giovedì 19 luglio 2012

La fede è un gesto umano

Non è vero che le religioni sono fossili culturali,
pura tradizione obsoleta che resistono per la loro
 forza regolatrice e manipolatoria, ma non hanno
alcun senso e appiglio in un contesto culturale aggiornato.
 La fede ha una partenza fuori di noi: è un fatto,
è una oggettività che sfida la soggettività
dell'uomo. Niente di astratto, nessuna deduzione,
nessuna proiezione. Già dall'origine è l'incontro
 con qualcosa fuori dell'uomo. Un incontro che
 suscita una speranza. Per questo la fede è un gesto
 umano e deve nascere in modo umano,
perché non sarebbe umano se nascesse senza ragione,
 sarebbe irragionevole, cioè non umano.
All'inizio dell'essere cristiano non c'è una decisione etica
 o una grande idea, bensì l'incontro con
un avvenimento, con una Persona.
 La fede è il massimo del razionale perché tu decidi
di vivere secondo le esigenze del tuo io.
Ti accorgi che il cammino che ti offre
Cristo è quello che tu stavi cercando.
 Tutto l'io è calamitato da Lui.







36 commenti:

  1. Le esigenze di un uomo pretendono di essere esaudite. Siccome l'uomo non ha la forza e l'intelligenza per realizzarle, di raggiungere cioè il traguardo che esse fanno prevedere, l'uomo dà forma a questa pretesa secondo la consistenza fragile e ultimamente illusoria che si chiama sogno, cosa molto diversa dall’ideale che rappresenta l’oggetto di perfezione per cui il cuore dell’uomo è fatto.
    Il mondo è pieno di uomini che sognano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante che riescano a REALIzzare il VRTU'ale.
      Il problema E' che REALIzzano spesso l'INCUBO con la SUCCUBE.

      Da come si riconosce?

      Dalla VERITA' di VITA che non è una opportunità o un ATTIMO fuggente.

      Se si coglie ed E' per sempre ... allora E' VERO e non semplice REale e/o VIRTUale.

      Elimina
  2. Secondo Paolo la grazia è l'incarnazione. Dio che si fa uomo per morire sulla Croce e affrancarci dal peccato originale. Dio, spinto dal suo amore, ha mandato il suo Figlio verso gli uomini perché fosse il loro Salvatore. La salvezza che offre è assolutamente completa. Dio è perfetto, e non sarebbe soddisfatto se quelli che Egli salva non fossero resi perfetti. Se abbiamo colto qualche cosa delle ricchezze della sua grazia ricevendo una così grande salvezza, non cerchiamo più di migliorare il nostro "io" incorreggibile che è stato crocifisso con Cristo alla croce. Del resto in ogni cattolico c'è la consapevolezza che a noi peccatori non resta che affidarci alla Misericordia di dio. Ma questo non significa una situazione di stasi, ma un vivere operoso cercando di imitare il cammino indicato da Cristo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per questo io TORNO sempre QUI, nel TUO POSTo, ... per sentire queste PAROLE che svelano TUTTO in NOI.
      Come COMPRENSE il Ladrone che smise di ingiuriarlo e gli chiese SOLO di ricordarsi di LUI ... COMPRENDENDO che la vera SALVEZZA e scontare i PECCATI ... fino a comprenderli TUTTI
      Ma chi può alla FINE dire: "FINALmente E' TUTTO PERFETTO?".

      Elimina
  3. Gus, il primo commento l'hai scritto pochi giorni fa! Ripigliati per cortesia!! Va bene che fa caldo: io leggo attentamente i tuoi scritti!

    RispondiElimina
  4. La Chiesa non separa la fede dalle opere, Gal 6,7-8. Non vi fate illusioni; non ci si può prendere gioco di Dio. Ciascuno raccoglierà quello che avrà seminato. Chi semina nella sua carne, dalla carne raccoglierà corruzione; chi semina nello Spirito, dallo Spirito raccoglierà vita eterna. E non stanchiamoci di fare il bene; se infatti non desistiamo, a suo tempo mieteremo. Secondo Paolo la nostra fede deve essere in ogni caso operante, e mai oziosa. Mi sembra che Teresa di Calcutta sia un chiaro esempio della fede operante. Lei prima di recarsi nelle strade per aiutare i malati pregava 5 ore. Quello che faceva era un atto d'amore verso Cristo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. QUI è il VERO SUCCO:
      Il limite tra PAROLE e OPERE!
      Se non si arriva a continuare ad aiutare il TUO SIMILE fino al punto di non farlo per QUALCUNO, che sia in terra o in CIELO; fino a FARLO perchè TROVI una dimensione che non è solo corporea, MATERIALE ... ma SOPRATTUTTO SPIRITUALE ... UNA VERA VITA, come VIVE la MADRE avendo avuto un FRUTTO dal peccato.
      O un peccato da un frutto?

