mercoledì 2 maggio 2012

Seguire il vero, il bello, il giusto

Non andare con lo zoppo.
Segui uno che ti sta davanti
 e corre spedito.
Cerca di imitarlo.
E' necessario capire ciò che dice,
i passi che fa. I pensieri,
 le parole e i giudizi.
Bisogna prestare molta attenzione.
Potresti imbatterti in un parolaio.
Comprendere le cose che uno
 dice esige semplicità,
 pretende avere il cuore da bambino.
Un qualcosa che si ha davanti,
qualcosa di cui cerchiamo di
 afferrare le parole ed
infine imparare come chi precede
 riesce a far vivere le parole.
Lo zoppo ha una sola scelta.
Correre verso l'animalità.
Identificarsi nella
regola dell'istinto.
La regola di fare quello
 che gli piace e pare.

23 commenti:

  1. La difficoltà non sta nel capire ciò che dice, ma ciò che vorrebbe dire con le parole.
    Spesso si ascolta senza sentire veramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è un altro discorso.
      La maestra buona come una mamma, di solito, si sforza a capire cosa vuol dire il bambino ... portandolo con le domande a usare il SI o il NO.

      Elimina
  2. Lo zoppo non ha difficoltà a trovare in ogni istante nuovi e fedeli e adepti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continuo a non voler capire.
      Questa me la segno:
      "Lo zoppo ha una sola scelta. Correre verso l'animalità.
      ".
      Cercherò di difenderti con la forza di quel ... puntino, ma tu dovrai negare ... o ammettere?

      Elimina
  3. C'è anche l'istinto, non animalesco, ma sintesi di una elaborazione ragionata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esempio:

      La strada che scende da Gerusalemme a Gerico è infida. Perfetta per qualche agguato.
      Succedeva che qualcuno si fingeva ferito e quando il soccorritore veniva ad aiutarlo lo aggrediva.
      Per questo il prete non si è fermato. Lo stesso a fatto il levita.
      Ma l'istinto è anche un ragionamento. Saper riconoscere e dividere il buono dal cattivo.
      Ecco perché il samaritano si è fermato.

      Elimina
    2. L'istinto E' SOLO ... animalesco.
      La RAGIONE E' solo umana.
      La com-PASSIONE è genitoriale!
      Si è FIGLI o figliastri, ma non è detto che non si diventa EREDI comunque.

      Elimina
    3. Il SAMARITANO si è fermato perchè il malcapitato era samaritano.
      STUDIA bene gli altri tasselli del Vangelo. Sono pieni di contraddizioni solo per chi non vuol capire.
      Conosco chi è andato per rubare ed è stato misericordioso con quel semplice AFFAMATO.
      CHI SALVERA' TE?
      In galera si è solidari tra malcapitati ... visto che devono dividere la cella.
      Di solito MUORE nella notte l'egoista o il presuntuoso. Dopotutto è quello che potrebbe ... eliminare TUTTI.

      Elimina
    4. Secondo te Gesù è uno che scrive le parabole a casaccio?
      Sei tu che non vuoi capire.
      Scrivi un vangelo secondo Angelo.

      Elimina
    5. Gesù non scrive e non ha mai detto di scrivere ... ma di VIVERE.
      IO SONO V°Angelo.

      Elimina
    6. Nella PARABOLA del Buon Samaritano ... CHI E' il PROSSIMO? Il malcapitato o il SALVATORE?
      Non hai capito la SUA PROVOCAZIONE. E' sempre Dio che devi AMARE e fino a trovarlo in chi confida in te, come cratura e CREATORE, peccatore e SALVATORE. E' spiegato in altir passi e sritture ma molti studiano e per questo dimenticano. In VECE chi LO vive può parlare a BRACCIO (a braccetto).

      Elimina
    7. Lui era a braccetto con il mistero!
      Il suo mistero della casta vedovanza era solo per Sant' ANNA non la santa però. ma perchè non l'hai detto prima?
      Fammi sapere quando ci sarà il processo! DEVE PAGARE!
      Come lui

      Elimina
    8. Ma è la moglie del giudice che gli passa i viveri. E' LEI che lo processa ogni volta che torna a CASA.
      E TRE... menda...c'è o ci fa, io non lo so.
      Mi fa crepare il mio SPIRITO.

      Elimina
  4. Ciao :) mi permetto di linkarvi questo: http://www.franoi.net/Bibbia/buonsamaritano.htm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sally, tu vedi tra la folla un volto bello e gioioso.
      Un volto che vorresti rivedere perché ti porta tranquillità e gioia.
      C'è qualcuno che non si accontenta e vuol controllare. Si avvicina al volto fino a toccarlo con la sua faccia e sai che vede? Un naso, una bocca, un occhio. Si perde l bellezza del viso è resta solo qualche particolare insignificante.
      Filosoficamente questo è il comportamento dei nichilisti e teologicamente di chi non cerca il valore ma qualche difetto per non aderire mai.
      Ciao.

      Elimina
    2. Forse è vero e forse se ognuno di noi riuscisse a guardare col cuore di un bambino, coglierebbe la tanta bellezza di quel volto... Ciao :)

      Elimina
  5. Quanto più restano distinti soggetto e oggetto tanto più

    è potentemente unitario il rapporto tra l'uno e l'altro.

    Di fronte all'altro che non hai mai conosciuto oppure

    che prediligi, i due estremi, quanto più è distinta la

    coscienza, quanto più capisci che lui è l'altro, tanto più

    è profondo il nesso che si stabilisce, tanto più i terminali

    del tuo sguardo colgono i particolari dell'altro.

    Quanto meno hai questa percezione della distinzione, tanto

    più è come se l'altro si sfocasse.

    Tant'è vero che giungi fino a dire:

    "Chissà se è una mia fantasia o se è vero".

    E' esattamente la posizione di tutta la filosofia contemporanea.

    La ragione debole di Vattimo, i sofismi di Eco e l'ultimo

    nichilismo di Severino sono così.

    RispondiElimina
  6. Seguire uno qualsiasi che sta davanti? O seguire l'Uno, che ci sta davanti: è Lui il Vero, il Bello, il Giusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'obbedienza per noi, cioè il seguire il disegno di un Altro, il fare la sua volontà, è ragionevole in un solo caso: deve essere consapevole che in essa sta la riuscita della vita.
      Seguire Cristo come Lui ha fatto con il Padre, come dice san Paolo "Fatto obbediente fino alla morte".

      Elimina
    2. Come pecora che va al macello. Sdraiarsi sopra la croce ... posizionare la testa nel capestro. Questo segreto è un mistero solo per gli ipocriti.

      Elimina
    3. Lui ha paura dell'inferno. Tu no! Tu sei nato diavolo lui lo è diventato! E' stata la sua soci-età a deviarlo :)
      Il paradiso "annoierebbe" vuoi due... ma nel tuo male TU sei più puro!

      Elimina
    4. Piano BELLA! Che ti facio pure piangere! Non esageriamo.
      Ma è PURO VERO che l'inferno bisogna conoscerlo TUTTO per annoiarsi e puntare TUTTO sul PARADISO.

      Elimina
  7. Prima si seguire qualcuno, meglio capire dove va, che idee ha..meglio sempre essere saggiamente prudenti. Buonanotte :)

    RispondiElimina