giovedì 26 aprile 2012

la grandezza viene per grazia di Dio




La riflessione di Von Speyr mi ha ricordato la prima pagina del Vangelo di Giovanni: "Il Verbo di Dio, ovvero ciò di cui tutto consiste, si è fatto carne, la bellezza s'è fatta carne, la bontà s'è fatta carne, la giustizia s'è fatta carne, l'amore, la vita, la verità s'è fatta carne".
E mi viene anche in mente la poesia di Leopardi intitolata Alla sua donna, un inno non ad una donna, ma alla scoperta che aveva fatto, cioè quello che cercava nella donna amata era "qualcosa" oltre essa, in una appassionata invocazione.

32 commenti:

  1. come mai qui non ti risponde nessuno

    RispondiElimina
  2. SANPIETRO E SANTANTONIO NON AVEBBERO MAI DETTO BUGIE! Ora gira il tutto google ridammi gus, TU mi fai schifo finocchio

    RispondiElimina
  3. il veo gus ora non c'è va a fare fotting ossia fottere non si sa se uomini o donne

    RispondiElimina
  4. Bruna Maria ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "la grandezza viene per grazia di Dio":

    Ciaooooooooooooo caro Gustavo. Questi pensieri sono profondi e difficili. A volte non abbiamo abbastanza fede, ci pesano le fatiche della vita ed i nostri limiti..
    Buon pomeriggio. Bruna

    Modera i commenti per questo blog.

    Postato da Bruna Maria in guspensiero alle 15:36

    RispondiElimina
    Risposte
    1. VAFFANCULO TU E LEOPARDI.
      VIGLIACCO BASTARDO

      Elimina
    2. Cara BrunaMaria, io mi chiamo Augusto e non Gustavo.
      Gus è auGUSto. Gli amici mi chiamano così.
      Ciao.

      Elimina
  5. Si nasce,si vive e si muore da mortali,il nostro è un meraviglioso viaggio di vita su questa terra che inizia e purtroppo finisce per lasciare spazio ai nostri eredi.
    Io mi accontento,anzi ne sono felice,vivo seguendo come faro la mia modesta intelligenza e il sapere dei liberi pensatori,senza misteri e improbabili speranze di altri gratificanti paradisi a beneficio dei buoni o di inimmaginabili tormenti per i cattivi e che rifiuta ciò che la mente umana non può comprende,i dogmi.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  6. Fulvio, so come la pensi e ti rispetto.
    Grazie per la risposta.
    Ciao.

    RispondiElimina
  7. Caro Gus, mi auguro che tu sia nascosto bene nel blog perche domani sarai in primo che parlerò in POLIZIA tu sapevi vero? chi sei tu? GUSS?
    Denunciami pure per calunnie me ne fotto. ma tu dovrai testimoniare come persona informata dei fatti.
    Buoni incubi notturni
    DIO VEDE DIO PROVVEDE stai con i tuoi simili e PREGA, MA TANTO!

    RispondiElimina
  8. Mi piace l'idea di essere un ricevitore con le braccia spalancate. E' l'accoglienza quella che ci permette di avvicinarci a Dio. Quando preghiamo, più che metterci a parlare, dovremmo accogliere la luce che da Lui si irradia. Grazie.
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrive Milosz in una sua poesia: " Sono solo un uomo, ho bisogno di segni sensibili, costruire scale di astrazione mi stanca presto. Desta dunque, o Dio, un uomo in un posto qualsiasi della terra e permetti che guardandolo io possa ammirare Te".
      Cristo è la risposta a questa suprema invocazione umana. L'incarnazione di Cristo corrisponde all'esigenza propria della natura dell'uomo, corrisponde in modo inconcepibile a un sensibile bisogno, a un bisogno dell'uomo vissuto e appassionato.
      Ciao Paola.

      Elimina
  9. Da tempo mi avevano regalato "Tre donne e il Signore" di Adrienne Von Speyr. Lo sto leggendo ora e mi piace moltissimo. Che combinazione! Il testo che hai letto che titolo ha? Notto Gus.

