lunedì 9 luglio 2012

Quando il cuore dell'uomo corre verso il tu




Senza amicizia

tutto viene riportato e ridotto a quel che si sa già,

a se stessi.

Nella pretesa del possesso, tutto serve come

a riempirti, a riempirti di acqua come un otre, a ingolfarti.

Invece, si giunge al fenomeno dell'amicizia quando

si supera la barriera dell'egoismo che impedisce

di definire i movimenti umani.

Cogliere questi movimenti come input, come spinte

a qualcosa d'altro, cogliere l' io come l'esigenza di un tu.

Quando si raggiunge l'amicizia,

non c'è l'io che pretende il tu,

ma l'io con un tu sono in cammino verso il destino,

che è il confine ultimo, la meta ultima del cuore dell'io

e del cuore del tu.

E come questo destino ultimo supera l'io- l'io capisce

che è superato dal destino: il destino è un'altra cosa,

così anche il tu col quale cammina verso il destino

è un'altra cosa.





12 commenti:

  1. Il destino diventa il fine: la meta da raggiungere.
    Il destino dell'uomo da costruire insieme agli uomini finalmente fratelli.

    RispondiElimina
  2. Quando si raggiunge l'amicizia,
    non c'è l'io che pretende il tu.
    Questa è una grande veità.

    RispondiElimina
  3. Amicizia, amore, affetto...sono tutti diretti nella stessa direzione, ed è sempre l'io che deve dimenticare un po' se stesso per accorgersi dell'altro.

    RispondiElimina
  4. In poche parole dobbiamo sconfiggere il grande padrone che è l'ego.

    RispondiElimina
  5. Dall'io al Tu, è un grande salto di qualità, ma di mezzo come primo passaggio c'è il "noi".
    Ciao Aug!^^!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo dopo aver conquistato il tu si arriva al noi.
      Si chiama communio.

      Elimina
    2. Io a volte mi fermo al voi.
      Così che quando parlo con una persona questa si gira per vedere se ci sono anche con altri...

      Elimina
  6. Ciao, ho ricevuto da Antonella de "Il tempo ritrovato" questo avviso da divulgare il più possibile, che riporto integralmente, accompagnato dal mio sollecito invito ad aderire all'iniziativa. Marilena


    ""Antonella, lunedì, 09 luglio, 2012

    Ciao, sono passata ad invitarti ad un post di massa; se passi da me e leggi questo articolo capirai il perché

    http://iltemporitrovatodiantonella.blogspot.it/2012/07/timbuctu.html?
    > utm_source=BP_recent


    Stanno distruggendo qualche cosa che appartiene al patrimonio dell’umanità, ma nessuno ne parla; se vuoi aiutaci a spargere la voce e a sollevare un “polverone”.
    Oggi leggi l’articolo sul mio blog poi, se ti va invita quante più persone puoi a leggerlo inviando loro questo commento, poi, sempre se ti va, martedì 10/07 passa da me,

    copia il post che pubblicherò e mettilo sul tuo blog.
    Se lo facciamo tutti insieme e ci aiutate a spargere la voce aumentiamo la portata dell'iniziativa e possiamo far sapere a tutti quello

    che sta succedendo , perciò , se potete, fate girare questo commento. L’intento è quello di creare un fenomeno di massa che permetta di far trapelare la notizia il più

    possibile. Nel nostro piccolo vogliamo dare un contributo per sensibilizzare il maggior numero di persone: se ti va aiutaci anche tu. Collabora con me in questa opera di sensibilizzazione Audrey autrice del blog

    Borderline.
    Antonella.""

    RispondiElimina
  7. Io credo che dopo aver vissuto con l'io per anni, sia necessario passare al noi. Insieme si costruiscono più cose, più storie.
    L'individualismo, a mio parere, non porta lontano...
    Ciao Gus un buon giorno a te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutta l'essenza dell'uomo è quando l'io si scopre a dire "tu" e a pronunciare questo tu con consapevolezza, allora capisce cosa è dio:
      Ciao Annamaria.

      Elimina
  8. La familiarità nel dire "io" incomincia quando uno ti dice "tu" in un modo che ti commuove. Quando ti guarda, ti guarda negli occhi, e capisci che quel "tu" è tutto il tuo mondo! Il vero amato è affermare un "tu".

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità