emozioni in qualcosa di artificioso e sbagliato.
    Che senso hanno rituali senza una vera partecipazione? Sanno molto di ipocrisia.
    Essi hanno profonde radici e significati, non sono fini a se stessi, ma sono un modo per esprimere insieme un atto di fede e fratellanza.
    Io confesso di non essere affatto praticante, ma stimo coloro che lo sono per vero sentimento religioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La MESSA vissuta in prima persona è SEMPRE VERA, con o senza un Dio (nascosto o ABBA'nDONATO).
      Il Big Bang tende a fermarsi come anche la TERRA.
      "La VERA quiete spirituale non riuscirebbe a far risorgere un MORTO".

      Elimina
    2. I preti diminuiscono. La vocazione è solo un ricordo.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. oh, gus ma smettila!!! c'è scritto " IO CONFESSO (chi è la società? attento quando copi incolli) di non essere affatto praticante, ma stimo coloro che lo sono per vero sentimento religiosogus c'è scritto "

      Elimina
    5. Il non essere praticanti appartiene a un vecchio commento di Brunella. Io vado alla Messa anche con la febbre.

      Elimina
  4. Bellissimo POSTo.
    Come vedi è la stessa mia ASSURDA FISSAazione di deFINIRE SATANA il VERO CUSTODE dell'ALBERO della VITA.
    In VERITA' lo era anche dell'ALBERO della Conoscenza del Bene e del Male, ma la soluzione è capire il significato di CUSTODE:
    Guardiano o PADRONE?
    Tutte le ERESIE franerebbero, come il Giansenismo o il Panteismo, se si COMPRENDE il SENSO del TUTTO. Iniziando dalle piccole cose.

    RispondiElimina
  5. "Le esigenze del cuore pretendono di essere esaudite"
    Io sono praticante, perché per me è un'esigenza del cuore partecipare alla santa Messa, e fare memoria del Suo Sacrificio, condividere con gli altri, questo dono, e arricchirmi della sua Parola, del Suo Corpo spezzato per noi, e condividerlo con chi è lontano, malato,e sofferente.
    Se poi ciò che faccio è imperfetto, perchè io sono imperfetta, il Signore colmerà questo vuoto con la sua misericordia.

    Ps.
    Credo che il troppo parlare a vanvera non serva a nessuno, ricercare il pelo nell'uovo neanche, forse serve a chi vuole riempire dei vuoti, ma non credo sia questo l'argomento!
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gioia, pensavo soprattutto ai giovani.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  6. Caro Gus,sono nato in una meravigiosa famiglia numerosa e libertaria,c'erano i credenti, egli atei convinti,i comunisti e i fascisti.
    Da piccolo non capivo, ma poi le mie letture e la scuola della vita mi hanno fatto comprendere,forse, con rammarico ,che potevo vivere senza questo invisibile Dio che si narra abbia dato segni,non certi, di esistere a poche persone tantissimi millenni fa.Da allora cosa è rimasto,solo il mistero al quale preferisco la luce della conoscenza e la speranza alla quale preferisco la certezza.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Fulvio, la speranza deve esserci...esistono persone troppo fragili..vicini alla "canna del gas" è giusto illudersi ogni tanto e anche sperare! Io credo!

      Elimina
    2. Certo Fulvio, non sei il solo a dire che si può benissimo vivere senza Dio.
      Io, anche se guardo una fomichina laboriosa non posso non pensare al Creatore.
      Ciao.

      Elimina
    3. anche quando facevi sesso estremo e continuato pensavi a Lui? ogni qualvolta poi!
      ora per forza pensi alla formica

      Elimina
    4. Caro Gus,ma la formichine operosa conosce il "Creatore" o è operosa di suo, senza conoscenze, come lo sono io.

      Elimina
    5. Le formichine potrebbero credere in un Dio e pregarlo pure di non ROMPERE il formicaio. Perciò stai attento quando gli passi vicino.
      E s eti entrano in casa ... cosa fai?
      O dio fatto UOMO e non forMICA.

      Io ti dico solo di essere CARITATEVOLE verso la CICALA che ti suona la SERA-NATA quando hai sudato tutto il giorno, sCORrazzando come un nullafacente, godendoti il patrimonio acCANTO-NATO.

      Conosci Luca?
      12,13-21

      Elimina
    6. Con le formiche mi comporto male.