      Scusa il finale ma se non si comprende l'INIZIO come si può CAPIRE TUTTO?

      Hai parlato di RACCOLTO e di Madre Teresa di Calcutta e ho voluto farti capire che il FIGLIO non nasce SEMPRE dal PIACERE e nemmeno dal DOLORE. Il FIGLIO nasce SEMPRE ed è a SOMIGLIANZA di DIO ... in qualunque MODO, momento e VERITA'.

      Elimina
  5. Gus, sono preoccupata per te! perchè stai soffrendo così tanto? Qualcuno vuole farti del male? Per favore dimmi qualcosa.
    Io sono qui vicino a te! Non ti lascio!
    Non sto bene nemmeno io! Per fortuna e speriamo lunedi di partire per il mare!
    Ti ho mandato una mail, mi rispondi per cortesia!
    Ciao!

    RispondiElimina
  6. Non ce la faccio più...
    ho capito, ciao Gus auguro una buona vita a te!
    Buona notte

    RispondiElimina
  7. Da bambino educato in una famiglia credente e complice l'insegnamento del Catechismo impartitomi nella Parrocchia,ho cercato la Fede per avere un aiuto Divino nelle giornaliere faccende terrene e per far si che la morte,quando verrà, non sia definitava,ma solamente il passaggio ad una altra vita,forse migliore e ecco la tanto abusata "Speranza"
    Poi vivendo la vita, giorno dopo giorno, ti accorgi che questo aiuto promesso latita,l'Angelo Custode di antica memoria,di Lui oggi non si parla quasi più, ti abbandona e abbandona il tuo prossimo alle malattie,alle delusioni e alle immani tragedie di intere popolazioni.Cerchi conforto nel "Mistero" ma non trovi valide risposte nella Religione,solamente l'esortazione a pregare di più. Allora scegli il "Terreno" dove sei tu e la casualità o la ruota della fortuna, gli unici arbitri del tuo meraviglioso passaggio attraverso la vita.

    fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fulvio, è sbagliata l'idea che hai di Dio. Non è un nostro avvocato.
      Ciao.

      Elimina
    2. E' un IRRIconoscente!
      Forse se lo avessi LASCIATO alla sua polvere ... mi avrebbe CERCATO.
      Se solo gli venisse la VOGLIA di leggere la Storia del Re David ... forse forse potrei far finta di scoparire, nascondermi ... ma il CUSTODE quando si fa sentire e APRE la PORTA è per portarlo al SUPPLIZIO.
      SEI PRONTO?
      Come ti sei preparato?
      Sono BELLA e FORMOSA e ti tasterò i ... zebeDEI

      Elimina
    3. E' UN GIUDICE!
      E allo stesso modo sarà GIUDICATO!
      Spero che non si sia circondato di TRAuDITORI.

      Elimina
  8. Avere una grande fede vuol dire addossare con sincerità e umiltà il peso degli esclusi, degli ultimi... anche dei primi! Modellare con l'intelligenza della sapienza una vera coscienza, un'infinita pazienza (tolleranza) che sia solidale con chi non crede disperato di paure.
    Il "mistero" è più vivo nella fede, ma non solo, la fede non è una certezza obiettiva, assoluta, ma ti convince ad andare avanti sempre alla ricerca: il dubbio è un suo momento necessario. Una fede che non conosce dubbi è già corrotta.
    Ma ci sarà davvero l'aldilà? E l'inferno? Simili interrogativi nascono sempre in ognuno di noi. Per affrontarli seriamente dobbiamo porci un problema importante. La vera conoscenza dei misteri di Dio passa attraverso la via dell'umiltà, ossia attraverso la partecipazione, condivisione alle sofferenze degli umili, attraverso il rifiuto della via degli "intelligenti" e degli "onesti".
    Mai gratificarsi, dare solo un senso della vita per trasmettere fede a chi non ne ha, si riceveranno solo delusioni! ma andare e guardare avanti sempre: sempre!
    Il mistero esiste, eccome se esiste, ci attraversa ogni giorno..è sufficiente solo imporsi delle ragionevoli domande e tutto si svela a noi.

