giovedì 29 marzo 2012

Il rischio della fede ridotta a moralismo



Secondo Ernesto Carlo della Loggia, il cristianesimo 
è una matrice comune importante
che ha segnato l'identità del Paese per molto tempo.
Ma è in crisi. E non da oggi.
Si sta riducendo sempre di più.
Riduce la sua forza identitaria.
Non ha statistiche da mostrare, ma osservando
la realtà non può che trarre questa conclusione.
La Chiesa ha spostato l'attenzione sulla
questione antropologica perché questa è diventata
il centro della politica in tutti i Paesi occidentali.
Le questioni materiali, anima di quelle sociali,
sono diventate secondarie nelle agende politiche.
Ormai le politiche economiche non dipendono
dai singoli Paesi, si decidono in altri ambiti.
Sono venute alla ribalta altre questioni.
L'immigrazione e l'ingegneria genetica.
La Chiesa è stata costretta ad adeguarsi a nuove
problematiche che hanno snaturato la natura
del cristianesimo, e quindi
una fede ridotta a etica, e quindi a moralismo,
alla lunga può generare rigetto
.

65 commenti:

  1. La Chiesa, intimamente portatrice del messaggio beati gli ultimi, si specchia in una società che nega il suo concetto. Il messaggio “passivo” del cristianesimo entra in collisione con il messaggio “attivo”. Come potrebbe non entrare in contraddizione? E, anche al suo interno, la rappresentanza stessa - l'istituzione Chiesa- entra in contraddizone tra il messaggio cristiano e la sua temporalità.
    Ecco che un messaggio “giusto” (a tutela degli ultimi, degli immigrati, i poveri) annaspa e si contraddice negato dalla sua estrinsecazione.
    Ecco che deve fare i conti con una dinamica attiva, reale, presente e dominante - introiettata come vincente-, che isola gli ultimi, rigetta il passivo, e la minoranza.
    Per far ritorno al passivo, inteso nella sua accezione di restituzione di anima bisogna invertire la dinamica del "Beati i primi". E questo lo si fa spogliandosi.
    La Chiesa ha la capacità di spogliarsi e contrapporsi? O è essa stessa complice del mondo in cui si specchia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio non si studia. Il PADRE o lo si conosce o non si sa da DOVE VIENE. E' COLPA della VERITA' se si dice ma non si fa. E' semplice il discorso ma è più facile VIVERLO che cercare di spiegarlo. Nel male e nel dolore la CHIAVE.

      Elimina
  2. La gloria di Cristo è vivere il rapporto con la realtà, persone e cose, secondo il disegno del Mistero e non secondo il tuo progetto sul mondo, da cui deriva il formalismo. Perché il formalismo deriva da un tuo progetto sul mondo, da una tua opinione sul mondo, da una tua analisi sul mondo.
    "Il cristianesimo è una trama di valori morali": questo è formalismo, è il formalismo di cui peccano tanti cristiani di oggi, per colpa di chi ha responsabilità di suggerimenti inopportuni.
    Il cristianesimo è, invece, la vita con una Presenza, non valori morali. I valori morali li hanno anche i buddhisti.
    Tutto il mondo si riduce a pagare lo scotto a un formalismo, e siccome è impossibile non accorgersene, tutto diventa malinconico, e chi se ne accorge più acutamente diventa nichilista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti pensano che la GLORIFICAZIONE del Cristo avviene con la Risurrezione, ma loro per primi dubitano che possa avvenire.
      Pochi lo credono GLORIFICATO sulla CROCE, ma solo a PAROLE.
      UNO conosce la VERITA' della GLORIA nel TRADIMENTO di SEMPRE. Se non passate da questo LUOGO non poteta fare parte di CHI è CAUSA di TUTTO quello che APPENA sentiamo, vediamo e tocchiamo.

      Elimina
    2. E' la ...causa di tutto?

