venerdì 25 maggio 2012

Definire la crescita di un Paese

La politica è latitante perché non considerando la colletività come il suo prossimo è stata abbandonata dal Padre.
Il Padre è con chi osserva i suoi comandamenti.







44 commenti:

  1. La crisi è mondiale ed i soldi "mancano" dappertutto è assodato.. il problema è che, purtroppo, in italia è peggio perchè abbiamo, diciamolo, una classe dirigente mediocre (e non solo quella politica.. anche quella imprenditoriale, dedita al risparmio piuttosto che all'innovazione ed alla ricerca), e non ne faccio una questione "politica", ma proprio "umana" e culturale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innovazione e ricerca di cosa?
      Il risparmio se non è esagerato è cosa buona per affrontare gli anni di magra. Poi se la COMUNITA' è altruista e perfetta ... si può vivere di aiuti vicendevoli.
      Ma la perfezione non è di questo mondo e non serve nemmeno PANE e AMORE insieme alla FANTASIA.
      Li hanno UCCISI come tre malfattori.

      Elimina
  2. La fantasia, sì è un parametro. Nasce dall'amore e dalla libertà, Per questo ve ne è così poca nell'Italia di oggi ed è tutta rifugiata su Internet.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la Mafia è fantasia benigna e maligna.
      Beppe Grillo ha sostenuto che la Mafia aiuta l'impresa a progredire per poter pagare maggior tangente, mentre il Tiranno ti succhia pure il sangue.
      La Mafia ti aiuta a trovare anche lavoro ma questa è la primordiale ... paragonabile a quella che ama i familiari e dispetto dei nemici.
      Il mio credo non si basa sulla fantasia ... altrimetni IO SAREI RICCO di materia, ma VIVE di SPIRITO che è VERITA' che comprende il REALE e anche il VIRTUALE ... come il visibile e l'INVISIBILE.

      Elimina
  3. Si può andare a rotoli in maniera esponenziale?...
    Ebbene, credo di sì.
    E che stiamo precipitando in un abisso dal quale sarà impossibile salvarsi.
    Pessimismo?
    Altroché!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al massimo perirà un terzo dell'UMANITA', mentre il terzo del CIELO vivrà COMUNEMENTE e per MILLE ANNI d'ACCORDO.

      Elimina
  4. Ho fatto bene a non scegliere l'occupazione. Proprio in questo momento (5 minuti fa) il tg3 ha parlato del pericolo del sistema "stage" e di come di fatto è un modo come un altro per creare fittiziamente posti di occupazione, non pagati, o pagati poco, con un rimborso spese nel migliore dei casi ridicolo. Prestazioni veloci ed a poco tempo, e soprattutto affidare agli stagisti la formazione dei "futuri stagisti".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In FUTURO si dovrà dare il proprio contributo per portare avanti la baracca e non per arricchirsi. Non esisteranno n'è banche e n'è assicurazioni ma momenti di più lavoro e momenti di più pace.

      Elimina
  5. Penso che un paese cresca nella misura in cui si prefigge il bene comune, coinvolgendo nel progetto quante più persone possibili.Il problema è che non tutti hanno le idde chiare su cosa sia il bene dell'uomo. Se fosse un cane gli costriremmo una cuccia, se fosse tutto spirito privilegieremmo luoghi di culto, se... ecc ecc ecc.
    Per realizzare ciò che fa bene all'uomo dobbiamo prima rispondere a questa domanda:" Chi è l'uomo?"
    Cristo vero uomo e vero Dio è venuto a dire di cosa abbiamo bisogno.Ciao Gus. buon pomeriggio.
    I tuoi POST sono sempre impegnativi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Scuola non partecipa al rischio educativo.
      E poi cosa significa educare? Educare è soprattutto scegliere.
      Come fa la Scuola ad educare quando è impostata su un innaturale neutralismo che annulla ogni valore?
      Si percorrono millenni di civiltà senza saper ricostruire la figura dell'uomo e il suo significato nella realtà.
      Ciao Antonietta.

      Elimina
    2. L'educazione è la democrazia è una lama a doppio taglio che dà potere al malvagio se è la maggioranza.
      In VECE la CARTA dei VALORI UNIVERSALI da potere a TUTTI gli uomini UGUALI per la loro BUONA VOLONTA'.

      Elimina
    3. Penso che il problema sia la famiglia, la prima educatrice, quella che lascia il segno.

      Elimina
  6. Da ex insegnante (ma l'insegnante ex non lo è mai) condivido il tuo pensiero che educare è scegliere, ma nella pratica l'appiattimento sul conformismo di comodo contraddice troppo spesso questo principio. Per tornare al quesito iniziale,io indico proprio l'educazione come promozione della capacità di scegliere e, in conseguenza, di agire nella società in modo consapevole e responsabile, ma davvero. Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto l'insegnante deve dare l'esempio...non solo quando insegna!
      Ottimo commento, qualcuno dovrebbe riflettere, e molto!

