mercoledì 13 giugno 2012

Un giorno carico di memoria







Quando uno si è innamorato,
 la mattina dopo
 non può non essere
riempito della memoria di quello
 che è accaduto.
Il presente è tutto carico di tutto
 quello che è successo.
Per questo, un conto è il giorno
prima di innamorarsi
e un conto è il giorno dopo
 di essersi innamorato:
tutti e due i giorni possono
 essere uguali
apparentemente, nella quotidianità,
ma cosa fa la differenza?
Che uno è carico di una memoria
che nell'altro non c'era,
perché non era accaduto.


71 commenti:

  1. Quando ci si innamora si riempiono talmente la mente e il cuore che pare che fino a quel momento ci sia stato solo il vuoto.

    RispondiElimina
  2. Quando ci si innamora il cuore batte forte e gli occhi vedono ciò che si vuol vedere
    Buona serata Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simonetta, non basta il cuore che batte forte.
      Quando si incontra una persona importante per la propria vita, c'è sempre un primo momento che ci fa percepire un presentimento che qualcosa in noi è messo alle strette dall'evidenza di un riconoscimento ineludibile: "Ecco, è lui, ecco, è lei". Ma solo lo spazio dato dal ripetersi di questo avvenimento carica l'impressione di peso esistenziale.
      Cioè, solo la convivenza lo fa entrare sempre più radicalmente e profondamente in noi, fino a che, ad un certo punto è assoluto.
      Ma non basta.
      La conoscenza sarà una persuasione che avverrà lentamente e nessun passo successivo smentirà i precedenti.
      Dalla convivenza, nel senso di conoscenza spirituale, deriverà una conferma di quella eccezionalità dell'evento accaduto.
      Si sperimenta ciò non come una vaga eventualità, ma nella sua evidenza stringente.
      Abbiamo bisogno subito di capire che l'amore è fatto dal ripetersi di tanti riconoscimenti, cui occorre dare uno spazio e un tempo perché avvengano.
      L'uomo di oggi ha fretta o inganna se stesso.
      Per questo l'amore diventa solo un gioco che prima o poi finisce per annoiarci.

      Elimina
    2. Anche tu ripetendo sempre il copia-incolla l'ho gia letta...ma tu esisti Gus? oppure hanno doppiato nel tempo anche te?

      Elimina
    3. e la chiami filosofia??? mi cadono i pantaloni del pigiamino a pois..sono dimagrita ..domani è un gran giorno! un'altro giorno!

      Elimina
    4. Simona, c'è un po' di tristezza nel tuo commento.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Imbambolamento...almeno a me succede così, anzi succedeva; è passato tanto tempo da quel giorno ma lo ricordo sempre...Abbraccio sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una farfall@ imbambolata?

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Ciao Si è roA TASTIEGus

      Elimina
  5. L'amore, odio, gelosia ,invidia!
    Pensiamo ad una piattaforma,... più, tante piattaforme, una sopra l'altra, apparentemente uguali...ma...a volte cambiano le..."sfumature" che tu, voi, noi non vediamo...nemmeno un epitelo!:) E' sufficiente che una "folata" di vento cambi o alzi di un piano la direzione.. (linea) di quel poco che trasforma nell'attimo ciò che non si vede ma si sente! ...
    E' amore si si...immaginiamo chi lavora seriamente, molto seriamente nei p.c ...
    oggi sono strana la malattia "galoppa"...ricordati bene, se già non lo sai, quello che ti ho scritto..tanto nulla farai!

    RispondiElimina
  6. L'amore è qualcosa di misterioso. E' il più profondo dei desideri umani.

    E ciò che ci caratterizza in quanto uomini.

    Si può fare a meno dell'amore?

    Rinunciare a porsi la domanda "qualcuno mi ama?"

