domenica 8 aprile 2012

Ho capito il Vangelo secondo Giovanni

 (20,1-9).
In particolare:
....Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario- che era stato sul suo capo- non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette.
Il corpo di Gesù, risorgendo, non si era strappato di dosso le scomode fasciature, ma egli ne era uscito senza scomporle, come se il corpo di Gesù fosse svanito dall’interno del lenzuolo (sindone) che l’avvolgeva e quindi la sindone e le fasce, non avendo più cosa avvolgere, si sono semplicemente afflosciate su se stesse.
Pietro e Giovanni temevano che il corpo di Gesù fosse stato rubato. Giovanni, invece, constatò che gli elementi erano esattamente nella stessa posizione dove erano stati lasciati 3 giorni prima, durante la sepoltura.
Il telo di lino che avvolgeva Gesù era dove prima giaceva il suo corpo, cioè sulla pietra sepolcrale, afflosciato e non srotolato.


44 commenti:

  1. Ho capito e approfondito dopo che il prete durante l'omelia ha esclamato commosso: " Ma lo vogliamo capire che Gesù è uscito dalla sindone intatta!" Non srotolata, ma afflosciata.
    Io arrivo sempre almeno 10 minuti prima della celebrazione della Messa per entrare nel cuore della Pasqua domenicale. Per la prima volta un prete, don Emilio, ha spiegato la parte finale del Vangelo di Giovanni.
    Don Emilio deve essere in un momento di grande intimità con Cristo.
    Alla fine era sfinito e dopo il Credo per tre volte con un panno ha asciugato il sudore dal viso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrà letto Vittorio Messori e visto il film "The Passion" di Mel Gibson. Dovresti venire un po' da me per capire CHI E' il PRIMO DISCEPOLO a CAPIRE e a VEDERLO.

      Elimina
  2. Il passo di Giovanni così inteso resta la miglior prova che la Sindone è la Sacra Sindone. Un sudario svuotato dall'interno non si dimentica, nopn si getta, non lo si lascia lì. Infatti è in Italia.
    Penso all'energia straordinaria che avrà fatto ritornare il Suo cuore a battere, che ha impresso l'immagine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti basta questa prova per CREDERE? Beato te. Pietro lo VIDE come TUTTI. Senza VEDERLO non si PUO' CREDERE. Tommaso aveva ragione.

      Elimina
  3. Questa assenza del corpo nel sudario mi ricorda una mano, che malgrado non stringa più la mano amata, ne conserva ancora l'impronta, il suo soffio vitale.

    Attraverso questi racconti invece io ho capito il perché ho sempre utilizzato come base delle mie pitture delle immagini femminili.
    Il senso della corsa, tutti e due insieme, e di chi arriva prima ma attende l'altro all'ingresso, e lo fa entrare per primo.

    Giovanni è come se arrivasse due volte. La prima si china e vede. La seconda entra e vede e crede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DUE VOLTE?
      Bravo!
      Ma dove è scrito che è Giovanni?
      La PRIMA E' MARIA di Magdala ... in TUTTI i Vangeli. Questo disceplo che il Signore AMAVA è un po' ambiguo.

      Elimina
  4. La Sindone rappresenta la Passione di Cristo.
    Per questo il Papa l’ha definita “specchio del Vangelo”

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il "tutto" si può percepire e riconocere dalla Presenza.
      Radiosa e completamente viva potrebbe innalzare in noi la piena consapevolezza..senza giudizio.

      Elimina
    2. ... o SEGNI della PASSIONE di un UOMO che ha sofferto come il CRISTO. La CHIESA non lo ha riconosciuto COMPLETAMENTE come lenzuolo che avvolse il CRISTO. PRENDINE ATTO. La CHIESA sa il FATTO SUO, ma non vuole svelarcelo. Approfitta e sfrutta questa pro-VOCAZIONE.

      Elimina
  5. Giovanni crede dopo aver visto.
    Un po' come Tommaso.
    Ma molti non credono nemmeno all'evidenza degli eventi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il discepolo che il CRISTO AMAVA era stato per BENE istruito. Sai cosa vuol dire: "CHE CIOE' EGLI DOVEVA RISORGERE DAI MORTI". Sai chi sono i morti? ... e CHI la VITA ETERNA?

