martedì 6 marzo 2012

Perché a volte uno si sente solo

Invertire la tendenza vigente non è una cosa facile. In certi casi si rischia anche di essere fraintesi nella lettura della disponibilità.
Se capissimo che avere le braccia aperte come atteggiamento mentale è un segno di naturalezza, mentre l'inverso è costruito e artificiale, se capissimo che essere rivolti agli altri è un accrescimento personale e collettivo forse le cose in generale potrebbero andar meglio.

22 commenti:

  1. la volontà di capire ,di amare ,di aiutare può cambiare e salvare la vita di un uomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esistono momenti di "grazia" e di ..cuore che ti aiutano ad immedesimarti nella sofferenza di chi hai accanto! A volte, davvero, si riesce a compiere piccoli "miracoli".
      Però serve il "distacco" (verissimo)), non ho usato la mente e sono stata irrimediabilmente travolta! :(
      Ho capito il "messaggio" dell'ultima frase,e apprezzo la.. disponibilità, (altruismo e... comprensione?) del tuo ottimismo! :)
      Ciao!
      P.s Sono egoista: mi sento sola solo quando sto malissimo!

      Elimina
    2. Io mi fido di più di chi si sente egoista. E' un atto di umiltà. Il distacco è la meditazione che poi allarga la ragione che deve mandare messaggi d'amore al cuore.
      Buona giornata.
      Ciao.

      Elimina
  2. Invertire la tendenza vigente non è una cosa facile. In certi casi si rischia anche di essre fraintesi nella lettura della disponibilità.
    Se capissimo che avere le braccia aperte come atteggiamento mentale è un segno di naturalezza, mentre l'inverso è costruito e artificiale, se capissimo che essre rivolti agli altri è un accrescimento personale e collettivo forse le cose in generale potrebbero andar meglio.

    RispondiElimina
  3. Per orgoglio, per presunzione di essere migliori dell'altro, a volte solo per pigrizia, non riusciamo ad aprirci a chi abbiamo di fronte, a tendergli la mano e ad andare incontro ai suoi bisogni,alle sue esigenze. E le rare volte in cui ci sforziamo di metterci da parte un attimo per capire l'altro, lo facciamo con chi non merita. Veniamo delusi, e ci convinciamo che essere egoisti è davvero l'unica soluzione possibile. Ma non è vero. Vale sempre la pena di fare un primo passo verso gli altri.

    RispondiElimina
  4. Nei rapporti di coppia, l'egoismo è causa/effetto, a mio avviso dell'incomunicabilità e delle crisi.
    Effetto di una immaturità e superficialità nell'affrontare un legame. Più in generale l'egoismo nei rapporti umani credo sia a sua volta causa/effetto insieme. E sintomo di sfiducia e chiusura verso il prossimo.

    RispondiElimina
  5. Credo che le crisi nelle coppie e nella vita in generale spesso vengano caricate anche dal giudizio altrui. Tutti si sentono in dovere di giudicare, di dire la loro verità, spesso basata su dettagli insignificanti. Dicono che del giudizio altrui non si dovrebbe dare peso. Però un peso ce l'ha. E a volte si sente.

    RispondiElimina
  6. Condivido tutto quello che hai scritto.
    Sai, una frase che mi ripeto spesso è, che devo avere il cuore con le braccia aperte♥
    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il dialogo.
      II dialogo è l'avvenimento della carità. Dialogo è comunicare la propria vita personale ad altre vite personali; dialogo è condividere l'esistenza degli altri nella propria esistenza; dialogo è dono di sé.

      Elimina
  7. Il però senza l'accento diventa un pero, e noi lo abbracciamo.
    Ciao Ric.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha ha ha ... mi piace questa! :-)

      Elimina
    2. Tieniti pronta per l'abbraccio.

      -:)

      Elimina
  8. Sei in compagnia. Costa sacrificio l'ascolto, la disponibilità e il concedersi, magari molti preferiscono economizzare il loro tempo ed energie. Ma poi, questi, non conosceranno mai il piacere della condivisione e della pace che dona.
    un saluto

    RispondiElimina
  9. A volte mi capita di parlare con chi non ascolta, ma aspetta che io finisca il più presto possibile per esternare qualche pensiero vecchio e scontato. A questo punto ri-comincio con delle domande e noto prima l'imbarazzo e poi il silenzio.
    Con l'amore si può provare lo stupore e l'ammirazione verso una persona che ri-nasce e si sviluppa, negli stati d'animo e nei sentimenti, cioè inizia a germogliarsi.

    -;)

    RispondiElimina
  10. Mi regali un sorriso. Faccio anche io come te. Certe volte gioco con le persone distratte, e sono risa, se non mi interessa ma son dolori quando la mia è necessità d'essere ascoltati.

    Ciao

    RispondiElimina
  11. Fantastico!!!
    Notte a tutti!

    RispondiElimina
  12. Nemmeno DIO sopportò l'ESSERE SOLO. La solitudine perfetta porta a non pensare. Definitivamente MORTO! PERFETTO!
    Imparate da CHI cominciò a separare e a riunire, giudicando COSA BUONA e MOLTO BUONA.
    Chi è zoppo dia un mano e chi è monco al braccio dia una gamba. Chi non ha arti ... DIA un SORRISO.
    E se non c'è un pro-getto ... CiELO ... FAREMO.

    RispondiElimina
  13. La nostra Speranza è che Dio si manifesti.
    Ciao Angelo.

    RispondiElimina
  14. ci vuole la volontà vera e sincera e aiutare chi è in difficoltà aiuta noi a vivere !
    monicamarghetti

    RispondiElimina
  15. Ciao Moni.
    Aiutare chi è in difficoltà dà un senso compiuto alla nostra vita traballante come una mongolfiera.

    RispondiElimina