sabato 10 marzo 2012

Cosa significa amare il prossimo



Trova il tempo..

Trova il tempo di pensare
Trova il tempo di pregare
Trova il tempo di ridere
È la fonte del potere
È il più grande potere sulla Terra
È la musica dell'anima.

Trova il tempo per giocare
Trova il tempo per amare ed essere amato
Trova il tempo di dare
È il segreto dell'eterna giovinezza
È il privilegio dato da Dio
La giornata è troppo corta per essere egoisti.

Trova il tempo di leggere
Trova il tempo di essere amico
Trova il tempo di lavorare
E' la fonte della saggezza
E' la strada della felicità
E' il prezzo del successo.

Trova il tempo di fare la carità
E' la chiave del Paradiso.

(Iscrizione trovata sul muro
della Casa dei Bambini di Calcutta.)

50 commenti:

  1. Vivere... tutti pensano di farlo, solo alcuni ci riescono.
    Madre teresa è una di questi... ma forse sono andato troppo ai piani superiori... ci sono person, che nel loro piccolo, cercano di vivere... consapevolmente...

    RispondiElimina
  2. Trova il tempo..

    Trova il tempo di pensare
    Trova il tempo di pregare
    Trova il tempo di ridere
    È la fonte del potere
    È il più grande potere sulla Terra
    È la musica dell'anima.

    Trova il tempo per giocare
    Trova il tempo per amare ed essere amato
    Trova il tempo di dare
    È il segreto dell'eterna giovinezza
    È il privilegio dato da Dio
    La giornata è troppo corta per essere egoisti.

    Trova il tempo di leggere
    Trova il tempo di essere amico
    Trova il tempo di lavorare
    E' la fonte della saggezza
    E' la strada della felicità
    E' il prezzo del successo.

    Trova il tempo di fare la carità
    E' la chiave del Paradiso.

    (Iscrizione trovata sul muro
    della Casa dei Bambini di Calcutta.)

    RispondiElimina
  3. La peggiore malattia oggi
    e’ il non sentirsi desiderati
    ne’ amati, il sentirsi abbandonati.
    Vi sono molte persone al mondo
    che muoiono di fame,
    ma un numero ancora maggiore
    muore per mancanza d’amore.
    Ognuno ha bisogno di amore.
    Ognuno deve sapere
    di essere desiderato, di essere amato,
    e di essere importante per Dio.
    Vi e’ fame d’amore,
    e vi e’ fame di Dio.

    RispondiElimina
  4. Ciao Gus, grazie, ho letto il tuo messagggio nel mio blog, anche se francamente non l'ho compreso tanto bene!
    Ci sarebbe un lungo discorso da fare, soprattutto e solo per come vedo, se mi permetti, la tua vita futura.
    Quando vuoi, e se vuoi affronteremo il discorso!

    Dunque...Le peggiori malattie oggi sono il cancro, la sclerosi,ecc e tutte le malattie inguaribili e ingurabili!
    La fame,... la fame nel mondo è un problema che dovrebbe essere risolto al più presto: ogni giorno muoiono tantissime persone nell'indifferenza quasi totale di tutti!
    Dici "e vi è fame di Dio".. ecco una fede così davvero grande, come la senti tu, la vedo sinceramente completarsi nel diventare un prete o un frate, che (forse) più del "laico" ti potrebbe portare lontano da "tentazioni" che (quasi) tutti i sacrosanti cristiani hanno!
    Un bacio!
    Ps qui ci vorrebbe un commento di ANGELO! E' un frate pure lui.. vero?

    RispondiElimina
  5. Grazie per il tuo ritorno.
    Le tentazioni sono normali. Sostare nelle tentazioni è pericoloso.
    I preti? No, di certo. Loro hanno sposato Cristo e lo tradiscono ogni giorno.
    Tutto quello che dico ha sempre un valore didascalico.
    Se la scelta è giusta bisogna permanere nella scelta.
    Bacio.