      Elimina
  6. Niente paure se un viaggio lontano comincia con il primo passo.
    Beato è chi crede senza pensieri..
    Il nostro fare, forse, si è liberato di una condizione che cambia di qualità.
    Ciao

    RispondiElimina
  7. Don Emilio sa cosa è importante.un prete che per spiegare ha presente sempre l'altro che deve capire. Quando Giovanni,il mio nipotino ha fatto la prima comunione nella chiesa di Santa Caterina(una delle tre parrocchie di don Emilio) mi chiedevo come avrebbe potuto, lui e i suoi compagni, concentrarsi e pregare, visto che erano 82, moltiplicati per i genitori, i nonni, gli, zii e via dicendo.E' stato bellissimo, perchè ai bambini era stato spiegato prima tutto: il rito, i segni, le parole e via dicendo.Al momento della Comunione ha invitato tutti i comunicandi ad aprire la mano su cui ha deposto l'ostia invitandoli a contemplarla. Quando tutti sono stati serviti lui ha dato inizio al banchetto seguito dai piccoli che poi in silenzio hanno parlato con Gesù.

    RispondiElimina
  8. Caro Gus,
    accetta i miei più sinceri auguri di Buona Pasqua
    un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
  9. Poco prima vi è Maria di Magdala che giunge al sepolcro, e pensa che Gesù sia stato portato via.
    I due uomini arrivano dopo, e Giovanni credette per amore. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura dice l'apostolo.
    Se non avevano ancora compreso la Scrittura, la Parola, in base a cosa credettero?
    A me ha sempre colpito questo passaggio, di Giovanni che arriva, si china, vede, ma non entra, per lasciare entrare Pietro, il più anziano, colui che Gesù scelse come pietra della Chiesa, lo fa entrare, e poi entra.....
    Buona Pasqua Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu non me la racconti giusta.
      PARLA se SAI. Mio NON MORTO (A MORE) ... parlante. Il V°Angelo di OGGI continua ... ma non domani. Domani c'è quello di Matteo ma serve a far capire CHI COMPRESE PRIMA e PUR LO VIDE.

      Ma anche negli altri Vangeli le PRIME SONO DONNE. E a VEDERLO E' proprio MARIA. Non è forse l'ANIMA di ognuno di noi che sussulta nel riconoscerlo?
      L'ANIMA non è la CASA nella quale il PADRONE entra senza sfondarla?
      Vi devo parlare dell'IMMACOLATO ... comprendimento?

      Elimina
  10. Infatti, il discepolo che amava di più è presumibilmente Giovanni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando era Lazzaro o Maria?
      C'erano anche là molte donne che stavano a osservare da lontano; esse avevano seguito Gesù dalla Galilea per servirlo. Tra costoro Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo e di Giuseppe, e la madre dei figli di Zebedèo.
      O preferisci, sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala?
      Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: "DONNA, ecco il tuo FIGLIO!". Poi disse al discepolo: "Ecco la tua madre!". E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa.
      Una riconcilliazione? Un ricongiungimento?

      Ma chi era in VERITA' quel discepolo del Battista?
      Rappresenta anche la nostra misera CARNE che fa l'amore con la carne stessa ... INVECE che con lo SPIRITO?

      Elimina
  11. Buongiorno Gus.. passata bene la "risurrezione"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino a giovedì si stava sviluppando la migliore Pasqua della mia vita, nel senso che la sentivo dentro di me. Da venerdì fattori esterni negativi mi hanno fatto percepire il Mistero della Morte e Resurrrezione in maniera meno intensa.
      Ciao Sara.

      Elimina
    2. Gus, forse mi sbaglio...ho una strana sensazione: ce l'hai con me?
      Se è si la risposta non hai capito nulla.
      Buona giornata

      Elimina
    3. E se E' ... NO?
      Ha capito il NULLA?
      Gus, anche Gesù andò in crisi ma si appoggiò a quanto aveva BEN preparato PRIMA. Tu cerca di prepararti di GIORNO quando prevalerà la NOTTE. Giuda non sopportò di essere stato preso i giro da chi voleva solo vendicarsi di chi difendeva anche gli omosessuali ... specialmente quando avevano compreso il VERO AMORE che non subisce malformazioni da leggi naturali, ma può solo elevarsi a quello ETERNO e CELESTIALE.

