giovedì 1 marzo 2012

Il peccato è uscire dalla strada del destino



 Rimanere saldi alla scelta, tutto cio' che desideriamo lo possiamo ottenere ma non tutto fa bene...comunque e' sempre sete e fame di Dio. Tutto e' Sua immaggine e somiglianza. Il povero frate non era ancora fortificato..il cammino per arrivare alla Fede è lungo e tortuoso.
Oggi piu' che mai dovremmo scegliere radicalmente la Fede.

24 commenti:

  1. Parlano i fatti, sì. La profonda conoscenza di sé ci conduce alla libertà. La certezza di scegliere bene, con chi stare e cosa fare, solo quando siamo in grado di saper vivere soli con noi stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè con DIO e le sue creature.

      Elimina
  2. Il Signore ha affidato a due libri le sue eterne verità per la salvezza dell'uomo: la scrittura sacra, la Bibbia, che pochi conoscono e comprendono, e poi ai suoi fedeli, chiamati a proclamare quelle verità con la forza irresistibile della testimonianza. Avete mai pensato che qualcuno sta leggendo la Bibbia e cercando la verità guardando la nostra vita? È autentico il messaggio che stiamo inviando?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sapremo se ci lasciamo giudicare, come DIO Padre si è fatto giudicare dagli uomini per mezzo del FIGLIO.

      Elimina
    2. Certo, mi lascio giudicare da Dio e accetto i consigli fatti con amore dall'uomo.

      Elimina
    3. E no! Lasciati giudicare anche da chi ti odia, forse nella loro falsità troverai più verità.
      Ma ormai nessuno ti giudica o ti rimprovera per amore, ma per semplice spirito di sopravvivenza, a discapito tuo ... naturalemente.
      Solo CHI ha conosciuto il PADRE sa che il discapito e dello spirito della menzogna.
      Basterebbe fare un po' di luce per capire la vera debolezza e la mancanza di fiducia nel nostro prossimo.

      Elimina
  3. A partire dalla famiglia, coniuge e figli, nel lavoro, nella parrocchia, mi sembra evidente che gli altri ci valutano non per quello che diciamo, ma per come ci comportiamo.
    Ognuno di noi dà testimonianza di quello che è.
    Ognuno di noi dovrebbe esse un missionario senza andare nel Burundi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello che nel Burundi ci offrono un bicchiere d'acqua che vale tutto il nostro ORO e non QUI, dove non sappiamo dare il nostro oro che non vale niente dalle loro parti, ma che può sfamarli. Ma sarebbe bello farlo da noi stessi come fanno loro.
      E' iniziata la VERA MISSIONE in NOI STESSI, in CASA NOSTRA, VERA MISSIONE del FIGLIO, non riconosciuto in casa propria.

      Elimina
  4. Il "destino" ,teologicamente, altro non è che il ritorno al Padre.

    RispondiElimina
  5. Sì! Ognuno dà testimonianza di quello che è, attraverso il comportamento.
    Ciao Augus.

    RispondiElimina
  6. Ciao Gioia.
    La testimonianza deve ispirarsi al giusto e al vero, e non è sempre facile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta essere veri anche nel riconoscere le nostre debolezze e chiede aiuto, compagnia e parlare della VERITA' incarnata per non pregare. Cioè volevo dire per non cadere in tentazione. Con LUI non si cade in tentazione ma solo nell'AMORE, anCOR di più ... nella CARITA'.

      Elimina
    2. Il Male ha osato tentare il Figlio dell'Uomo. Con noi lo fa in ogni attimo della nostra vita. E nella tentazione diventa difficile invocare il Padre affinché ci sia vicino in quei momenti terribili.

      Elimina
    3. DUBITO! Forse ci dimentichiamo di invocarlo e guai a chi si ricorda ma non lo fa.
      Per questo NOI OSIAMO dire:
      Padre Nostro che sei nei Cieli
      ...(matteo 5,19)...
      non ci indurre in tentazione ma liberaci dal MALE.

      Elimina
  7. Io non credo in un destino da atTENDERE ma in uno da VIVERE (tentazioni di Satane nel deserto).

    Io trasformo il mio pane dalla carta (prima lo trasformavo dal ferro).
    Quando cado confido in chi mi aiuta ad alzarmi. Il mio POSSEDIMENTO è lo SPIRITO SANTO che mi continua a DARE la VITA. Io continuo e non mi fermo fino a quando non, o, ce la farò. Non sono SOLO.

    RispondiElimina
  8. Il Destino è un cammino di fede, non è un'attesa statica.

    RispondiElimina
  9. Conosco persone S-travolte dal destino, dove la fede non si "sente", e la condivisione non è sufficiente se non supportata dalla sofferenza dell'immedesimarsi all'altro. :(
    Nella totale dedizione si potrebbe (forse) solo comprendere il perchè, e come affrontare il destino, spesso incomprensibile...
    Una presa di coscienza che si dirige nel cammino della fede, ma ancora di più nell'amore incondizionato!
    Bacio

    RispondiElimina
  10. Uno è missionario, l'altro è sposato. Sono momenti importanti per un uomo. E' necessario permanere nella scelta e non assecondare piaceri effimeri.

    La parola destino sta ad indicare il significato della vita. Infatti la parola greca indica il significato ultimo, il destino come significato.
    L'uomo «sta bene come non mai» quando gli diventa familiare la coscienza del suo destino. Vale a dire: quando gli è diventato familiare lo scopo positivo di tutto quello che fa e ha la prospettiva della permanenza di quello che lui è.
    Ciao Sara

    RispondiElimina
  11. Eppure anche sbagliando si impara a capire dove, come, e quando si può sperare e dove no! :( Pensando, con occhi attenti, al proprio destino e a quello delle persone care!...
    Sarebbe troppo bello come tu scrivi, nessuno vive di certezze..nessuno! :(
    Bacio :)

    RispondiElimina
  12. Certi errori sono catastrofici. C'è la speranza di vivere in un certo modo. La certezza dipende dal nostro credere in quello che abbiamo scelto.
    Ciao.

    RispondiElimina
  13. Saray, sei entrata nel cuore del problema. Si rovina la propria vita e quella degli altri. Senza la preghiera e il rispetto dei Sacramenti la fede diventa debole fino a scomparire del tutto.
    Le esigenze di un uomo pretendono di essere esaudite. Siccome l'uomo non ha la forza e l'intelligenza per realizzarle, di raggiungere cioè il traguardo che esse fanno prevedere, l'uomo dà forma a questa pretesa secondo la consistenza fragile e ultimamente illusoria che si chiama sogno, cosa molto diversa dall’ideale che rappresenta l’oggetto di perfezione per cui il cuore dell’uomo è fatto.

    Ciao.

    RispondiElimina
  14. il peccato non coinvolge solo me, ma si riflette su altre persone, chi è accanto a me, nella mia comunità, nella società e così via.
    Il peccato non è un fatto privato, anche se io sono colpevole di averlo commesso.
    Ciao August!

    RispondiElimina
  15. Il peccato è una vittoria del Male e una sconfitta per l'intera umanità.
    Ciao.

    RispondiElimina