domenica 1 luglio 2012

La Gratuità è sinonimo di Infinito





Gratuità vuol dire gratis:che tu la la fai
una cosa e non ci guadagni.
La ragione per cui tu fai quella
cosa, paradossalmente, è la
cosa più importante. Perché la gratuità
è sinonimo di Infinito.
Se ci fosse dentro anche un solo capello
di tornaconto, non sarebbe più infinito:
sarebbe finito.
L'amore verso il prossimo è la gratuità
assoluta, non sei tu che la definisci.
Senza la gratuità non si capisce la realtà:
è una chiave di lettura, non è un momento
della vita.
E' così che il particolare diventa interessante
di fronte al tutto.




23 commenti:

  1. La suprema caratteristica dell'amore, senza la quale l'amore non c'è, è la gratuità... La gratuità è il valore supremo del modo di comportamento di Dio verso la sua creatura.

    La gratuità è partecipare all'intimità di Dio, all'intima natura di Dio: non solo conoscerla, ma parteciparvi.

    RispondiElimina
  2. Veramente gratuito è tutto ciò che viene spontaneamente da un moto del cuore, senza calcolo, senza secondi fini egoistici.

    RispondiElimina
  3. Aiutare il prossimo non è facile. Bisogna prendersi rischi notevoli e non stupirsi di essere ripagati con l'ingratitudine.
    La strada che da Gerusalemme scende a Gerico è tortuosa, piena di anfratti e luoghi scoscesi. Era conosciuta come la via del sangue.
    A volte qualche brigante si fingeva ferito e chi andava ad aiutarlo veniva ammazzato e derubato. Per questo il sacerdote non si ferma. Lo fa, invece il samaritano, che affronta il rischio.

    RispondiElimina
  4. «Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo" (Luc 14:26.)
    Chi non porta la propria croce e non viene dietro di me, non può essere mio discepolo.
    Chi di voi, volendo costruire una torre, non si siede prima a calcolarne la spesa, se ha i mezzi per portarla a compimento? Per evitare che, se getta le fondamenta e non può finire il lavoro, tutti coloro che vedono cominciano a deriderlo, dicendo: Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro.
    Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l'altro è ancora lontano, gli manda un'ambasceria per la pace.
    Così chiunque di voi non rinunzia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo». (Lc 14, 25-33)
    A tutti poi diceva: Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vorrà salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per me, la salverà? (Lc 9,23-24). "Noi abbiamo lasciato tutte le nostre cose e ti abbiamo seguito". E Gesù gli rispose: "In verità ti dico, non c'è nessuno che abbia lasciato casa o moglie o fratelli o genitori o figli per il regno di Dio, che non riceva molto di più nel tempo presente e la vita eterna nel tempo che verrà" (Lc 18,28-30).
    Non c?è amore più grande di chi dà la vita per i propri amici(Gv 15,13).

    RispondiElimina
  5. Dice San Paolo nella lettera ai Corinzi:




    Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna. E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sono nulla. E se anche distribuissi tutte le mie sostanze e dessi il mio corpo per esser bruciato, ma non avessi la carità, niente mi giova. La carità è paziente, è benigna la carità; non è invidiosa la carità, non si vanta, non si gonfia, non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non gode dell`ingiustizia, ma si compiace della verità. Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta.


    Difficilissimo, ma non ci sono alternative.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri sono stato ad un matrimonio in comune.
      La tipa del comune disse "vedrete sarà una cerimonia bellissima".
      La location era bella, c'era la musica, hanno letto delle poesie per fare clima, una amica ha letto questo inno all'amore di San Paolo, ma senza citare la fonte, forse per fare stare Dio il più lontano possibile (come negli asili e nelle scuole in cui per Natale festeggiano papà inverno e non Gesù).
      Insomma, c'era molto impegno per creare l'atmosfera, ma era tutto artefatto, era un buonismo di maniera, un voler costruire un desiderio di amore ma senza Dio Amore.

      Voler creare l'Infinito con la poesia ma senza il vero Infinito.

      Ok, cambia la foto.

      Elimina
  6. La gratiuta' del Dono della vita... molti non la amano e quindi non si soffermano a pensare da dove veniamo.....tutto e' scontato...ma non lo e'...se si comprendesse veramente l'infinita' di questo pensiero penso che non smetteremo mai di lodare Dio...ecco la Vita eterna divenire Lode eterna insieme con...Uno con Dio Trinita'un sorriso la ri.flessione mi ha donato gioia Gus un sorriso di Luce ti porto nel cuore:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Gus un sorriso di Luce ti porto nel cuore".