    RispondiElimina
  9. Avere una grande fede vuol dire addossare con sincerità e umiltà il peso degli esclusi, degli ultimi... anche dei primi! Modellare con l'intelligenza della sapienza una vera coscienza, un'infinita pazienza (tolleranza) che sia solidale con chi non crede disperato di paure.
    Il "mistero" è più vivo nella fede, ma non solo, la fede non è una certezza obiettiva, assoluta, ma ti convince ad andare avanti sempre alla ricerca: il dubbio è un suo momento necessario. Una fede che non conosce dubbi è già corrotta.
    Ma ci sarà davvero l'aldilà? E l'inferno? Simili interrogativi nascono sempre in ognuno di noi. Per affrontarli seriamente dobbiamo porci un problema importante. La vera conoscenza dei misteri di Dio passa attraverso la via dell'umiltà, ossia attraverso la partecipazione, condivisione alle sofferenze degli umili, attraverso il rifiuto della via degli "intelligenti" e degli "onesti".
    Mai gratificarsi, dare solo un senso della vita per trasmettere fede a chi non ne ha, si riceveranno solo delusioni! ma andare e guardare avanti sempre: sempre!
    Il mistero esiste, eccome se esiste, ci attraversa ogni giorno..è sufficiente solo imporsi delle ragionevoli domande e tutto si svela a noi.

    RispondiElimina
  10. Non a caso( credimi) è capitato questo post di Mr Loto
    Leggilo, se vuoi
    http://www.mr-loto.it/archivio/2012/luglio/persuasione.

    RispondiElimina
  11. PERFETTO!
    C'è fede e FEDE.
    O un incontro con una COSA (un libro) o con UNA PERSONA (Gesù CRISTO).
    Se poi è VIVENTE, non importa se ci rimane la COSA come un ANELLO di fidanzamento.
    Mi fermo qui perchè si viene presi da omosessuali se si comincia a parlare dello SPOSO.
    Poi da GIUDICI che giudicano senza comprendere che la VERA omosessualità è quella eseguita con la CARNE ma non con lo SPIRITO perchè UNO è l'UOMO e BEATI coloro che portano in GREMBO SUO FIGLIO, il cosidetto FIGLIO dell'UOMO.

    A Immagine e somiglianza SIAMO TUTTI ma anche un corpo DECEDUTO lo E', ma non CHI MANTIENE la VITA in LUI e in CHI lo piange ancora.

    La PROMESSA E' VERA ma molti non l'hanno COMPRESA.
    Come una SPOSA che nel frattempo si diverte con altri a immagine e somiglianza.
    Si sono pure le esagerazioni e le depravazioni. Devianze innammissibili a menti RAGIONEVOLI che dovrebbero saper distinguere tra BENE e MALE e non da consentito e VIETATO.
    Una sola si può cadere e salvarsi ma DUE è già più difficile.
    Si deve perdonare INFINITE VOLTE ma se poi non ci si rialza?
    Pregherà per NOI la MADRE SANTA nell'ora della nostra VERA MORTE?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angelo posso dare solo risposte brevi. Quando il gestore (Telecom) mi invierà un segnale di qualità potro rispondere.
      Ciao.

      Elimina
  12. Angelo, il servere della Telecom funziona a momenti.
    Non posso commentare.

    RispondiElimina
  13. ciao Gus, sono ancora qui! Come stai? Riesci a rispondere.. tutto bene! io male, ancora l'arterite mi prende la testa e la pancia.
    Lunedi devo partire...

    RispondiElimina
  14. Hanno riparato il server e la piastra Telecom.
    Saluti.

    RispondiElimina
  15. Come saluti? ma tu pensa, io aspettavo un post per commentare! non mi interessa se non lo pubblichi,mi interessa che lo leggi tu!
    Perchè sei così orrendo con me! E' da un pò che sono sola in un angolino, tranquillina...non creo casini..e ora cosa ho fatto per odiarmi così :((

    RispondiElimina
  16. sei cattivo ...un mostro! un uomo con fede non si comporta così! saluti....si saluti!
    notte!

    RispondiElimina
  17. Come dice Sant'Agostino:"Tu eri dentro di me, ma io non ero con Te" Anch'io ho conosciuto Cristo nel cammino della vita.Lui ha dato un senso al mio destino.
    Il destino è il vero per l'esistenza! Buonanotte Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, solo Gesù può dare un sesnso alla nostra vita.
      Ciao Lucia.

