giovedì 5 aprile 2012

Quando un amore è infinito

Una tenerezza vera per resistere, per permanere deve amare in modo vero l'oggetto e l'oggetto deve essere percepito per quello che è veramente.
Come si può avere una tenerezza verso un essere che ti dà la vita come tua madre e poi ti abbandonasse, perché a un certo punto muore? E' una tenerezza oggi che, se una ci pensa, annega in un bidone di tristezza.
Uno vuole bene particolarmente a una persona, ma come fa a sentirne la tenerezza pensando che domani non la vedi più, che domani muore o che domani va negli Stati Uniti e non torna più?
Solo se uno percepisce l'eternità della compagnia con questa persona, solo se uno percepisce che il rapporto con questa persona, ciò che essa suscita in noi, è segno di un rapporto con l'eterno, allora l'amore per questa persona è un amore infinito.

43 commenti:

  1. Tenerezza è tendersi verso l'altro, dal suo etimo tendersi verso..
    Ma credo che se davvero è percepita e diretta verso l'oggetto amato non è soggetta a inversioni temporali se l'oggetto viene a mancare. La tenerezza è una diponibilità, un'offerta ma non può e non deve essre soggetta a “ritirate” se l'oggetto manca, non percepisce o tradisce. Anzi, proprio laddove c'è in-comprensione, nasce, dovrebbe nascere, la tenerezza. Laddove l'oggetto d'amore assente ha bisogno di percepire il tendersi verso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Gus, mi sono svegliata ora!

      Oh! spendido e tenerissimo è l'amore spirituale. :))
      Io sono vissuta solo di quello e davvero mi sento una donna completa e realizzata ;)
      Laddove ci sono in-comprensioni aumenta lo stupore! Rassegnamoci alla "gioia"
      A dopo Gus, vado a colazione.
      Ciao.
      P.s Oggi vado a confessarmi, ma veramente questo mese non saprei cosa dire.

      Elimina
    2. Prova a raccontarti e il confessore sicuramente trova i peccati che a te ed anche a me, come agli altri sfuggono.
      Ciao.

      Elimina
    3. Ecco.. ho pensato di andare domani a confessarmi.
      Se mi perdona posso dire che per una volta non sono pentita?

      Notte.

      Elimina
    4. Un Dio che si incarna per VENIRE a MORIRE nella condivisione dei PECCATI non ancora del tutto svelati. Ci anticipa qualcosa ma ci promette lo SPIRITO di VERITA' che ci spiegherà TUTTO.
      Ogni volta, in fatti, che nasciamo nella carne e viviamo nel SUO SANGUE, NOI annunciamo la morte del Signore, affinché EGLI VENGA in NOI, con il SUO SPIRITO SANTO. la SALVEZZA è UNA PERSONA FATTASI TRINA per comprendere NOI ... adesso FIGLI.

      Elimina
  2. Resta la memoria della tenerezza.
    La mia professoressa di diritto era molto gentile con me.
    Diceva che ero una persona speciale. Ma non è questa la tenerezza.
    Io indossavo una giacca a tre bottoni e allacciavo il secondo e il terzo.
    Quando mi interrogava, e lo faceva sempre perché secondo lei io ero un modello da imitare, si alzava dalla cattedra e mi abbottonava il primo e il secondo bottone della giacca.
    Ecco, questa è la tenerezza. Non insegnava solo il diritto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai fatto ricordare quando si presentò in sembianze di VECCHIO e mi chiese se potevo abbottonargli il bottone del collo della sua camicia. Gli dissi che era stretto e che poteva lasciarlo sbottonato ma nel silenzio lo accontentai. POI nel MIO intimo si PRESENTO'.

      Elimina
  3. La permanenza della tenerezza e quindi della letizia- la tenerezza è il crepuscolo del possesso, il crepuscolo del mattino o il crepuscolo della sera-, la permanenza della tenerezza esige che sia una tenerezza vera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco perchè quando commento, solo da te, spesso mi si sconnette la linea! Sai che volte che succede!! :(
      Mi arrabbio molto perchè il primo messaggio è sempre più bello!
      Ora sai cosa faccio per scrivere il messaggio a te?
      Devo copiarlo e salvarlo su word, altrimenti (spesso) lo perdo!
      Quello che mi scoccia terribilmente che tu non mi credi! LO giuro davvero, e quando giuro sono sincera!...in verità sono sempre..spietatamente sincera!

      Elimina
    2. Il problema è che la sincerità fa più male a te che a chi la ascolta. O dovrebbe far BENE? Molti scritti sono diretti a che ospita l'autore.

      Elimina
    3. Il germoglio è tenerissimo e per questo la dura corteccia si lacera per farlo passare. Ma solo all'AURAORA

      Elimina
  4. Amore e tenerezza sono , a priori, sentimenti dell'anima che nutre verso se stessa, riconoscendosi poi in un oggetto esterno ne esterna la bellezza. La tenerezza e l'amore non sono eterni? No se non li percepiamo e viviamo in primis. Ma i rapporti finiscono, certamente perchè esauriscono il loro compito ma la tenerezza rimane ed è pronta a ri-esternarsi.

    RispondiElimina
  5. E' il sacrificio, nel presente, che permette la permanenza della tenerezza.
    Due persone che si amano compiono un viaggio che può essere duro, ma se tu accetti che la distanza da coprire sia anche faticosa, se tu l'accetti ti pemette la tenerezza, ti permette l'evidenza dell'amore che rimane, non ti fai sopraffare da nessuna circostanza.

    RispondiElimina
  6. Teologicamente è molto complicato spiegare la differenza tra ricordo, memoria e presenza. Il ricordo è come un abito smesso. La memoria è qualcosa che seguita a vivere, ma deve diventare presenza. Io parlo di questa tenerezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il RICORDO e la MEMORIA sono i GENITORI della TENEREZZA. La VERA TENEREZZA è quella che si prova per i GENITORI e non verso i FIGLI. Questa è la conversione del CIELO.

      Elimina
  7. Tutto il discorso sulla tenerezza sfocia nella presenza. Ma la presenza deve essere viva, cioè tu puoi parlarci. La grande Presenza è Cristo. Io, qualsiasi cosa faccia, mi domando se piace a Cristo e ho la risposta, anche se seguito a sbagliare.

    RispondiElimina
  8. La tenerezza di Dio è la Croce.
    Dio si è abbassato fino all'uomo per innalzarlo.♥
    Ciao August, oggi è una giornata fredda e piovosa, mette tanta tristezza!!!

    RispondiElimina
  9. La primavera cambia di umore continuamente. Questo mi infastidisce.
    Sì, è quella la tenerezza.
    Ciao Gioia.

    RispondiElimina
  10. Sei ..arrabbiato Gus?
    P.s prchè solo a me risulta sotto al commento :elimina? L'ho notato anche nel mio post precedente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché solo tu puoi eliminare i tuoi commenti, e non puoi eliminare quelli degli altri. Ovviamente tranne il Gus.

      Elimina
    2. Vedi che sono un disastro? :) Grazie Ric!
      InZomma quando voglio cancellare sparisce la parola, quando non voglio.. c'è! :(
      Sono .."strana" lo so! ;))
      Ciao Ric!

      Elimina
    3. Riccardo è uno specialista nel cancellare quello che non comprende. Ma qui si può BLOCCARE ... l'INCIAMPO?

      Elimina
  11. Sara, Blogger è sempre instabile. La velocità della connessione a internet fa la differenza. La tua è sicuramente bassa e non legge tutto. Prova nel test che è tra i gadget del mio blog.
    Ciao.

    RispondiElimina
  12. Solo in Dio l'amore diventa eterno, immutabile, vero. E' la sorgente che permette all'albero di continuare a produrre i suoi frutti, anche se è doverosa l'attesa. Non per questo Dio ha inventato le stagioni, perchè imparassimo l'arte del contadino.
    La terra promessa, anche se ci viene consegnata in primavera, è sempre terra da coltivare, arare, seminare, custodire.
    Ciao Gus. Oggi è un giorno speciale perchè Giovanni si fa la prima Comunione, come ho scritto nel post. Chissà se ci sarà posto anche per noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima di tante comunioni.
      Ciao Antonietta.

      Elimina
  13. "tenerezza" che bella parola Gus!

    RispondiElimina
  14. Ciao Moni.
    Se non fosse stata bella non l'avrei scritta.
    La tenerezza mi fa pensare a te.

    RispondiElimina
  15. Molti ricordi si accavallano nell'amore infinito, ma non sono cavalli.

    RispondiElimina
  16. La tenerezza non è pensiero, non appartiene alla mente, non ha forme: è l'essenza.
    Nasce dall'osservazione profonda e attenta..interiore ed esteriore.
    Dovrebbe essere sempre presente, ma a volte sfugge!
    Forse il p.c va bene. Tu che dici?
    Ciao Gus
    P.s i virus non ci sono più..mi confermi per cortesia? Grazie!

    RispondiElimina
  17. La morte non è niente. Sono solamente passato dall’altra parte: è come fossi nascosto nella stanza accanto. Io sono sempre io e tu sei sempre tu. Quello che eravamo prima l’uno per l’altro lo siamo ancora. Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare; parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato. Non cambiare tono di voce, non assumere un’aria solenne o triste. Continua a ridere di quello che ci faceva ridere, di quelle piccole cose che tanto ci piacevano quando eravamo insieme. Prega, sorridi, pensami! Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima: pronuncialo senza la minima traccia d’ombra o di tristezza. La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto: è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza. Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista? Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo. Rassicurati, va tutto bene. Ritroverai il mio cuore, ne ritroverai la tenerezza purificata. Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami: il tuo sorriso è la mia pace.
    Padre Giacomo Perico

    La trovo molto bella …, ci dice perché la morte di chi abbiamo amato non può portarci via la tenerezza e l’Amore che ci aveva legati e che troverà la sua continuazione nell’Infinito
    (… una realtà che vivo in prima persona)
    Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BRAVA LETIZIA.
      Bisogna imparare a risentire, a rivedere, a ritoccare il SIGNORE ... iniziando dagli ultimi MOMENTI su questa TERRA.
      Non lo potremo mai riavere TUTTO ... essendo stato diviso in tutti NOI, come anche il MALE.
      E' tempo di spigolare nel SUO CAMPO e dividere quello che è GRANO dalla pula. Ormai la zizzania non può più aver il sopravento. Ora ci nasconde solo i semi rimasti in quanto caduti dal CORPOSO raccolto già avvenuto.

      Elimina
  18. Sono impegnato. Non ho tempo da dedicare al blog.
    Ciao.

    RispondiElimina
  19. Sono appena tornata dalla "Via Crucis" del Venerdì Santo."Egli si è dato tutto, dono di sè totale. fino a: "Nessuno ama tanto gli amici come chi dà la vita per gli amici" Dono totale.Buona Pasqua di risurrezione.

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Ti auguro una serena santa Pasqua!

    RispondiElimina
  22. Grazie, Gioia.
    Buona Pasqua.
    Ciao.

    RispondiElimina
  23. Scusa se disturbo un attimo solo per gli auguri di Pasqua!
    Ciao

    RispondiElimina
  24. Buona Pasqua Gus.Ti auguro tanta serenità da trasmettere a chi ti sta vicino.

    RispondiElimina