domenica 13 maggio 2012

Un mare e un cielo senza limiti









Ci sono momenti nella vita che hai bisogno di fare memoria della Presenza di chi ha disegnato il tuo destino."Senza la presenza del significato l'uomo non può vivere!"Questa sera mi fermo e chiedo: Signore che ne fai della mia maternità? Rendimi più leggero il cammino, perchè per sperare bisogna aver ricevuto una grande grazia (Peguy) Questa sera non so bene dove andare! Ho bisogno di sentirTi Presenza accanto a me!










21 commenti:

  1. Lottatori VOI cristiani??? Per rubare soldi si!
    tu, proprio TU ti svegli sereno?? E i tuoi incubi non ti fanno dormire la notte? Che hai paura solo di un raffreddore. sai bene dove andare?... sei già all'inferno... ma non hai vergogna. Tu credi al tuo dio, il dio di te stesso e questo che ti tieni in piedi
    DI QUESTA SANTA VERITA'

    RispondiElimina
  2. sei tu che hai scritto il post? a quest'ora non cambi la guardia...?
    manda solo un commento a me con il tuo nick scrivi solo A
    continui a fare il balordo vero, nonostante il male che mi hai fatto
    si. sei senza limiti

    RispondiElimina
  3. non sei tu.
    vattene via
    CHIUDI QUESTO BLOG
    CHIUDILO VAI VIAAAAAAAAAAA

    RispondiElimina
  4. Cristo, Presenza che si fa Vita mi ha risposto in una poesia di Bonhoeffer: Da forze buone,
    miracolosamente accolti
    qualunque cosa accada,
    attendiamo confidenti.
    Dio è con noi
    alla sera e al mattino
    e...ogni giorno nuovo.
    Ancora Buonanotte!

    RispondiElimina
  5. E' tenera la notte.
    Ciao Lucia.

    RispondiElimina
  6. La memoria della sua Presenza mi preserva dalla solitudine e dall'angoscia nei momenti di fragilità e di buio.
    E nella sua presenza mi affido totalmente.
    Grazie e buona settimana!

    RispondiElimina
  7. Nei momenti difficili Lui è più vicino a noi.
    Ciao Gioia.

    RispondiElimina
  8. Senza la memoria del Cielo si vaga sulla terra come in un oblio senza meta.
    Senza la memoria del Cielo non si hanno stelle ad illuminare la notte né Luce per il giorno.
    Senza la memoria del Cielo si brancola a mani tese urtando gli altri di continue cadute.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che la memoria diventi Presenza costante.
      Ciao Riccardo.

      Elimina
  9. Senza Cristo posso vivere.
    Io oramai ho passato i sesssanta e la mia memoria è nella mia vita passata ma ho ancora un grande interesse verso il futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fondo gli altri invocano Cristo. A volte si manifesta.
      Ciao Fulvio.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Tu, Sara, sei più vicina perchè basterebbe incontrarlo per poi seguirlo ... DOVE ABITA.
      Gli altri preferiranno sempre non troncare con quello ricevuto per sentito dire.
      Le RADICI sono le radici, ma la linfa e'
      la L I N F A?

      Elimina
    4. Maaaa a quest'ora non si lavora? Giusto per sapere!:) Smetti alle 14 quindi...

      E' un vostro... "dono" tenetelo tutto per voi!
      Si, penso bene che è più unico che raro: da anni mi hanno reso la vita un inferno, nel virtuale e reale... non scherzo e tu lo sai bene!

      Mi spiace che stamattina non ti ho volutamente salutato ANGELO.. ero incazzata e sto ancora male;involontariamente sei stato la causa del mio film dell'orrore...

      Elimina
    5. Se sarà... lui verrà a casa mia! sa dove abito traquillo,;)) sono io che davvero non so dove abita lui, anche se basterebbe guardare la rubrica del telefono! Sai che mi frega il gioco lo conduco io, e so che è una sofferenza estrema per lui...povero non è abituato...
      Ciao Angelo io lascio il blg, e sul serio, ti saluto e grazie delle risate.

      Elimina
  10. Va tutto bene: Erano cisti (da tenere sotto-controllo)Ora sono serena. Dopo il buio ecco la luce. Dopo la pena ecco la gioia. Perchè alla radice di tutto c'è il senso del Mistero, la fede in Dio, Padre che sta all'origine di tutto.Questa mattina a Messa ho ritrovato e riconosciuto che cosa è l'uomo, vero soggetto del dolore. "Il soggetto del dolore non è una parte ammalata, ma l'io dell'altro, "il "Tu".Grazie Gus.Ciao.

    RispondiElimina
  11. Sono contento, Lucia.
    Ciao.

    RispondiElimina
  12. "Ognuno di noi ha già cominciato a percepire come Cristo ha la
    profondità di un mare o di un cielo, un mare e un cielo particolari
    perché senza limiti." Bellissimo pensiero Gus..
    Lo condivido... Cristo è colui che cerchiamo per essere liberi, è la risposta alla nostra sete d'amore..
    Ciao Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sete d'amore da ricevere e dare.
      Ciao Sally.

      Elimina
  13. Confesso che non mai sentito Dio così vicino come in questo periodo...In fondo è la mia compagnia e che compagnia! Ciao caro, è sempre bello leggerti...Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  14. E anche questo commento prendilo in quel posto!

    RispondiElimina