lunedì 12 marzo 2012

Occorre un fenomeno strano, il distacco



L'immediato non è vero, tant'è che crepa, fa crepare.


Prima di tutto fa diventare vecchi, inceppa la lingua, le dita sulla tastiera.


Fa venire i reumatismi.


L'immediato muore tra le tue mani.


Alla mattina sei entusiasta di tua moglie, alla sera la manderesti a quel paese.



L'immediato lega, incatena, fino a strozzarti.


Occorre un fenomeno strano, il distacco.


Se tu fissassi una stella senza un distacco non capiresti


che è una stella dentro l'infinità stellare.

24 commenti:

  1. Molte volte mi sembra che la vita sia un'eterna corsa per raggiungere qualcosa per cercare di afferrarla, invece di fermarsi un attimo a contemplarla e godersi pienamente il momento.

    RispondiElimina
  2. Il distacco è la distanza che sta tra quel che si para dinanzi il naso (e c'è n'è di tutte le salse..) e l'oltre in cui credi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E l'oltre in cui credi ti fa capire che quel che ti si para davanti spesso non ha importanza. Ciao Gus un abbraccio

      Elimina
    2. E'così, AnnaMaria.
      Ciao.

      Elimina
  3. Il distacco significa guardare l'insieme, il tutto invece del particolare, e per questo serve lontananza.
    Il punto è che non abbiamo telescopi sufficienti, che non ci è dato vedere il contorno di tutte le cose, anche se forse dovremmo semplicemente fidarci del fatto che sono li, anche se non le vediamo. Ed è anche che a volte la passione umana ci impedisce il necessario distacco.

    RispondiElimina
  4. Il giudizio sulla realtà senza preconcetti richiede un «distacco da sé», un lavoro faticoso che, nella tradizione religiosa, si chiama ascesi, e che può essere realizzato solo dalla persuasione dell'«amore a noi stessi come destino, come affezione al nostro destino. È questa commozione ultima, è questa emozione suprema che persuade la virtù intera».
    Diceva Luca 17,33:
    Chi cercherà di salvare la propria vita la perderà, chi invece la perde la salverà.

    RispondiElimina
  5. Sei semplicemente splendido! :)
    Vado un ospedale e torno dopo!
    Bacio

    RispondiElimina
  6. Spero che l'Ospedale sia amorevole con te.
    Bacio.

    RispondiElimina
  7. a volte nn è facile.....
    grazie del tuo passaggio e commento...vedi che nn riesco a mantenere un distacco io???

    RispondiElimina
  8. Fiore, è difficilissimo mantenere il distacco dalla terra.
    L'ascesi è una speranza.

    RispondiElimina
  9. Sai Gus, io non riesco a vivere le cose , la vita, il mondo... con distacco. Se io provo a guardare con distacco mi disamoro!
    Al massimo non zummo sui particolari, così vedo l'insieme ,spazio, ma mai con distacco.
    Mi piace guardare il tutto e appartenere al tutto, essere una cosa sola con il tutto, il Signore mi ha chiamato alla vita per condividere questo tutto e ne sono felicissima.
    Ciao August ☺

    RispondiElimina
  10. Il distacco non è un'assenza. E' semplicemente vivere conoscendo il significato della nostra esperienza terrena.
    Ciao Gioia.

    RispondiElimina
  11. Mi sembra di poter dire che... l'intuito vede con chiarezza laddove c'è confusione. La compassione è un "fluire" di energie che con la comprensione meglio si... dovrebbe "adattare" all' accettazione di una ostile realtà, così come essa oggi è veramente, e non (lo ripeto) come ci appare!
    Non è sempre possibile sostituirsi al "bene", quando il "tutto" è incomprensibile per molti.
    Vero, ci vuole... "il distacco".
    Ci sono conflitti e giustizie infinite che restano ancora da farsi: ci penserà Lui!
    Era quello che volevo scrivere nel mio blog!
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara.
      Enfatizzando il distacco non posso che pensare a Francesco.
      Tutto normale con l'ospedale?

      Elimina
  12. Ho dimenticato :-(
    Bacio! :)

    RispondiElimina
  13. Gus! Non pensavo che avessi capito! Ma...
    Sono...triste e stavolta davvero impotente!
    Per il momento io non posso fare nulla! Vedremo gli sviluppi! Sono...nauseata!
    Domani vado a Milano!
    Scusa Gus, lo chiedo a te: Sarax sarei io? Non ho capito!
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarax è forse il nome che ti ha regalato Angelo.
      A Milano è un ricovero?
      Puoi seguitare a scrivere?
      Buona fortuna.
      Ciao.

      Elimina
    2. Mi pare di aver scritto SARAx a SARAy non a te Sara, anche se ci tieni alla tua carne (sarx).

      Elimina
  14. Ah! Spero proprio di NO! E' solo una visita specialistica!
    Ho scritto i dettagli nel mio blog! Giovedi a Como mi operano l'altro occhio! Non posso mancare!
    Comunque ho sempre portato il p.c in ospedale! :)
    In questi ultimi due anni ho passato più tempo in ospedale che a casa!
    Bacio e grazie!

    RispondiElimina
  15. Sei una donna coraggiosa.
    Ciao.

    RispondiElimina
  16. Mi sono intromessa, scusami. E' la prima volta che vengo nel tuo blog e non posso fare a meno di darti il mio parere.
    Un giudizio sulla realtà. A me capita, semplicemente, di accorgermi di amare ciò che ho davanti, le stelle, i fiori, insomma la creazione...perchè c'è un di più un qualcosa che mi scuote, mi sveglia il cuore e...mi chiama. Anche nel dolore la vita, se di vita vera parliamo, diventa affascinante! Ciao e buonanotte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comprendere la realtà significa capire il significato ultimo delle cose. Effettivamente la natura parla di Dio e per questo noi proviamo stupore per il Bello.
      Ciao.

      Elimina
  17. Il distacco non fa parte di me,sono,forse anche a torto,sempre coinvolto.
    Felice settimana,fulvio

    RispondiElimina
  18. Ciao Fulvio.
    E' un piacere rivederti.

    RispondiElimina