sabato 3 marzo 2012

Ma chi è quest'altro per cui vivere?



Vivere per un altro, se vuoi vivere per te stesso,

diceva il filosofo romano Seneca.

Se vuoi vivere per te stesso, se vuoi scoprire

la consistenza e la dignità di te,

devi percepirti attraverso la presenza di un altro.

Ma chi è quest'altro per cui vivere?

O lo scegli tu, e allora scegli ancora te stesso,

un tuo criterio e non un altro,

oppure ti si impone, e allora sei schiavo.

Quindi, qual è l'alternativa secondo Seneca?

"Puoi vivere per te stesso vivendo per un altro

solo se questo altro ti raccorda col tuo destino".

15 commenti:

  1. C'è il bisogno del raccordo, dell'impronta di se stessi nell'altro, e viceversa. E' il bisogno del riconoscimento di sé attraverso la misura dell'altro. Se non si hanno però occhi, odori e sentori umili e ricettivi si rischia di scivolare dal se stesso verso se stesso: cioè nella solitudine più fredda.

    RispondiElimina
  2. Vivere solo in funzione di se stessi è triste e squallido, mentre vivere anche per qualcun altro dà veramente senso alla vita, ci arricchisce, ma è altrettanto bello sapere che qualcuno vive anche per noi, che per qualcuno siamo importanti.

    RispondiElimina
  3. Solo non concentrandosi su se stessi, ma guardandosi "da fuori" possiamo capire come siamo e come stiamo vivendo. Solo così non vivremo per noi stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi chiedo se gli altri, quelli "da fuori", capiranno poi noi?
      Buon fine sttimana
      Ciao Gus

      Elimina
  4. Non si fa per essere capiti. Sarebbe già un concentrasi su noi stessi.
    Ciao.

    RispondiElimina
  5. Gus ma non "ti capiscono" non c'è condivisione!

    RispondiElimina
  6. Si condivide con il prossimo, anche senza essere capiti.

    RispondiElimina
  7. l'amore più grande che ho provato l'ho avuto quando non ero corrisposta.

    ciao Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' nella natura umana inseguire quello che che non si può avere.
      Una volta ottenuto potrebbe anche perdere di interesse.
      Ciao.

      Elimina
  8. L'altro è l'UOMO NUOVO ... soprattutto in te stesso.
    Il prossimo è anche LUI in sembianze di VECCHIO, POVERO, GIOVANE ... RICCO ... ma sempre in cerca di chi lo può salvare non solo nella carne, ma soprattutto nello SPIRITO.

    RispondiElimina
  9. Il prossimo nasce con l'uomo nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo.E' la nostra Speranza.

      Elimina
  10. E' VERITA' ... l'UNICA VUTA ... in LUI che ci ha tracciato la VIA.

    RispondiElimina
  11. Percorrendo la via si torna a Lui.

    RispondiElimina