      Elimina
  7. "Sono io, non abbiate paura!" Solo Gesù può dire alla nostra vita "Non avere paura!" Ma paura di che? Paura delle nostre insicurezze: la paura della realtà che non controlliamo, la paura di non farcela, la paura che tutto il nostro credere sia un'illusione!L'Evangelista dice che "vollero prenderlo sulla barca";ecco che si gioca la nostra libertà: vollero. Desidero, chiedo di volerlo. Solo con Lui, e Lui verso il Padre,ci sentiamo sicuri. Tocchiamo la riva. Il nostro Destino coincide con la Sua Presenza.
    Tu sei poco praticante? Pensavo il contrario! Gus perchè? Avrei un'infinità di cose da dirti ma dico solo che sarai nelle mie preghiere. Buon Pomeriggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciò che impedisce di realizzare il passaggio dall'apparenza all'appartenenza è la paura.
      Essa è inevitabile in ciascuno di noi, poiché ciascuno di noi viene dal nulla.
      La paura si traduce nell'esaltazione delle piccolezze e delle meschinità.
      La meschinità del possesso, dell'appropriazione dell'ira, della pigrizia.
      Le cose meschine hanno un fascino.
      Il potere esalta questa meschinità e la rende contenuto della sua cultura.
      L'esaltazione che il mondo fadel meschino finisce sempre in catastrofe.
      O personale ( la distruzione dell'io) o collettiva.
      Non faccio esempi di cui sono pieni i giornali dei nostri tempi.
      Perché dici che non sono praticante. Non parlo di me ma della società.
      Ciao Lucia.

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. C'è stato un tempo in cui ero credente non praticante, come a dire che avevo un fidanzato con cui mi sentivo per telefono ma non vedevo mai. Con lui non c'era un rapporto di condivisione concreta nell'umanità che ci accomuna.Cristo vero Dio e vero uomo. Come potevo sperimentare la sua divinità e diventarne partecipe senza il dono del SUO CORPO nella Santa Eucaristia?Come sperimentare la feconda azione del Suo Spirito attraverso il Sacramento della riconciliazione? E' stato un ritorno a casa, non fatto di parole, ma di braccia aperte che non aspettavano altro che celebrare le nozze del Figlio con la sposa.Il mistero è grande! Solo chi lo ha incontrato e lo ha conosciuto può raccontare una storia e dire come Pietro: " Signore da chi andremo? Solo tu hai parole di vita eterna!"Solo Lui! Noi balbettiamo come i lattanti, quando parliamo di Lui.
    Ciao Gus. La festa è pronta. Manca la sposa. Affrettati. Ti sta aspettando per celebrare le nozze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonietta, non manco mai alla festa del Signore.
      Ciao.

      Elimina
  10. Non sempre è facile ...l'uomo di per sè è facile preda delle tentazioni! Penso che comunque, indipendentemente da ogni Credo, chi si comporta bene col prossimo e rispetta tutti sia sempre sulla retta via.

    grazie Gus per il tuo commento e per il link che ho già ricambiato con piacere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ci sono le tentazioni, Infatti Gesù nella preghiera al Padre ci invita a chiedere l'aiuto di Dio: non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. E' un'invocazione a stare insieme a noi nel momento della tentazione.
      Mi dispiace per il pasticco che ti è capitato nella gestione dei lettori fissi.
      Ciao.

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Ormai l'argomento è stato ampiamente sviluppato.
    Dovete capire che il mio lavoro è duro per la presenza ostile e immotivata di chi non potendo arrivare a prendere un grappolo d'uva dice, alla fine, che il frutto non è buono..
    Ma questa strana persona dovrà imparare a moderare quello che dice in un blog moderato.
    Tutto quello che dice, cattiverie in genere, quando ormai sono ininfluenti per il post saranno pubblicati. Cosìfacendo mostrerò il volto di chi mi molesta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona idea!
      Moderazione a TEMPO.
      Chisà se poi escono anche gli altri commenti.

      Elimina
    2. La vigliacca prima scrive e poi cancella.

      Elimina
    3. Mantieniti le notifiche, visto che ti vorrebbe pur mandarti davanti al giudice.

      Elimina
    4. Però anche tu cancelli o non pubblichi CERTI commenti. Almeno rispondi parzialmente, pubblicandoli e riferendoti all'anonimo demone. Per questo io mantengo l amoderazione e accetto il loro intervento (senza immagini o foto troppo immediati).

      Elimina
    5. La mia correttezza non può essere messa in discussione.

      Elimina
    6. A volte mi sfuggono i vostri commenti. Le risposte dipendono dai commenti.

      Elimina
    7. Mi sono accorto solo adesso del TITOLO che hai dato al POSTo.
      E' proprio OGGI mi sono imbattutto su uno scritto che ci fa capire a CHI siamo FIGLI. Ma se inizio a sVELARLO mi prendete per SATANASSO.
      Ma noi siamo figli di Adam, di Dio o del SERPENTE?

      Elimina
    8. Dio ha creato Adamo e poi Eva. Siamo nati da loro e Dio per il peccato originale ci ha reso mortali. Il perdono e quindi la vita eterna avvengono con la morte e resurrezione di Gesù. Il serpente ha contribuito al Male e seguita ad operare, ma noi siamo protetti dall'Arca dell'alleanza.

      Elimina
    9. E' vero! E' questione di TEMPO e di interpretazioni, ma devi spiegare di quale ARCA parli:
      La MADRE SANTISSIMA o
      ... la "scatola" che portavano in guerra ma che poi uccudeva solo alcuni traditori ebrei.

      Elimina
    10. Io non metto in discussione la tua correttezza. Quella SARA' usata allo stesso modo nei tuoi confronti. Dovresti meditare per tutto quello che ti capita ... anche virtualmente.