      Elimina
    3. La LUCE venne in un UOMO per sdraiarsi sulla CROCE ... come un patibolo in mezzo a due malfattori. UNO dei DUE lo riconobbe.

      Elimina
  3. La gloria di Cristo è un amore, perché con una presenza vivente non c'è nessun altro tipo di rapporto adeguato che l'amore. L'amore è affermare l'altro secondo la totalità del suo essere. Ora, la totalità dell'essere di Cristo è il fattore che Egli è tutto. Tutto in tutti. Tutto consiste di Lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'AMORE? ... allora anche l'ODIO?

      Cerca meglio perchè c'è un'altra PAROLA VIVENTE che si avvicina di più alla GLORIA ETERNA che unisce tradimento, punizione e RISURREZIONE.

      Elimina
  4. Ciao Gus sono passata a salutarti. Ho letto il titolo del Post,solo quello. Il rischio del moralismo è grande, perchè la legge ci dà sicurezza, ci fa muovere sicuri entro ambiti ben definiti senza timore di incorrere in sanzioni, multe o cose simili.Ci passiamo tutti. In questo sono stata aiutata da un medico che oltre alla mia salute fisica, si è interessato anche a quella mia spirituale.Mi diceva che ero cattomassonica, parola per me incomprensibile. Poi ho capito. Non mi ha guarito dalle malattie fisiche, ma ha contribuito a dare una svolta epocale alla mia fede.
    Molto spesso penso che questi percorsi sulla strada della sofferenza servano a crescere e a far crescere le persone.
    Per quanto riguarda la mia salute, di cui ti sei interessato più volte, sono sempre più convinta che la guarigione non dipende dal luogo dove opera il medico, ma dal medico che si lascia operare dal Signore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo una cara amica che seguiva con me e mia moglie corsi di teologia.
      Trentanni, marito e due figli. Si ammalò di leucemia. Andavo spesso a trovarla in ospedale e lei mi diceva di non preoccuparmi. Spiegai che non mi preoccupavo della malattia in sé ,ma delle ripercussioni sulla sua fede. Cioè, la malattia, che è una prova, aumenterà la sua fede?
      Prima di morire, mentre mi stringeva forte la mano mi disse: "Augusto, questa malattia mi ha dato di più di quello che mi ha tolto".

      Elimina
    2. Mi permetto di dire ... firmando il consenso a essere provato che: "se si percepisce qualcosa di tolto allora la malattia non ha dato la giusta sofferenza. Perchè soffriamo di più se ci muore un figlio che dicono che è nostro e non per il figlio nostro che ci hanno nascosto? So che sto rischiando di camminare su un campo minato ma CHE SENSO AVREBBE NON PERCORRERLO come se non fossi mai nato?

      Elimina
    3. Credo che Gus si riferisse alla fede incondizionata!

      Elimina
    4. Angelo una malattia mortale è una prova. Quella ragazza in quella malattia ha visto aumentare la sua fede. Io ho visto quella fede perché era lei a consolare gli altri.

      Elimina
    5. Capisco!
      Chi ha mal di testa riesce a consolare chi ha mal di piedi? ... o il contrario? E chi ha mal dell'ANIMA può consolare TUTTI ... o il contrario?
      Io comprendo TUTTI ma cerco chi no ho ancora COMPRESO.

      Elimina
  5. L'errore sta nel volersi adeguare. Mentre invece dovrebbe essere il buio che si viene illuminato dalla Luce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente.
      Ciao Riccardo.

      Elimina
    2. La frase di Riccardo la inseriREI in un Vangelo, anche se c'è, ma detta con altre parole.

      Elimina
    3. Frase retorica! Ti rispondo io!
      Non arrabbiarti
      ciao Angelo!

      P.s Gus tutto bene?
      Buona notte! :)

      Elimina
    4. Sai cosa vuol dire RETORICA?
      Io so anche ignorare chi si chiede ancora di CHI è la CAUSA del TUTTO. A me sembra che tu PARLI troppo usando pur parole VUOTE. Io so percepire almeno la PAROLA che mi scuote e non è deto che la dice chi non la ha vissuta. Uomo avisato mezzo salvato. Ma tu sei femmina e per questo COPRITI. Conosco un MANTELLO: lo SPIRITO SANTO.

      Elimina
    5. Tutto, o quasi, può migliorare o addirittura cambiare se si vuole!
      Mi hai capito vero! Insisto ANGELO fallo solo per te!

      Elimina
    6. Come volevo DIMOSTRARE:
      "Tutto, o quasi, può migliorare o addirittura cambiare se si vuole!"
      Tu VUOI ... cosa?

      Io LO ho incontrato ma COME allora NON com..PRENDONO.

      Elimina
  6. L'Amore mi ha "afferrato" abbracciandomi quando il giorno era diventato faticoso. Egli è tutto. La mia vita, il mio pensiero. Il mio sì!Grazie per la riflessione e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Mistero si è manifestato.
      Ciao Lucia.

      Elimina
  7. In effetti temo anch'io che il cristianesimo perderà molti... "fedeli"
    La Chiesa dovrà certamente adeguarsi ai nuovi cambiamenti, e credo lo farà! In verità non mi dispiacerebbe una moderna evoluzione che potrebbe offrire più dialogo e confronto nel cambiamento che la vita attuale quasi ci impone.
    Si dovrebbero approfondire certi aspetti per chi, soprattutto, è alla ricerca della fede ( anche nel rispetto di altre religioni).
    Le esperienze "divine" per incredultà spesso sfuggono alla conoscenza..l'insegnamento funge solo a indicare la via...
    il viaggio..le "visioni" ci saranno, forse, per chi avrà voluto vedere. In sostanza, non cambierà nulla di quello che comunque dovrà poi accadere.
    Il cristianesimo, oggi, è ancora troppo ancorato sulle letture Evangeliche, della Bibbia non proprio in linea (anzi) con le nostre esperienze, volontà e speranze..."gli ultimi saranno i primi, o vicersa", è ancora retorica banale,(il concetto è da sfigati) ma tuttavia rimane, ed è ancora, il sospiro-speranza degli "oppressi cronici" ...è lo spirito di una condizione che ne è totalmente priva. Più crescita e spazio al fluire del pensiero che più si adatta alla descrizione della realtà!
    E la realtà di oggi vale anche per il cattolico.. "medio", che dimostra una fede pù ridotta all'etica e all'apparente moralità!
    Come tutti o... quasi!
    Ciao Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. “Il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?" (Lc 18, 1-8).
      E' la domanda che Cristo fa ai discepoli e anche a noi.
      Ma anche inquietante ed attualissima è la domanda posta da Dostoevskij ne I demoni: "Un uomo colto, un europeo dei nostri giorni, può credere, credere proprio, alla divinità del figlio di Dio, Gesù Cristo?"
      Molto dipenderà dalla Chiesa.
      Ciao Sara.

      Elimina
    2. La Chiesa siamo noi Gus!!!!Non deleghiamo ad altri ciò che dipende da noi, facendo i buonisti.
      La parola di Dio smuove le coscienze (chi ce l'ha), non dobbiamo annacquare il Vangelo per andare incontro a chi comunque non ne vuole sapere, oppure vuole un Dio fatto a sua misura, non è così che facciamo testimonianza!!!

      Elimina
    3. Gioia se avessi avuto un Dio fatto su misura non soffrirei SEMPRE così!
      Che nessuno osi giudicare le coscienze, sia chi convinto di averle e non!

      Elimina
    4. La comunità dei credenti è la Chiesa. Lo so. Ma le decisioni spettano al Papa. Per me la Chiesa sta tollerando cose riprovevoli.
      Ciao Gioia.

      Elimina
    5. Tranquilla Sara. Sei troppo intelligente per confezionarti una religione tascabile.
      Ciao Sara.

      Elimina
    6. No Gus, il mio riferimento non era di "comodo" tutt'altro, ma di piccole evoluzioni, cambiamenti importanti già notati a chi era ++..un esempio? Don Zega! Gli altri "cambiamenti" dalla notte dei tempi ad ora non si vogliono mai "esprimere" ecco il collegamento del precedente mio commento finale (etica)
      Sono felice che tu l'abbia riconosciuto.
      Non ho la verità in tasca :) !
      In tasca, in verità ho solo due salva-vita: l'eparina e una ...pistola! :) Viviamo in un mondo di lupi sai!
      Ho seguito tanti anni fa una prostituta che aveva una spiritualità e fede che mi colpii molto,e non solo a me Un donna eterea e davvero ingenua con un grande amore. Credo che la sua "radiosità" abbia annientato le cattiverie, violenze,e soprattutto sfortune che una donna così "bella non meritava di avere!
      P.s spero sia inutile dire che NON ero io vero Gus? Anche tu sei troppo intelligente!

      Elimina
    7. Sì, Sara, ci sono tante persone che hanno la fede a loro insaputa.

      Elimina
    8. La VERA FEDE è VITA OPERANTE, soprattutto senza pensare al SALARIO post-morte o a un Padre Padrone. Ognuno si prensa le proprie responsabilità di vedere o far finta di vedere. Io non temo un Dio che è più potente di me e addirittura MALVAGIO. Io faccio i capricci a costo di venir ammazzato. Non posso rimanere insensibile ad un ATTIMO che è ETERNO e vale più di chissà tante vite alla finestra (anche se l'OPERA è anche in NOI e alla finestra ci rimane sempre chi non è anche CARNE).

      Elimina
    9. Prova solo a pensare che forse non è proprio come dici!
      Notte ANGELO..la rabbia aumenta il dolore! Purtroppo :(

      Elimina
    10. Le provo tutte fino a trovare quella ETERNA.
      Mi piace ... però "... la rabbia aumenta il dolore! Purtroppo".
      Finalmente una PAROLA PIENA.

      Elimina
  8. Perchè se non avremo "fede" ci manderà all'inferno?...
    Sarà Lui a giudicare i VIVI E I MORTI o i morti "viventi" e viceversa...:(

    Sarà Lui a chiarire cosè LA FEDE per ogni vissuto, e nel contesto di altre e varie realtà!

    No! un uomo colto difficilmente crede , ma ha fede: la sua!... e forse lo salverà! :)

    Tempo fa ho partecipato ad un ritiro spirituale di un' intera giornata. Il Padre quel giorno chiese alle "Vincenziane" cos'era per loro la paura! Diverse persone hanno parlato della morte, peccati, addirittura dell'inferno!! Mi sono chiesta se veramente ..eravano protese nell' aiutare il prossimo o per avere inconsciamente un "fine" pe noi stesse!
    Le mie paure sono più "razionali:" forse perchè vigliaccamente mi spaventa più la vita della morte!

    La Chiesa e circondata di uomini purtroppo, e gli uomini non sono, e mai saranno angeli!

    La fede sconfigge tante paure!...non si pone troppo domande.
    Quel giorno del ritiro spirituale, chiesi al Padre "Passionista" dove trovava, ogni volta, il coraggio, nel raccontare "la passione di Gesù" :è un atto che non chiede continue conferme:... merita rispetto!

    Anche l'amore grande che Lui ha dimostrato per noi, non nasce nel racconto "esasperante" di sempre...non nasce in funzione di un bisogno: deve essere incondizionato.
    Notte Gus!

    RispondiElimina
  9. La Parola di Dio è sempre quella, non cambia nonostante i tempi. Possono cambiare alcune modalità di espressione della Fede, ma la sostanza non cambia. Adeguamenti al mondo odierno, come molti vorrebbero, non ce ne sono. La Parola di Dio rimane immutata ed è per questo che è una salda roccia.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. @ Sara, certo che sarà Lui a giudicare i vivi e i morti, questa è la nostra Fede!
    Il Giudizio aspetta solo a Lui, non mi piacciono i tuoi giochi di parole, soprattutto se riguarda la Parola, Nessuno ti Ha chiesto di rispondere a me, qui siamo ospiti, rispondi a Gus se vuoi .
    Scusami Gus, ma sono stanca dei giochetti di Sara e suoi compagni, per me la Fede è una cosa importante.
    Ciao August

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Gioia, bene! Ora il commento viene a me! Forse non hai capito!
      lo ripeto ancora: non ti permetto di giudicare me!
      Se chiami "giochi" le mie parole non hai proprio capito!
      I miei compagni?? Non ho campagni.. abbi fede, avresti dovuto capirlo da un pò!

      Elimina
    2. Questa è una comune. Non c'è il padrone di casa e quindi non ci sono ospiti.

      Elimina
    3. Tutti noi siamo soggetti a critiche. Vanno ascoltate.

      Elimina
    4. evviva!!! anche lette e cancellate... il messaggio arriva lo stesso ;)

      Elimina
    5. Posso cancellare?

      Elimina
    6. certo che sì

      Elimina
    7. Per cancellare devo entrare nella bacheca, impostazioni, commenti, togliere "a piè di pagina" e sostituire con "popup".
      Troppa fatica. Anonimo, resti lì dove sei.

      Elimina
    8. La FATICA vale l'impresa. Vediamo se lasci questo mio commento PRO-VOCATORIO.

      Qual'è il compito della CHIESA?
      Provare o testimoniare?

      Vabbè non continuo perchè mi vergogno di provocare a tal punto.

      In VERITA' il VERO CAPO OPERAIO nella Vigna del Signore è SATANA (leggete Giobbe).

      Elimina
    9. La Chiesa è il corpo mistico di Cristo.
      Chi si imbatte in Cristo, sia un giorno dopo la sua scomparsa dall'orizzonte terreno, sia un mese dopo o cento, mille, duemila anni dopo, come può essere messo in grado di rendersi conto se Egli risponde alla verità che pretende?
      Questo problema è il cuore di ciò che si chiama storicamente Chiesa.
      Ciao Angelo.

      Elimina
    10. ADESSO più di allora.
      Grazie.

      Elimina
  11. Certo, Paola, è il cristiano di ogni tempo che deve adeguarsi alla Parola. Ma questa società vive nell'amoralità e i cristiani saranno perseguitati perché contrasteranno la libertà senza confini, quella invocata da Nietzsche.
    Ciao.

    RispondiElimina
  12. Come va? Ancora tutto a posto e nulla in ordine? :(
    Notte Gus :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi preoccupa la ragazza. Il DNA è risultato positivo e le ghiandole mandibolari presentano reattività.
      'notte Sara.

      Elimina
    2. DNA positivo è un probabile Lupus e syogren secondario.
      Mi dispiace molto, ci sono persone che comunque convivono abbastanza bene.
      Ciao

      Elimina
    3. Il problema è che ha solo 34 anni, marito e figlio di 14 anni.
      In Ucraina i giovani si sposano presto. Da me lavora 3 ore al giorno e 9 in altre famiglie. Io sono l'unico che ha provveduto a regolarizzarla con il contratto di lavoro.
      Ciao Sara

      Elimina
  13. Non so in cosa possa consistere il "problema:" quello più importante intendo!
    Ovviamente prima la salute: mi auguro che venga seguita da un'ottimo reumatologo-immunologo,propositivo,intuitivo,e possibilmente aggiornato!
    La terapia potrebbe essere immunosoppressori e cortisone,...ma chissà mai! :)
    Se il problema consiste nel contratto di lavoro, il tuo è più che sufficiente per richiedere la domanda-sussidio per l'invalidità civile (non credo ci voglia la cittadinanza) Ti consiglio di procedere subito (tra vista e verbale-commissione ci vorranno 6 o 7 mesi) Non è solo per una questione economica , anche per "tutelare" (per quanto possibile) la ragazza in futuro.
    Se otterrà il 75%e oltre, di invalidità (ma non credo la concederanno dalla prima visita) otterrebbe circa 280 euro mensili, ma non dovrà superare all'anno un reddito (suo dimostrato) di 6.500 euri circa ,altrimenti perderà il "sussido" E' tragico ,ma è così..quindi, va benissimo così!
    Se ti ho capito un pochino Gus (come sei) ti consiglio di non... insistere oltre.. ok? :)

    Se si richiede l'altra invalidità associata ai contributi versati,tutti, deve avere lavorato, in regola, almeno 3 anni continuativi negli ultimi 5! Spero (ma non credo) che abbia diversi anni di lavoro in regola.
    Avevo intuito che fosse straniera la ragazza ,ma non Ucraina in verità; queste malattie rare colpiscono maggiormente le popolazioni asiatiche! Non si sà il perchè ovviamente! :)
    Per qualsiasi cosa io ci sono!
    Ciao Gus.

    RispondiElimina
  14. Sara, è un problema affettivo. E' una ragazza veramente speciale. Aiutava mia moglie in tante cose. E' restata volentieri e si fa in quattro per accontentarmi. Lei ha famiglia e questo fatto sconvolge la sua vita. Per ora sta bene e il reumatologo ha consigliato altri accertamenti da fare nel mese di giugno. Per ora non servono farmaci. Praticamente una viene dall'Ucraina per lavorare e si ritrova con un futuro incerto è difficile. Non ho fatto pressioni, ma se mi cerca consigli non posso rifiutarmi. Circa tre mesi fa mi parlava di una sensazione di formicolio alla punta della lingua, come se fosse addormentata. Poi il fastidio è passato, ma di sua iniziativa è andata dal suo medico di base che ha sospettato subito qualcosa di serio.
    Ciao Sara.

    RispondiElimina
  15. Scusami Gus, scusami davvero, ma non ci sono arrivata.
    Forse perchè per me non è mai stato così.
    Il mio grande terrore è soprattutto non dipendere da nessuno!

    RispondiElimina
  16. Sai che è davvero strano? Nessuno di me ha solo pensato che io sono.. un "problema" affettivo..
    E' comunque davvero fortemente meraviglioso non averci mai pensato!:)e lo dico sul serio!
    Va bene così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me la sofferenza di quella ragazza è una questione di affetto. La conosco bene e da tanti anni e in lei ho visto una persona che dà gratuitamente senza aspettarsi ricompensa. Io provo sempre stupore quando vedo un essere umano che ha un candore interiore coinvolgente.
      Ciao Sara.

      Elimina
    2. Poi a me è venuto da piangere, però non posso tanto: "sicca" 2 anche se non fa male! :)

      Elimina
  17. Ognuno di noi ha un approccio diverso alla malattia. Io ho cercato di spiegarti qual è il dolore per la ragazza ucraina.
    Io, per esempio, mi preoccupo di un raffreddore, ma sono rimasto indifferente quando un medico mi ha detto che avevo un cancro.
    C'era, non c'era, il fatto è che non c'è più senza aver fatto cure.

    RispondiElimina
  18. Indifferenza anche quando hai scoperto di non averlo più?
    Indifferenza anche quando che non c'era più senza aver fatto cure?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ero contento. Su questa terra avevo un lavoro da compiere. Aiutare mia moglie nella sua devastante malattia.
      Ho detto lavoro e non missione per pudore.

      Elimina
  19. Eh? Ehhh?
    Notte Gus

    p.s è stato uno sbaglio medico,uno dei tanti: non era un cancro!
    Il cancro lo senti dentro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, uno sbaglio.
      'notte Sara.

      Elimina
  20. Lascio in sospeso..... l' eh?
    Fa nulla..spero

    RispondiElimina