    Rinunciare soprattutto alla possibilità di una risposta positiva,

    vuol dire rinunciare all'umano in sé.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  7. L'amore ha un ruolo molto speciale dal punto di vista della filosofia e, insieme, della vita. La stessa filosofia significa innanzitutto "amore" della sapienza. La filosofia moderna però non considera l'amore seriamente. Da Cartesio a Hegel, l'amore è stato relegato a un ruolo secondario, minimo rispetto alla razionalità, alla coscienza. E' considerato passione, malattia. L'amore invece è una parte centrale della razionalità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Cos'è l'amore se non volere il bene dell'altro? Non per avere qualche cosa io, ma per il bene dell'altro, e il bene dell'altro è il rapporto col suo destino.

    La parola amare non ha nessuna possibilità d'ambiguità: è affermare con stupore, con lo stupore di tutto il proprio essere, l'Altro, il destino e questa presenza del destino, questo segno, questo corpo del destino che sono l'altro uomo e il cielo e la terra e tutto ciò che accade.


    L'amore è: essere per, essere per l'Ideale, essere per il disegno totale, dove la bellezza e la giustizia sono salve.

    Le caratteristiche dell'amore rivelatesi in Cristo possono essere riassunte in tre. La prima è l'agape della croce... La seconda consiste nel fatto che quest'amore è per tutti... L'ultima è che questo amore come imperativo religioso è però amore con tutte le sue componenti umane.

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. E' un piacere leggerti, Gus, lo dico davvero con il cuore. Mi riempie di gioia e non mi stanca...Dolce notte amico mio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che scrivere mi diletto a leggere i commenti non pubblicati.

      Elimina
    2. Non dirlo a me caro, io alcuni giorni (vedi oggi) mi sento assediata ...ihihihih, coraggio!

      Elimina
    3. A me dispiace tantissimo vedere una persona che si fa del male inutilmente.
      Eppure io sono un uomo tranquillo, trasparente. Oserei dire di grande candore.

      Elimina
    4. Ti credo Gus, mi ricordi tanto un altro amico che ora non c'è più. Si chiamava gigi o vecchiorimbambito(era il suo nick) ti assomigliava e diventammo amicissimi anche se solo virtualmente. Purtroppo alcuni non sanno percepire dove sta il buono e apprezzarlo. Pazienza (che io oggi ho perso, lo confesso) e speranza...

      Elimina
    5. Bella l'immagine!
      Il giusto completamento al bellissimo testo!

      Io commento così il tuo post:
      Amare significa non dover mai dire mi dispiace...!

      E' una frase del film:"Love Story" di Arthur Hiller, che vidi nel lontano 1970.
      Mi colpì molto!
      'notte August

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    7. Non dirlo e soprattutto non pensarlo.
      Ciao Gioia.

      Elimina
  18. Un momento, un incontro importante che ti cambia la vita!!! Amare per me significa vedere la persona che amo, serena, contenta, felice a tratti......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lulù. E' da tanto che non ti leggo.

      Elimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  24. Sei in crisi Gus Io No! Oggi sarà una giornata e serata mooolto intensa!
    A domani

    RispondiElimina
  25. AnnaMaria, grazie.
    Ciao.

    RispondiElimina
  26. Ciao Antonietta.
    Utilizza la sintesi vocale.

    -:(((((((

    RispondiElimina
  27. Gioia, l'immagine è quella di un uragano.


    -:(

    RispondiElimina
  28. Gus, attribuisco la colpa alla tecnologia odierna, che oltre a cambiare le nostre vite, ha perfino rivoluzionato la società. Siamo diventati manichini senza cervello, poichè oggi un cellulare ha davvero rimpiazzato la mente di molti giovani. Molta, ma molta superficialità anche nei rapporti di amicizia, ad un incontro si preferisce un sms e così via.
    Ecco perchè anche l'amore ha perso punti.
    Un tempo le cose rotte non si buttavano, si aggiustavano. Oggi, immediatamente si pensa alla sostituzione, poichè rimetter all'impiedi un rapporto deteriorato costa fatica, volontà.. e in quest'epoca del "tutto e subito" è diventato sconveniente.

