giovedì 12 aprile 2012

la difesa di un'esperienza

Quando l'esperienza si  spalanca come attrattiva e tu la gradisci,
la gusti e dopo passi ad altro,
rendi nota una superficialità
per la quale non è vero che il vero è vero.
Ma se capisci che il vero è il tuo destino
devi farlo diventare diuturno, familiare, continuo.
Occorre vigilanza.
E' come uno che ha conquistato una cosa
bellissima e deve difenderla.
Non lascia spazio alla superficialità, non si distrae, è
teso, ma non  nervoso.

27 commenti:

  1. Superficiale chi non fa tesoro dell'esperienza che è un'attrattiva.

    RispondiElimina
  2. Il vero è Cristo, il destino è il desiderio del ritorno al Padre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... in centocinquantre ... grossi pesci nella propria rete. Altrimenti non condivideremo con i centoquarantaquattromila, varianti nei singoli ma non di numero nel tempo.

      Elimina
    2. Manca ancora una T e una A.

      Elimina
  3. Ci sono parole che hanno il senso fatato del silenzio, gocce armoniose che placano la marcia del vento che spazza via le ore.

    RispondiElimina
  4. Davanti al mistero di Dio, l'umiltà dell'uomo, il credere, senza a volte voler capire tutto, diventa dono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'umltà dell'uomo è non voler capire tutto , ma fidarsi.
      Se ami ti fidi, e l'amore è gratuità: Donarsi!

      Elimina
    2. Pienamente d'accordo con la signora.. capire tutto lo reputo impossibile e forse è anche un pò presuntuoso impuntarsi su questo... Bisogna farsi piccoli piccoli come bambini e cedere alle braccia di Dio Padre, le risposte verranno da sè.

      Elimina
    3. E proprio quando non si vuole capire di più perchè gli basta già quello che sa dello SPOSO ... che gli viene RIVERSATO TUTTO.

      Elimina
    4. Gioia, Marianna e Angelo sono d'accordo.
      Noi siamo semplicemente dei mendicanti in cerca d'amore.
      Un saluto speciale alla nuova amica Marianna, che ha anche un bel nome.

      Elimina
  5. Condivido! Se si ama davvero tutto è possibile!
    La fede è solo amore incondizionato!
    Ma chi non sente amore..potrà sentire la vera fede?..Forse sì!
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fede è un amore, il più grande che può avere un essere umano.
      Senza amore non esiste la fede.
      Ciao Sara.

      Elimina
  6. Ti rispondo qui: non ne vedo il motivo e non mi sembra decisamente il caso - ciao a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il motivo è che una come te io vorrei averla sempre vicina.
      Un abbraccio.

      Elimina
  7. Pillole di saggezza.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondi con un luogo comune.
      Non è da te.

      Elimina
  8. e senza ne fede ne amore non si è nulla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E si, anche quando mancano entrambi NON SI E' NULLA.
      Non conosco il nulla.
      Cos'è il NULLA?
      Iniziamo dal nulla per poi capire cos'è la fede (o FEDE?) e CHI E' l'AMORE (o volevi dire amore?).

      Elimina
    2. Il nulla è il vivere secondo il carpe diem.

      Elimina
    3. GUstaMENTE!
      Se non ti resta nulla!
      Ma nemmeno questo soffio di vita è il nulla perchè ti dona sempre una ... riflessione. Poi se uno per-severa allora potrebbe MORIRE senza aver conosciuto CHI E' TUTTO: FEDE e AMORE.
      Il NULLA E' la VERA MORTE ... come se è stato INUTILE nascere.
      Hai ragione! Non fate della vita un carpe diem.
      Ma che vuol dire? nel mio dialetto sembra: dio capra.

      Elimina
    4. Altro che capra!
      Ciao Angelo.

      Elimina
    5. Ma tu sai la differenza tra capre e pecore nella divisione FINALE?

      Elimina
  9. nemmeno io conosco il nulla o meglio mi sentirei una "nullità" senza la fede e senza l'amore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccerto!
      Tu sei un tesoro.
      :-(

      Elimina
  10. Buon sabato caro Gus
    e grazie della tua amicizia
    monica

    RispondiElimina