      Grazie Mariella.

      Elimina
  7. La fede,i sentimenti possono sfidare l'impossibile, l'improbabile sorridere...fare notizia e parlare del bello...lo scandalo dell'innocenza e la.. bellezza ci salverà!


    P.s posso chiamarti micio? Adoro i gatti.
    Poi...un giorno alla settimana (ogni dieci giorni) ti (mi) piacerebbe un post particolare con commenti sinceri per dare un libero pensiero alle emozioni...tipo: "sensazioni,turbamenti, emozioni, gioia, dolore, delusioni, sogni, intuizioni" ecc ecc...
    Non è una bella idea? Per cambiare un pochino.. ogni tanto!
    Buon pomeriggio e serata eeee FORZA ITALIA!!!!!
    P.s 1 mi mancano: Antognoni,(primo amore) Maldini-figlio(tantissimo), Gattuso(moltissimo)!!

    RispondiElimina
  8. gus...i tuoi pensieri sono sempre molto ponderati
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  9. veramente un bel pensiero gus... quando facciamo le cose senza tornaconto, solo con la passione nel farle, vengono decisamente meglio e lasciano dietro una scia di soddisfazione profonda :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Il cristianesimo non è un'operazione pubblica, è un avvenimento. Tutto quello che facciamo in nome di Cristo è un avvenimento. Con voi (dice Peguy) non si può stare un istante tranquilli. Portate tutto a Dio. Toccate Dio ovunque. A piene mani. (gratuità, amore, carità)Ecco la nostra Eucarestia. Tutto è legato al corpo di Gesù.
    Buona festa Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Lucia, il cristianesimo è la conseguenza di qualcosa di straordinario che è accaduto. Dio si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi. Per sempre.
      Ciao.

      Elimina
  11. Gus...sono preoccupata tutto bene?...:(
    Ciao! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma qual è il mio bene?
      Ciao.

      Elimina
  12. Beh, io no sono (il) malaccio! :( Io voglio il tuo bene!

    RispondiElimina
  13. Ti porterò via con me farò delle due anime un unico lune mistico sensuale di candela; non sarà un incontro ma l'incontrarsi prima.

    Di tutti i dolori di tutti i mali di tutti i soprusi dell'umanità noi ereditiamo la sensualità / del dono prima / dell'anticipare dopo / dell'immedesimarsi di una nuvola grigia in un raggio di sole intramontabile.
    Non è un'incontro sospeso il nostro / più della vita noi siamo il singhiozzo sommerso di una vita che si fa geyser / fonte / sorgente / irreversibile affluente.

    Questo è il pensiero dell' immedesimarsi che attenzione, non è il condividere...è molto più coinvolgente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di portarmi via, almeno, fammi vedere Spagna-Italia.
      Ora cerco la concentrazione.

      Elimina
  14. :-( Onore al merito: un plauso alla spagna è una grande squadra!
    Mi ricorda un pò il milan di Sacchi: la squadra degli invincibili!

    Sai, stamattina ero in "sintonia" quasi perfetta al Santuario!
    So che nonostante tutte le mie sofferenze Lui è vicino a me!
    Mi è venuta in mente la frase di Don Zega: lei un riceverà moltissimo dagli altri ma Dio è con lei e non la lascierà mai sola!
    Aveva capito tutto a priori: incredibile!
    Egoisticamente mi sento "abbandonata" quando sto male...in verità sono un pò selvaggia e asociale! :(
    Gus, io non ti porto via, tu sei già con me! Ma.. non mi senti?? :)
    Nel frattempo oggi ne ho sentite un "sacco", :((( tanto per cambiare!
    Notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara, tu puoi immaginare quuello che vuoi, ma se insisti con questa tua storia personale sono costretto a moderare il blog.

      Elimina
  15. Ciao! Io non ho problemi se vuoi moderarlo fallo!
    Io non ho nulla da nascondere!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  16. Dovremmo impegnarci a trasformare questa realtà lottando contro le forze distruttrici e favorendo tutte le possibilità di edificazione, far dono della vita e non cercare innanzi a tutto il proprio tornaconto, bensì il bene comune. Sappiamo bene che la riuscita e la gioia della nostra vita sta nell'aiutare gli altri a riuscire e nell'essere portatori di gioia. Buongiorno Gus :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti siappiamo cosa fare, ma manca la scintilla che dovrebbe portarci all'azione.
      Ciao Marianna.

      Elimina