      Elimina
  18. Eccomi sono qui!! appena svegliata! :( ...dunque il mio visino sembra un palloncino gonfiato, gli occhi infossati; due perline, verdi stamattina, i capelli, ah i capelli alla Kim Basinger nella palude in "senza pietà" ...davvero sai, sono molto attraente e intrigante :((( Poi dentro un fuoco che mi divora, la pancia in fiamme e la mente va da sola! :(((
    E tu? Incazzato pure tu?
    Ma ciao

    RispondiElimina
  19. Sono preoccupata sai? Tutto bene?
    Ti ho aspettato ma ora devo andare!
    sto male questa malattia mi ucciderà presto
    ciao

    RispondiElimina
  20. La fede è un'adesione a Cristo, spontanea, dal momento che ti accorgi che non puoi fare a meno di Lui, che Lui è il tutto ciò che desideri!
    Grazie August!
    ciau

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è un'adesione che perdura nel tempo.
      Ciao Gioia.

      Elimina
  21. Nemmeno le bestie si trattano così, ricordalo. Cosa ti hanno inventato di me per odiarmi e allontanarmi da te. Cosa ti ho fatto ora!! Ho sempre detto la verità: sempre...io sono malata ma non sono un cane! Non merito di essere trattata così!
    Basta soffrire, bastaaaa!
    Devi solo vergognarti!
    Non voglio più essere umiliata così , mai più!
    Non ti commenterò mai più!

    RispondiElimina
  22. Cancella su google+ le mie foto, i link e i miei post! Nessuno ti ha dato l'autorizzazione! Ho già segnalato l'abuso! Inutile ora non permettermi l'accesso: ho letto tanto... e visto ciò che dovevo vedere! ma sapevo già!
    Ma davvero credi che la gente sia tutta scema?
    Fa in modo che riveda IL TUO goolge+ con tutto ciò che mi riguarda CANCELLATO! Sono stata chara vero?!
    Vergognati!

    RispondiElimina
  23. Vorrei avere una fede forte e sincera. Prego il Signore che la ravvivi in me ogni giorno.
    Mi sono piaciute queste parole di San Josemaria Escrivà:

    "Ci manca fede. Il giorno in cui vivremo questa virtù - confidando in Dio e in sua Madre -, saremo coraggiosi e leali. Dio, che è il Dio di sempre, opererà miracoli per mano nostra.
    - Dammi, o Gesù, questa fede, che desidero davvero! Madre mia e Signora mia, Maria Santissima, fa' che io creda!"
    Forgia, 235

    Buona serata Gus :)

    RispondiElimina
  24. Non è che ci manca la fede, il problema è che è più piccola di un granellino di senape.
    Non dobbiamo scoraggiarci. Dio conosce benissimo le nostre debolezze. Vivendo da uomo ha capito i nostri problemi.
    Ciao Saray.

    RispondiElimina
  25. PESCARA. Colpita una vasta area della città. Il gestore assicura che le linee verranno ripristinate nel giro di 48 ore.
    Alle ore 9 di questa mattina in una delle principali centrali Telecom di Pescara c’è stata una mancanza di alimentazione che ha causato l’interruzione di linea Adsl in una vasta zona della città. Niente più collegamento internet e per chi pensava che potesse trattarsi di un guasto di pochi secondi si è dovuto ricredere. I centralini telefonici sono stati presi d’assalto e la risposta sempre uguale: un guasto e forse 48 ore di attesa. Alle 9.40 è partita la comunicazione ufficiale di Telecom agli altri gestori di telefonia per informare del guasto. Attualmente non si sa entro quanto tempo si possa ristabilire il collegamento internet ma è certo che il danno è stato riportato anche da altri gestori (come ad esempio Tscali). La procedura in occasioni come questa prevede che il servizio venga ripristinato entro massimo 48 ore e non resta che aspettare. In stato di emergenza, quindi, da quasi un’ora e mezza gli uffici e le imprese della zona che hanno bisogno del collegamento internet per lavorare. Non ci sono problemi invece per le normali linee telefoniche o per le linee 56k. 21/06/2006 10.38

    RispondiElimina
  26. Per chi usufruisce della linea per lavoro è sicuramente dannoso, per gli altri è un grande inconveniente, purtroppo sono cose che succedono.

    Ti auguro un sereno inizio(linea a parte) di settimana!
    Ciao August!

    RispondiElimina
  27. Ma è una buona cosa per notare se si è INTERnetDIPENDENTI.

    E non finisce qui.
    Vedrai quando ci accorgeremo che siamo TUTTI ELETTRICIdipendenti.

    RispondiElimina