    Ma dall'Amore vero, quello di Dio nostro Padre, nessuno può sfuggire, dalla nostra fuga Lui ci viene a cercare..

    Una buona giornata..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ti cerca, ma se non non ti fai trovare pronta il Padre se ne va.

      Elimina
    2. Assì se ne va? Non lo sapevo!
      Io credo che ci sia sempre, ogni momento...

      Elimina
  29. È una memoria che a volte dura anni. Come un lungo giorno senza fine.

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  32. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  33. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  34. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  35. Un giorno segnato da un sì.Un giorno in cui il reale si fa vita vera.
    Ogni giorno il tuo post è una sorpresa: mi chiedo "cosa dirà oggi Gus?" Grazie giovane amico!

    RispondiElimina
  36. La fede è amore, il tuo amore, ossia la ragione che "filtra" al cuore, ma dimmi... ragionevolmente, potrebbe esistere "vita" se Dio non avesse bisogno di Lui, e come potresti vivere tu?..
    Hai bisogno di Dio per esistere e Dio, per esistere, ha bisogno di te, di noi: questà secondo me è essenza di vita!
    Ciao!
    P.s sei arrabbiato con me? Stavolta io con la moderazione non c'entro nulla..però!

    RispondiElimina
  37. Gus non rispondi perchè è verita? Perchè fondamentalmente non sai rispondere? o c'è dell'altro??

    RispondiElimina
  38. davvero una bella riflessione, un bel componimento... che tratta di un tema mai scontato... e bello.
    davvero complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      Sull'Amore sono ferratissimo.

      Elimina
    2. Sei una terribile metastasi!!
      Avrai quello che ti meriti finalmente hai finito di "cor-rompere£ con i tuoi innumerevoli nick e blog!
      Speriamo che sia la volta buona!

      Gus, tu sei il solito abboccalone!

      Elimina
  39. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  40. Se non ci fosse l'anima, non ci sarebbe il tempo. L'unità divina, invece, comprende nel presente stabile della sua eternità tutto ciò che é stato, e sarà, sopratutto l'amore.
    Concetto umilmente sottratto a Sant'Agostino.
    Interessante ciò che hai scritto :) Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Tommaso d’Aquino l’uomo è un “composto” di corpo e anima, ovvero materia e forma; è dunque al tempo stesso sostanza spirituale (cioè essere ragionevole dotato di intelletto) ed essere animale (dotato di un corpo informato dall’anima sensitiva e vegetativa). Le sostanze spirituali sono per lui «forme separate», che esistono indipendentemente da qualunque connessione con la materia, e costituiscono un unico individuo per ogni specie animale; nel caso specifico dell’uomo, invece, ogni singolo individuo è perfettamente distinto dagli altri (l’anima è «forma per se subsistens»), in quanto solo così si può convalidare la credenza nell’immortalità dell’anima individuale.

      Elimina
  41. Esmeril, non è un'ottima risposta.
    Mi ha colpito una tua riflessione. Separare per poi riconoscere i problemi dai falsi problemi. Leggo il tuo blog e mi domando: "Ma è nei guai, oppure non ancora ha capito che il risolvibile non è un guaio?".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scusi gus se approfitto...nel caso cancelli il mio commento da lei!

      ...Ho appena letto esmeril...non da gus ovviamente!
      Sei davvero nei casini e gravi stavolta! :(
      Non chiedermi perchè, ma conosco la persona: quando si incazza è come me... sono guai seri!
      Stavolta la vedo brutta!
      Sempre la solita esagerata in tutto!
      Ti annuncio che se chiede...la mia "collaborazione" l'avrà sicuramente!

      Elimina
  42. come al solito non capisci un cappero!!

    RispondiElimina