giovedì 15 marzo 2012

La dolorosa esperienza della depressione



Secondo le stime più recenti, nella nostra società una persona

su cinque, qualcuno dice addirittura una su quattro,

fa la dolorosa esperienza della depressione.

E i numeri, purtroppo, crescono vertiginosamente.

Si tratta di una condizione legata essenzialmente

alla solitudine. Siamo sempre più soli.

L'abuso delle tecnologie, poi, toglie anima alle

esperienze di vita, rendendo confuso il confronto

con se stessi.

Ogni esperienza depressiva si lega alla speranza sconfitta,

alla ricerca sconfitta dell'Infinito.

54 commenti:

  1. Purtroppo dalla depressione non si guarisce mai del tutto.

    RispondiElimina
  2. Le stime sono recenti e destinate ad aumentare. Almeno secondo quello che scrive Eugenio Borgna nel suo libro "Come in uno specchio oscuramente".

    RispondiElimina
  3. La depressione è il grande male dei nostri anni, perchè mancano oramai valori, punti di riferimento, e l'illusione di una vita più facile che nel passato. Quando inevitabilmente ci scontriamo con dei problemi gravi arriva la crisi. Ci crolla il terreno sotto i piedi.

    RispondiElimina
  4. Ho sempre molto rispetto (e pudore) del dolore altrui, sia che abbia la consistenza di un granello di polvere sia che sia immensa. Ed il pudore nasce anche dalla consapevolezza che spesso intorno a questo genere di sofferenza l'atteggiamento è la neutralizzazione chimica.

    RispondiElimina
  5. Conosco bene la depressione, c'è stata nella mia famiglia, è un male devastante, che pare sia sordo ad ogni stimolo, e a fatica e dopo un tempo infinito chi è colpito riesce ad affiorare dal baratro con l'ausilio di cure mediche.
    Conosco Eugenio Borgna, è della mia città, è relatore di molte conferenze.
    CiaoAugust^^
    Ti abbraccio, buona giornata!

    RispondiElimina
  6. Mia madre era una depressa cronica. Troppo sensibile per superare le difficoltà.
    Tante medicine e scarsi risultati. Alla base della depressione c'è quasi sempre la paura della solitudine.
    Ciao Gioia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto meglio ... TROPPO SENSIBILE. I sensibili cadono in depressione e non i malvagi. Ma non mi va di parlare delle ARMI del malvagio spirituale.
      Anche Gesù ha lambito la depressione, VINCENDOLA ... però.

      Elimina
    2. Dovevo scrivere ipersensibili.
      Ciao Angelo.

      Elimina
    3. Bravo ANGELO! In un tuo commento (non in questo blog) hai detto UNA grande importante verità che pochi uomini comprendono!
      Gus, non ha ancora compreso!
      Notte!

      Elimina
    4. Allora spiegala TU e chissà che apprezzerà di più i tuoi baci. La depressione è DONNA!

      Elimina
    5. Niente baci con me! Se poi non si capiscono certi particolari i "baci" non sono meno di nulla!
      Vero ANGELO la depressione è soprattutto donna: diffile sopportare voi uomini! Poi il lavoro, i figli, la casa, la suocera ecc ecc...

      Elimina
    6. Ma non delle DONNE di un TEMPO che avevano il VERO UOMO che le consolava in SEGRETO.
      Non ho detto FEMMINA (pecora) o, soprattutto, MASCHIA (capra).
      COPRITI che è meglio per te. E leggiti la storia di RUT e della santa suocera.

      Elimina
    7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    8. Si cancella senza nemmeno spiegare.
      ANNOTO.

      Elimina
    9. I depressi sono abbastanza volubili ... veri e propri INDEMONIATI se non sanno riconoscere la VERITA'?
      La DEPRESSIONE degli ipersensibili può essere guarita dagli apostoli ma quella degli arroganti e presuntuisi OCCORRONO PREGHIERE e DIGIUNO in mancanza del CRISTO.