      Elimina
    4. Sara, ti sbagli.
      Sei una mia amica.
      Ciao.

      Elimina
  12. Nella fede non ci saranno mai certezze, ci sono sempre infiniti ostacoli da superare, senza condizionamenti, ne positivi ne negativi.

    RispondiElimina
  13. OTTIMO direi.
    Percepire meno intenso il Mistero della Morte è BUONA COSA.
    Quello della rEsurrRezione un po' MENO.
    Non bisogna cercare in teli qualcosa che dimostra la Vittoria della Morte ma il VIVENTE. Un corpo che scompare e che non si trova ... a me poco importa.
    Preferisco COLUI che ha messo la TENDA in ME.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho parlato di fattori esterni negativi. Percepire meno il Mistero non è mai cosa buona.

      Elimina
    2. Ma che termini: FATTORI, NEGATIVI, MENO, MISTERO, ... COSA buona.
      Mi meraviglio di te. Anche il Giorno sembra aver scacciato le tenebre ma non sai la NOTTE che sta preparando.
      Non preoccuparti ... ho pane per la tua dentiera.
      O preferisci SARA ad Agar?
      Isacco a Ismaele?
      Sai come andarono i FATTI?
      Si può allontanare un proprio Figlio adottivo per poi capire che nemmeno Isacco era suo figlio?
      Non sai che Giuseppe si è salvato con u FIGLIO non SUO?
      Ma come al solito nemmeno tu riesci a seguirmi e forse mi giudichi pure ... MALE.
      Sei libero di GIUDICARE il cibo che ti DONO. O hai paura di venir AVVELENATO?
      (Marco 16,17-18)

      Elimina
    3. ANGELO mi pare che stai esagerando!
      Ora basta, smettila!

      Elimina
    4. Lascialo parlare se vuoi conoscerlo fino in fondo.

      Elimina
    5. GiUStamente, ma mi sa che il Padrone di qualche DUNA mi ha riconosciuto BENISSIMO.

      Elimina
  14. Più si conosce è più aumenta il PESO. Ma ci si accorge che è sempre LUI a PORTARCI. Basta saper usare bene il GIOGO (non il gioco).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con Dio non si gioca.

      Elimina
    2. Ci si confronta ... o no?
      SERIAmente s'intende!

      Elimina
  15. Angelo ti posso chiedere una cosa? Quando ti confronti con
    DIO prima gli dici di amarlo? Perchè si può dire qualsiasi
    cosa se si procede dall'Amore (...perdonami se sono banale)
    Un abbraccio
    Letizia

    RispondiElimina
  16. NO! Il confronto con Dio non avviene nell'AMORE.
    Mica ci si confronta tra innamorati.
    PRIMA si LOTTA (vedi lotta di Giacobbe con Dio).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E DOPO ..? Dopo si capisce che si poteva trovare
      un'altra strada, e arrivare al traguardo meno stanchi!
      Ho lottato tutta la vita, specialmente contro l'ipocrisia, per poi scoprire che non è servito a niente.
      Le persone non sopportano la Verità
      Ciao, Letizia

      Elimina
    2. Non pensarai che Dio non sia ipocrita e pure fazioso?
      Io nemmeno me ne sono accorto di vincere. Sembrava un dono, ma era lesito della MIA VERITA'. Ma sono gli uomini che fanno grande CHI non vedono, nè sentono e tantomeno TOCCANO. Trova in te l'AVVERSARIO.

      Elimina
  17. Quando parlavo dell'ipocrisia mi riferivo a quella degli uomini; solo nel SIGNORE ho trovato vera Amicizia, in nessun altro
    E per quanto riguarda la lotta, non con DIO ho lottato, ma con
    le persone e con quella parte di loro che in qualche modo rifletteva qualcosa di me.
    Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno MALE che ti sei salvata in CORNER (calcio d'angolo). All'inizio mi sembravi non appartenente agli uomini.
      In questo momento mi sta dicendo che anche LUI si è incarnato in un un uomo ed ha anche TRADITO ... nella mentalità degli uomini.

      Elimina
  18. Sei sicuro di aver sentito bene cosati ha detto?
    (Come hai intuito che non capisco niente di calcio?) :-)
    Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse CORNA e CALCI alle pal..?

      Elimina