      Elimina
  7. La crescita di un paese si verifica in base alla moralità della popolazione, intendo per moralità,attenzione ai grandi valori e bisogni dell'uomo:Giustizia, onestà, pace e libertà.

    Ciao August, non essere pessimista!

    RispondiElimina
  8. Ciao Marilena.
    E' difficile anche scegliere. Il potrere ha omologato le coscienze e l'intelletto.
    Pasolini diceva amaramente che uno stato di potere, così come è l'Italia oggi, è immodificabile.
    Lascia al massimo spazio all'utopia perché non dura o alla nostalgia individuale perché è impotente.
    Politica vera, al contrario, è quella che difende una novità di vita nel presente, capace di modificare anche l'assetto del potere.
    La politica deve decidere se favorire la società esclusivamente come strumento del suo potere, oppure favorire uno stato che sia veramente laico, cioè al servizio della vita sociale secondo il concetto di bene comune.

    RispondiElimina
  9. Gioia, la nostra società è amorale, che è peggio di immorale, perché non si pone nemmeno il problema etico.

    RispondiElimina
  10. Angelo, parlare di valori universali è veramente utopico in una società rattrappita su se stessa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu li conosci i valori uni-versali?

      Elimina
    2. Ci sono tante religioni e tantissimi valori universali.

      Elimina
    3. PurTROPPE.
      Ora mai conosco i tuoi limiti.
      Allora ti dico che ci sono PIU' UNIVERSI.

      Elimina
    4. Gli altri universi sono solo ipotesi e non hanno valori che noi possiamo conoscere.

      Elimina
    5. Ma riesci almeno a mettere d'accordo i TUOI COMMMENTI?
      1) Ci sono tante religioni e tantissimi valori universali;
      2) Gli altri universi sono solo ipotesi e non hanno valori che noi possiamo conoscere.

      MHA?

      Elimina
  11. Ottima risposta!
    L'"Immorale" va contro la morale comunque accettata da una determinata società o cultura, in un determinato.. "vissuto": luogo e tempo!
    La cosiddetta "morale" è molto elastica e cambia in funzione alle... culture.
    "Amorale" è una persona indifferente, apatica, totalmente estranea a valutazioni-considerazioni e comprensioni, anche di tipo morale, ma non solo purtroppo!

    RispondiElimina
  12. Sara, traduci quello che scrivo, oppure dai i voti alle risposte?

    RispondiElimina
  13. Davanti alla situazione disastrosa del nostro Paese mi trovo disarmata. I politici purtroppo non ci hanno aiutato a costruirci una coscienza costruttiva: alla televisione non ci sono alternative ai costumi e valori che erano nella storia dei nostri genitori.E' un mondo dove non c'è più la figura del "padre" dell'autorità educativa.Non so cosa ci aspetta!Affidiamoci a Lui, al nostro desiderio di felicità in Lui. 'notte Gus. Sei sempre interessante!

    RispondiElimina
  14. Ho commentato attentamente ciò che hai scritto.
    Se mi è ancora consentito ho espresso un mio personale (dettagliato) pensiero.
    Non ho dato voti, ma ho apprezzato l'essenza (ottima) della tua risposta. Non so..gradisci meglio le offese?
    Notte
    P.s tanto oramai lo sanno quasi tutti :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come stai, Sara?
      Sei tornata a lavorare?
      Ciao.

      Elimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una che si chiamava Anita era follemente innamorata di me. Ha lasciato il fidanzato. Eppure, io, non l'ho nemmeno sfiorata con una mano.
      Mi scriveva lettere appassionate che io consegnavo a mia moglie che rideva come una matta.
      Ma i matti ridono?
      Il tuo blog?
      Carneade, chi era costui?

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'avevo visto.
      Ti do subito una bella notizia.
      Funzionano i feed del post e dei commenti.
      Atom ha detto sì.

      Elimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fondo alla pagina se clicchi su atom vedi il tuo feed.
      Poi, apri i commenti, clicca di nuovo su atom e vedi il feed dei commenti.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Anita, il feed compari quando nella bacheca imposti in modo corretto le opzioni. Non è un problema del pc.
      Ciao.


      PS

      Ora ti metto tra i lettori fissi e vedrai che compare anche il post.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Concordo per la fantasia.
    Ciao Gus.
    f.

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. Visto che la crescità ,quella che riguarda l'economia e il lavoro per un po' sarà solo utopia..sono d'accordo e opto pure io per la "fantasia" :) Buona domenica

    RispondiElimina