      Bel commento quello in risposta al Mio cancellato.
      ATTENTA a giudicare chi sembra non avere NOME e VOLTO.

      Elimina
  7. Sono vissuto vent'anni in felice solitudine e non ho mai sofferto di depressione perche credo che la cura per il mal di vivere non sia nelle medicine ma dentro di noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fulvio, ognuno di noi ha un modo diverso di reagire a certe situazioni.
      Ciao.

      Elimina
    2. Fulvio è ricco delle cose del mondo e si gode il suo salario ... fino alla FINE.

      Elimina
    3. C'è sempre tempo per capire.

      Elimina
  8. Ci sono diverse depressioni: neurologiche è psichiatriche, ecc.
    Le depressioni primarie e secondarie! Alcune si sono "cronicizzate" nel tempo per terapie non propriamente mirate e quindi mal tollerate. La componente primaria che fa scatenare la depressione è la troppa sensibilità, o la fragilità psicologica,se poi si aggiungono stati emotivi come ansia e crisi di panico, la vita per tante persone diventa difficile!
    Ci sono diverse scuole di pensiero scientifiche; io credo che la vera depressione sia una mancanza di "serotonina", la serotonina è un neurotrasmettitore che regola il "tono" dell'umore. Attualmente non si può dimostrare scientificamente questa diagnosi,ma se la terapia con farmaci che danno "l'imput" alla serotinina funziona, sicuramente non si guarisce, ma si può stare abbastanza bene!
    Un bacio :)
    Ps Tutto bene..? Ora vado a nanna! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara.
      I farmaci curano i sintomi e non le cause della malattia.

      Elimina
  9. Ah! Dimenicavo Gus, esiste anche la depressione degli "IMBECILLI"! Diverse persone soffrono di quella palogogia, ma la maggioranza non ci cura perchè ha la presunzione di stare bene! :(
    Quella è davvero "la brutta bestia": inguaribile e incurabile! Purtroppo :(
    Bacio + grande! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità ti dico che gli imbecilli la depressione la fanno venire agli altri.
      C'è differenza tra bacio grande e grande bacio.

      Elimina
  10. "C'è differenza tra bacio grande e grande bacio" Ossia?
    Eppure ci sono Gus (i depressi-imbecilli)e non è difficile individuali e con tutta la buona volontà, tolleranza infinita è molto difficile aiutarli!
    In molte malattie ci curano i sintomi e non le cause, non credo sia la solitudine la causa scatenante!
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul bacio scherzavo. Non ricordi lo spot del pennello?
      Per pulire una grande parete non ci serve un pennello grande, ma un grande pennello.
      Non so niente dei depressi imbecilli, e non sono un medico per stabile con certezza che la depressione è causata dalla solitudine, oppure dalla paura di rimanere solo. In ogni caso insisto sulla carenza affettiva.
      Ciao+

      Elimina
  11. E per fortuna non sei un medico!
    Sorrido! :(
    baci

    RispondiElimina
  12. Ho grande passione per la medicina. Forse sono meglio di molti medici.
    Ho parlato di mia madre depressa. E' guarita quando ho capito il motivo del suo stato di salute.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per favore Gus, se era depressione vera, quella di tua madre, come tu giustamente hai detto in alto, non sarebbe guarita! Si può stare molto solo meglio!
      Una mia conoscente ha avuto (dicevano)una depressione grave per sei anni perchè non riusciva ad avere un bimbo!
      Appena è rimasta incinta è davvero guarita!
      Oggi il bimbo ha 7 anni e lei è rinata! Non era depressione,ma tristezza infinita, impotenza e senso di fallimento! La depressione è una malattia, non è uno stato d'animo irrisolto!!!
      Mi sta bene dare speranze,ma non illusioni!
      Ci sono persone che poi credono,pregano, sospendono i farmaci e subiscono delle ricadute terribili!

      Elimina
    2. Sara, questa storia l'ho vissuta in prima persone. Quello che ho scritto è la verità.
      Non scendo nei dettagli per il rispetto che nutro verso mia madre.
      Ciao.

      Elimina
  13. Ti stimo molto Gus, ma dimmi c'è qualcosa che non sai fare? :)
    Non fare il modesto!
    Poi.. posso darti un consiglio privatamente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara, sai benissimo che non voglio relazioni private.

      Elimina
    2. Gus,ti prego detto così sembrerebbe che IO ti abbia fatto una proposta! Il mio era solo un consiglio disinteressato!
      Chiudo qui... per carità!

      Elimina
    3. Mavalà, sei quella che si relaziona maggiormente con me. Quindi mi conosci e sai qual è il mio approccio al blog.
      Ciao.

      Elimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggendo i Vangeli ho avuto la certezza che il miracolo più grande, da cui i discepoli erano colpiti tutti i giorni, non era quello delle gambe raddrizzate, della pelle mondata, della vista riacquistata.
      Il miracolo più grande era quello di uno sguardo rivelatore dell'umano cui non ci si poteva sottrarre. Non c'è nulla che convinca l'uomo come uno sguardo che afferri e riconosca ciò che esso è, che scopra l'uomo a se stesso.
      Gesù vedeva dentro l'uomo. Una donna di Samaria che in una conversazione al pozzo sentì raccontarsi la sua vita, e proprio questo riferì agli amici: " Mi ha detto tutto quello che ho fatto!".
      A Matteo, il gabelliere, Gesù passando disse semplicemente: " Vieni".
      La capacità di cogliere il cuore dell'uomo è il miracolo più grande, il più persuasivo.
      Gesù si impone alle coscienze. Egli è a casa sua nell'interiorità degli altri.
      Non si limita a dichiarare una dottrina che sa per scienza o che ha appreso per Rivelazione.
      Egli tratta, si può dire, di una faccenda personale.


      Il vero miracolo è la conversione perché vince la Morte.

      Elimina
    2. Gesù E' un GRANDE OSSERVATORE e gli bastava poco per PRO-VOCARE nel prossimo la CONVERSIONE. Ma non come pensi TU IMMEDIATAMENTE. Matteo condivise il pranzo e i peccati e comprese che erano entrambi perdite di tempo.

      Elimina
  15. è un tunnel lungo e buio... ma credo se ne possa uscire, anche aiutati dai medicinali, se necessario.
    onda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Onda.
      I medicinali impediscono che dalla depressione si passi alla follia, ma per guarire serve altro.

      Elimina
  16. Mia zia sta sotto psicofarmaci da 20 anni.
    Qualche tempo fa passò di lì un prete, le disse di uscire di casa, le diede la benedizione. Lei uscì di casa. Fu una cosa temporanea. Però nessuno psicofarmaco le ha fatto fare una cosa così.
    Come dice Gus, per guarire serve altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Riccardo, serve altro.
      Ciao.

      Elimina
    2. Perchè non è ritornato da lei?
      Perchè non la invitò in Chiesa?
      Perchè non si aiuta a fare uscire TUTTA dal cuore?

      Elimina
    3. Stavolta condivido con ANGELO!! Purtroppo queste persone depresse, soprattutto croniche, danno fastidio a tutti: ai familiari come ai preti: lo dico con certezza!
      La depressione "non si vede" e quindi non si vuole assolutamente comprendere! Eppure credo che sia la peggiore delle malattie!
      Anche mia madre ne soffrì, per moltissimi anni, poi riuscì a stare bene, tutt'ora sta bene!
      Anch'io, dopo tanti approcci terapeutici falliti, avevo pensato al "miracolo"! Il medico che gli trovò ( solo per fortuna) la terapia giusta, mi disse di togliere il farmaco e poi di valutare bene se mia madre era stata "miracolata" :(
      I "miracoli" sono rari, posso dire solo che (forse?) Dio mi ha finalmente aiutato a trovare, per mia madre, il Dottore giusto e la terapia+!
      Riccardo, se tua zia ha avuto un beneficio temporaneo, è stata solo "suggestione": capita spesso!
      I "miracoli" dovrebbero durare nel tempo!
      Cerchiamo di essere anche molto realisti...purtroppo!

      Elimina
    4. SARA, se conosci la depressione allora devi sapere che è il malato che non vuole vedere e sentire ... NESSUNO.
      Solo il VERO AMICO può salvarci ... rendendoci EREMITI tra tanti eremi.
      Come tante Chiese che si fanno visita tra loro.
      la organizziamo una GITA spirituale?
      Il WEB aiuta i depressi. Non ABBA'nDONATELI.

      Elimina
    5. ANGELO chiedi a Riccardo o a Gus, loro sicuramente saranno pù informati di me!
      Io vado solo la domenica in chiesa!
      Ciao!

      Elimina
  17. Ah, poi meglio ancora come insegnamento:
    il dottor Giuseppe Moscati quando andava dai malati, spesso per guarire gli diceva: "Prima è meglio che vada a confessarsi".
    Moscati era un santo. È.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'insegnamento Riccardo! Farò così anch'io...chissà mai sia la volta buona!
      Dunque, prima confessione,(la terapia no?) poi (spesso?) guarigione! Speriamo!

      Elimina
    2. CONDIVIDO.
      La depressione è l'arma che ci puntiamo noi stessi INCONSCIAMENTE. Vera VITTORIA del DeMonio.
      E per gli esorcismi ci vogliono ANNI ... di compagnia con l'indemoniata e il demonio.
      La compagnia! la VERA COMPAGNIA ... dove sei andata VIA?
      La si soffre anche tra tanta gente.

      Elimina
    3. Scusa ANGELO ma questo è il blog di Gus!
      Posso solo dire che poche persone hanno la pazienza-infnita di ascoltare i lamenti altrui. E' normale, e lo so benissimo!
      A volte i malati-depressi, e non solo, fanno esaurire anche i sani!
      Forse io oggi sto pagando caramente le conseguenze di una vita difficile, il mio sistema immunitario si è ribellato, ma oramai è irrimediabilmente compromesso!
      "Non raccontiamocela" é così purtroppo! E non c'è (attualmente) Santo che tenga!
      La depressione è una malattia come altre, finalmente è stata riconosciuta COME VERA PATOLOGIA!
      Stavolta il diavolo non c'entra. O meglio...spero di no!
      CIAO ANGELO!

      Elimina
    4. A me pare che questo POSTo è più tuo che di Gus.
      Tutto è una malattia e visti da vicino siamo tutti malati.
      Opera di Dio?
      Sara, smettila e parla per te.
      Tu non sei una testimone della SALVEZZA e pretendi di far riammalare gli altri della TUA NON PAZIENZA di ATTENDERE che LUI trovi il momento GIUSTO per passare anche da te. PREDISPONITI, chiedi aiuto. Altrimenti è la fine.
      Innanzitutto la CARITA' e verso i DeMoni si usa anche la FORZA e la VIOLENZA VERBALE. Altrimenti non si salvavano Nicodemo e Giuseppe d'Arimatea dal covo di vipere, quali erano i Farisei.

      Elimina
    5. Il post è di chi ci scrive.
      Ciao.

      Elimina
    6. Parli dei commenti?
      Per me il post è di chi lo ha scritto ... o anche copiato. Purtroppo anche i commenti sono di chi può cancellarli ... altrimenti sono anche di chi li legge, come il post, se si riesce a leggere.

      Elimina
    7. Ho detto così perché a volte sono i commenti che danno spessore al post.
      Ciao Angelo.

      Elimina
    8. ... alla discussione.
      Ma la maggior parteDEI commentatori esce dal contenuto per, semplicemente, salutare.

      Io cerco solo qualcuno per FAR parlare LUI.

      Elimina