    RispondiElimina
  10. Padre mio, mi sono affezionato alla terra
    qanto non avrei creduto.
    È bella e terribile la terra.
    Io ci sono nato quasi di nascosto,
    ci sono cresciuto e fatto adulto
    in un suo angolo quieto
    tra gente povera, amabile e esecrabile.
    Mi sono affezionato alle sue strade,
    mi sono divenuti cari i poggi e gli uliveti,
    le vigne, perfino i deserti.
    È solo una stazione per il figlio Tuo la terra
    ma ora mi addolora lasciarla
    e perfino questi uomini e le loro occupazioni,
    le loro case e i loro ricoveri
    mi dà pena doverli abbandonare.
    Il cuore umano è pieno di contraddizioni
    ma neppure un istante mi sono allontanato da te.
    Ti ho portato perfino dove sembrava che non fossi
    o avessi dimenticato di essere stato.
    La vita sulla terra è dolorosa,
    ma è anche gioiosa: mi sovvengo
    noi piccoli dell’uomo, gli alberi e gli animali.
    Mancano oggi qui su questo poggio che chiamano Calvario.
    Congedarmi mi dà angoscia più del giusto.
    Sono stato troppo uomo tra gli uomini o troppo poco?
    Il terrestre l’ho fatto troppo mio o l’ho rifuggito?
    La nostalgia di te è stata continua e forte,
    tra non molto saremo ricongiunti nella sede eterna.
    Padre, non giudicarlo
    questo mio parlarti umano quasi delirante,
    accoglilo come un desiderio d’amore,
    non guardare alla sua insensatezza.
    Sono venuto sulla terra per fare la tua volontà
    eppure talvolta l’ho discussa.
    Sii indulgente con la mia debolezza, te ne prego.
    Quando saremo in cielo ricongiunti
    sarà stata una prova grande
    ed essa non si perde nella memoria dell’eternità.
    Ma da questo stato umano d’abiezione
    vengo ora a te, comprendimi, nella mia debolezza.
    Mi afferrano, mi alzano alla croce piantata sulla collina,
    ahi, Padre, mi inchiodano le mani e i piedi.
    Qui termina veramente il cammino.
    Il debito dell’iniquità è pagato all’iniquità.
    Ma tu sai questo mistero. Tu solo.

    Mario Luzi

    RispondiElimina
  11. Dalla mia vita. Autobiografia dell'età giovanile.
    'notte, Lucia.

    RispondiElimina
  12. GUS MANDA SUBITO UN MESSAGGIO DA ME HAI IL NICK CLONATO
    SUBITO

    RispondiElimina
  13. NON MI RAGGIUNGERETE MAI PEZZENTI

    RispondiElimina
  14. Ciao Gus. Ti mando un saluto prima di accingermi a fare le valigie. Sono la cosa più impegnativa di ogni viaggio. Mi piacerebbe seguire il consiglio evangelico "Non prendete nulla per il viaggio, né bastone, né bisaccia, né pane, né denaro, né due tuniche per ciascuno"( Luca 9,3), ma penso che non ci riuscirò mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio, Antonietta.
      Ti sono spiritualmente accanto.

      Elimina
  15. Privatamente.
    Ieri giornata di fuoco con il lavoro e per di più con Sara che ha imperversato nel blog. È andata a cercare mio telefono. Ha chiamato 4 o 5 volte a mia cognata per avere il mio numero di casa, perché Sara pensava abitassi a Maccio dove c'è santuario. Poi da pagine bianche ha trovato dove abito. Ha chiamato molte volte mia mamma anche se mia mamma le ha detto di non chiamare. Minacciando mia mamma di chiamare la polizia. Così mia mamma si è agitata pensando chissà cosa combino su internet!!! E da mia cognata mia nipotina si è agitata sentendo le storie. Quindi mia mamma preoccupata ha coinvolto anche tutti i miei fratelli e sorelle!!!

    Così ho dovuto mettere la moderazione perché ieri sera continuava a scrivere cose farneticanti, tipo che io sono clonato e che non sono io a rispondere sul blog.

    Uffa ciao. Sono in treno e vado Milano al giornale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra evidente che quello che sta accadendo è veramente sgradevole.
      E accade per qualcosa di incredibile e assurdo.
      Mi dispiace per i tuoi parenti.
      Ciao.

      Elimina
    2. E' bellissimo il testo riflessione che hai proposto!

      Buona giornata!

      Elimina
    3. Grazie, Gioia.
      Ciao.

      Elimina
    4. Caro Riccardo la moderazione funziona così. Arriva una mail che in fondo porta scritto:


      Modera i commenti per questo blog. Io clicco su modera e il sistema mi porta nella bacheca.
      A questo punto io guardo chi scrive e decido, a volte senza leggere. Rileggendo ho notato che il tuo post porta scritto in alto: Privatamente. Forse sono stato frettoloso.
      Questa storia incredibile sta diventando una comica. In ogni caso ti chiedo scusa.

      Elimina
    5. Ok. Io la lascio ancora, la moderazione, per difendere chi si sta autolesionando.
      Ciao, buona domenica nella pace.

      Elimina
    6. Ciao Riccardo. Speriamo sia una domenica di pace.

      Elimina
    7. Una domenica di pace per tutti.

      Elimina
  16. mettici anche l'amico alby cos' fate 3 partner,
    in re si lavora meglio Ahahhhhahhh sono in partenza caro nasconditi bene.
    Incubi??? eccerto li avrai per tutta la vita
    by

    RispondiElimina
  17. La "grazia", dono immenso che riceviamo senza avere alcun merito.
    Buonanotte Gus :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il merito sta nel custodire la Grazia ricevuta.
      'notte Saray.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità