sabato 21 aprile 2012

Il mestiere di essere uomo

 





Si dovrebbe capire

che innanzi tutto si esce dal regno

del polveroso dell'assurdo se ciascuno

di noi riprende su di sé il mestiere di

vivere,

il mestiere duro di essere un uomo,

quella ricerca del vero senza la quale

l'uomo è condannato alla inincidenza,

a una vita spezzata,

una vita che non ha senso.


20 commenti:

  1. La prerogativa e il dovere della forma umana è infatti farsi domande altrimenti diventa una vita animale dove ambedue mangiano, dormono, si difendono, si accoppiano, si ammalano e muoiono con la sola differenza che gli animali lo fanno per strada e l'uomo in lussuosi appartamenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il Figlio dell'UOMO non ha nidi o tane dove posare il CAPO. Ma solo nella NOSTRA ANIMA trova ristoro e noi in LUI ce ne vergognamo.

      Elimina
    2. E' il nostro egoismo che non tollera la Presenza dai dipendere.
      Ciao Angelo.

      Elimina
  2. Quando l'assurdo si fa norma e specchio della realtà che ti circonda, è difficile mantenersi integri. Lo si fa, certo, se lo si pensa, se lo si sente, ma si avverte una profondissima e immensa solitudine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... cerco il mondo ma non come la dà il mondo.

      Elimina
    2. Noi non dobbiamo essere di questo mondo.

      Elimina
  3. La vera libertà qui, nel mondo materiale non esiste, perché questo contesto non ci appartiene, ci è estraneo perchè noi siamo eterni e qui tutto è perituro, anche il ricordo, anche i pensieri, anche la mente (corpo, mente, intelligenza sono vestiti che indossiamo solo per un pò, poi si cambiano e si cambiano e si cambiano).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo LIBERI solo di scelta.

      Elimina
    2. La libertà che ti permette di scegliere è imperfetta, perché ogni scelta è gravida dell'errore. La libertà è perfetta quando hai tutto scritto dentro nella coscienza e non si pone il problema della scelta.

      Elimina
    3. Te la lascio ... passare.

      Elimina
  4. Il nostro libero arbitrio in definitiva si riduce a due semplici scelte: o segui le leggi Divine o non segui le leggi Divine.
    Il resto sono 2 rotaie che ti sei costruito, due rotaie che si chiamano karma, dove viaggi pensando di guidare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante E' che ci accorgiamo quando sale l'UNICO VERO PASSEGGERO.

      Elimina
    2. Siamo noi che alla prima stazione dobbiamo scendere da quel treno, perché Dio ci sta aspettando.

      Elimina
    3. Questa ... non te la faccio passare.

      Elimina
  5. Daniela, questa momgolfiera traballante che si chiama Blogspot crea confusione con Google+, che è e resta una cosa strana. Se ti va di ripondere scrivi sul mio blog.
    Ciao.

    RispondiElimina
  6. Gus non mi va di creare disagi o dispute inutili, vorrà dire che se vorrai passerai tu dal mio blog,
    Buonanotte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela, scrivi tranquillamente nel mio blog. Io nel tuo vengo sempre.

      Elimina
    2. Ma VENNE un UOMO a sVELARLO o a riVELARLO?

      Elimina
    3. Svela innovando, quindi rivela.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità