mercoledì 28 marzo 2012

Il tempo è inafferrabile

 
 
 
Scandirei i termini passato, presente e futuro con incoscienza, coscienza e progetto.
L'uomo che rilegge il suo passato trova sempre in sé una inconsapevolezza di fondo nella rilettura dei passi, e non potrebbe che essere così giacché siamo il frutto delle esperienze accumulate. Il flusso del presente, o la sua accettazione nel caso avvenga in una certa fase dell'età dell'uomo, pone sempre, necessariamente, la “lenza” verso la prospettiva futura, quindi verso la necessità di progettare razionalmente una “miglioria”. La chiamerei estensione ottimista, necessaria alla acquisita consapevolezza tra un passato depositato con incoscienza alle spalle e l'irreversibilità del trascorso.
 
 
 
 


14 commenti:

  1. Scandirei i termini passato, presente e futuro con incoscienza, coscienza e progetto.
    L'uomo che rilegge il suo passato trova sempre in sé una inconsapevolezza di fondo nella rilettura dei passi, e non potrebbe che essre così giacchè siamo il frutto delle esperienze accumulate. Il flusso del presente, o la sua accettazione nel caso avvenga in una certa fase dell'età dell'uomo, pone sempre, necessariamente, la “lenza” verso la prospettiva futura, quindi verso la necessità di progettare razionalmente una “miglioria”. La chiamerei estensione ottimista, necessaria alla acquisita consapevolezza tra un passato depositato con incoscienza alle spalle e l'irreversibilità del trascorso.

    RispondiElimina
  2. Nostalgia del presente di Jorge Luis Borges


    In quel preciso momento l'uomo si disse:
    che cosa non darei per la gioia
    di stare al tuo fianco in Islanda
    sotto il gran giorno immobile
    e condividere l'adesso
    come si condivide la musica
    o il sapore di un frutto.
    In quel preciso momento
    l'uomo stava accanto a lei in Islanda.

    RispondiElimina
  3. Nella realtà concreta qualsiasi cosa non è completa, cioè finita. Per questo Hegel considera la realtà in continuo movimento, cioè infinita. Per esempio le stelle nascono e muoiono. Non esiste nulla che sia finito e perfetto in sé.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In breve:.. credo che la realtà è il momento che attraversa la mente mentre vediamo e pensiamo.
      Aggiungo anche il... "collegamento" interiore (ove è possibile) che crea una "corrispondenza" che si dovrebbe... sentire e ascoltare. In quel momento noi siamo e creiamo, ciò che abita con noi si relazona nell'attimo che poi cambia.
      Il filosofo (Hegel) sarà stato anche "poeta", ma in verità tutti noi siamo il riflesso del nostro stato di consapevolezza che può cambiare in questo, o in ogni momento.
      Ciao Gus :)

      Elimina
    2. Hegel è un idealista alla ricerca dell'Assoluto.
      Ciao Sara.

      Elimina
    3. Abbiamo la "luna" stasera!?
      Sì, ho capito ok!

      Elimina
  4. Il tempo, filosoficamente?
    Nello stesso tempo tutto è passato-presente-futuro.
    Se io guardo una persona che sta a cento metri da me il tempo impiegato per vederla annulla il concetto di presente. E' già un tempo passato proiettato verso il futuro.
    Nel cielo stellato vedi la luce di una stella. E' probabile che l'astro non esista più. Hai l'impressione del presente ma ti trovi nel passato.

    RispondiElimina
  5. Il tempo è relativo ma l'unicità ci fa cogliere l'infinito. Se riuscissimo a capire che siamo parte dell'Uno che compenetra il tutto allora anche il tempo acquisterebbe il sapore dell'eternità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Che cosa è allora il tempo?" si chiede.
      "Se nessuno me lo chiede, lo so; se cerco di spiegarlo a chi me lo chiede, non lo so."
      Sant'Agostino
      Io non ti so dare spiegazione sul tempo. ti posso dire come io lo vivo il tempo.
      Per me il tempo è lo spazio in cui vivo il bene in maniera forte, che non vorrei mai terminasse, fatto di secondi, minuti, ore, giorni, oltre non sono mai andata, in cui vivo particolarmente in Grazia.
      Altri momenti , molto tristi ,lunghissimi, mi paiono un'eternità, in cui vivo nel buio totale, e mi muovo come per inerzia,cammino come in un tunnel che però in lontananza intravedo un lume, e sono sicura che mi devo dirigere in quella direzione.
      Vedi Gus, io vivo in un'alternarsi, di luce e oscurità,ma spero sempre che la luce abbia il sopravvento.
      Ciao,August!

      Elimina
    2. Sant'Agostino l'accenna e tu lo spieghi. Direi molto bene. Non temere la Luce ci sarà sempre perché la desideri.
      Ciao Gioia.

      Elimina
  6. Mi piace (letto velocemente con un solo occhio aperto) il post. Ora riposo. Non posso risponderti a mente "leggera" ,sei esigente! :) però mi stai insegnando (involontariamente?) a riflettere profondamente!
    Ah! Hai apprezzato il... commento di ieri sera? Non hai risposto!
    Ciao

    RispondiElimina
  7. Chi tace acconsente.
    Saluti, bella Sara.

    RispondiElimina
  8. la luce che vedo ogni giorno mi guida :)
    non centra nulla con il post...ma volevo regalarti una preghierina che mi ha donato un bimbo 3 giorni fa...
    Mio Buon Gesù prendimi tu
    tienimi stretto fino a domani o mio buon Gesù.

    è dolcissima vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è dolcissima.
      Ciao Moni.

      Elimina