      Io metto in discussione le TUE CERTEZZE.

      Elimina
    11. Scrivo da 10 anni sui blogs. Non mi è capitato niente di sgradevole. Non mi sono mai comportato in modo scorretto e non devo preoccuparmi delle menzogne. Io sono uno che si fida del prossimo e ciò mi dà una grande tranquillità.

      Elimina
    12. A me sempre, fin da quando ho iniziato a riportare quello che mi diceva di scrivere.
      Pensa un po' che sono stato pure bANNAto da FB.
      Nella realtà mi prendono per pazzo, ma solo chi è certo dei suoi tornaconti.
      Però devo ammettere che la colpa è mia nell'essere stato scorretto, maleducato ... solo per aver detto la MIA (cioè la SUA) VERITA'.
      Non ho mai nascosto che possa essere un Demone, ma cerco chi lo faccia cadere e giudicare FALSO quello che mi DETTA.

      Ad esempio, mi dice di dirti che il PROSSIMO si AMA e amare non vuol dire fidarsi.
      Al massimo COMPRENDERLO.

      Vuoi che vada via anche io?
      Più volte mi hai invitato a farlo ... ed è questo che mi fa stare MALE.
      Cosa ho a che fare con te?
      E Sara?
      Questo voglio sapere!
      Io voglio solo essere giudicato e CORRETTO, anche se ho modi ABBA'stanza bruschi quando sento contraddizioni e offese ... tipo che sono pazzo o mi drogo.
      Tu sei stato SEMPRE CORRETTO (ma è il termine giusto)?
      Mi hai veramente CORRETTO?
      Aiutato?
      Indirizzato?

      P.S.: Mi dice che tu sei stato sempre CORRETTO da LUI.

      Elimina
    13. A me fa piacere avere commenti adeguati all'argomento proposto.

      Elimina
    14. Mi ricordi le catechesi su Radio Maria che, quando aprono agli interventi, ricordano di rimanere nell'argomento trattato.
      Ma poi si sentono sempre ANIME che chiedono consigli, preghiere ..e/o una voce amica che li consoli.
      Che tu sia bene detto per gli argomenti che TRATTI.
      Preferirei più che trattassi le persone ... ANONIME.

      Elimina
    15. Non seguo Radio Maria da quando è morta mia moglie. C'è qualcosa di buono ma non mi basta.
      Dall'argomento si scopre anche l'uomo.

      Elimina
    16. A chi lo dici ... visto che mi sforzo di attingere anche da te.
      Io SPIGOLO dappertutto!

      Elimina
  13. io sono sara lo sapevamo tutti ma il tuo volto dovè
    sei ancora gus? Tu
    Non eri già buono prima e lo sai bene!
    CHIUDO E VERGOGNATI! E SAI BENE IL PERCHE?
    questo post l'ha scritto una donna non tu! E' evidente!

    RispondiElimina
  14. FILTRA I MIEI MESSAGGI DA ORA IN POI IO HO CHIUSO!
    TU SEI COME GLI ALTRI! ALTRO CHE UVA!

    RispondiElimina
  15. non è gus che ha scritto!

    RispondiElimina
  16. Il "fanatismo", l'esperazione religiosa ,spesso,divene tale perchè non ci si accontenta di avere la fede e la salvezza: ci sono malesseri che vanno oltre il disagio della persona!... i fanatici hanno un differente chiamiamolo "tornaconto": la pace interiore!
    Nulla di male come conseguenza per ottenere consensi, e supporto..un dare e ricevere insomma.
    Ovviamente,non tutti i religiosi sono così...
    C'è un carisma umile che nasce dal cuore spontaneo, non filtrato.. ne "scontato" che ho avverto in pochi cristiani.. in verità!

    RispondiElimina
  17. io strana, si, ma tu sei una fallita e lo sai bene! qui hai scritto tu! Tu vivi per la cattiveria, ma sei nascosta bene!
    e se qualcuno ha da dire VENGA DA ME!
    ciao "lauretta!

    RispondiElimina
  18. ora tolgo il link. quindi potrò commentare solo come anonima!
    tu, o chiunque tu sia, non inserire mai più l'anonimato e io non potrò mai più commentare.
    meglio di così non posso fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei su Google+ quindi hai un account Google.

      Elimina
    2. Lo vedi che non è padrona di se stessa?

      Elimina
  19. ora tolgo il link. quindi potrò commentare solo come anonima!
    tu, o chiunque tu sia, non inserire mai più l'anonimato e io non potrò mai più commentare.
    meglio di così non posso fare!

    RispondiElimina
  20. vero, non sono padrona. non riesco a togliere il link
    lo farò presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sai solo autodistruggerti.
      Se la tua caparbietà la indirizzassi verso chi tu non vedi, ma ne senti la sua opera distruttiva che fa avanzare in te ... allora si che ritorneresti COME eri agli INIZI.

      Elimina
    2. Nel blog a volte siamo ascenti e a volte discenti. Ciò è utile per capirsi.

      SPERIAMO

      Elimina