    RispondiElimina
  6. Angelo?
    Non fa per me.
    E' un talebano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti permetti?
      AVREI PREFERITO più se mi davi dell'INDEMONIATO.
      Tu sai che i talebani sono teologi?

      Dio si studia, ma il SIGNORE non si studia, nemmeno la SUA PAROLA. SI AMA il Signore GESU' il CRISTO, NUOVO tuo Dio, con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il più grande e il primo dei comandamenti. E il secondo è SIMILE al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti".

      TU, in VECE, a chi tendi? ... CHI SARAI DOMANI? ... ti volterai indietro per aiutare TE STESSO, quando non lo COMPRENDEVI.

      Io ti comprendo, perchè siete TANTI e pure uguali, ma chi non si comprende ... o si STUDIA o SI AMA.

      Saluti a casa.

      Elimina
    2. Talebano nel senso che applichi alla lettera le Scritture.
      Io non sono un teologo, ma non posso ignorare Agostino, Tommaso, Paolo e Giussani.
      Ciao.

      Elimina
    3. Io?
      Ma se sostengo che Gesù è VERO LUCIFERO!
      Io ho BEN ALTRO che mi svela TUTTO.
      Io non ti ignoro e nemmeno gli ERETICI, visto che Gesù stesso lo FU in quel TEMPO.

      Le scritture sono lacunose perchè mancano di parte dei FATTI per portarvi a cercare dentro il CUORE per capire anche delle cose malvagie che produce.

      IO GIUDICO le PAROLE di Gesù, come ABRAMO giudicava le superstizioni del suo tempo.

      Come vedi ... non hai capito il MIO ESSERE RIBELLE ... non in amore ma ... per AMORE verso chi non merita tutto questo.
      Tu hai conosciuto il V'Angelo? ... (Ap 7,1-3).

      Ora ti lascio perchè non attingo nulla da te, visto che sei un riporto di altri che hanno rischiato sulla LORO pelle.

      Ti lascio le parole di Gesù che, pur conoscendo il senso dei cambiavalute e dei mercanti nel tempio di PIETRA, non tollerava che si usasse fare allo stesso modo con il CORPO di DIO:

      Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. MA LUI, Gesù, NON SI FIDAVA DI LORO, PERCHE' CONOSCEVA TUTTI E NON AVEVA BISOGNO CHE ALCUNO DESSE TESTIMONIANZA SULL'UOMO. EGLI IN FATTI CONOSCEVA QUELLO CHE C'E' NELL'UOMO.

      Elimina
    4. Il Vangelo di oggi anticipa la Risurrezione di Cristo:

      "Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere».

      Un tempio si distrugge e si può ricostruire.
      Ma Gesù usa il lemma "risorgere" perché Lui è il vero Tempio che non si ricostruisce, ma rinasce.
      Tra ricostruire e risorgere c'è un abisso.
      Non dirmi che studio Dio. Cerco solo di comprendere la Verità nelle sue parole.

      Elimina
    5. Tutti noi dobbiamo-vogliamo essere..."amati" anche se non meritiamo!

      Elimina
    6. Desiderare di essere amati è un'esigenza primaria del nostro io. Per essere amati, però, bisogna amare e amare significa muoversi verso l'altro, capire le sue esigenze e accontentarlo, se possibile.

      Elimina
    7. ACCONTENTARLO?
      Impara a chiedere!
      Vedo che mi sfuggi ... riportando le cose del catechismo degli uomini.

      Elimina
    8. Forse tu CHIEDI troppo ANGELO: prova a pensarci ogni tanto! Te lo sei mai chiesto..mi chiedo, e non mi interessa la tua risposta!
      Gus ha risposto A ME!
      BUONA NOTTE!
      Scusa Gus.

      Elimina
    9. Se dovessimo imparare SOLO dalla nostra vita ... allora stiamo freschi ... al cimitero.
      Sara, non intrometterti TU se no comprendi, e prima di rispondere analizza se sei stata tu ad intrometterti nelle mei risposte.

      Vedi, questo è il punto! SEMPRE IL SOLITO DISCORSO.
      Ma telefonatevi o chiudete il vostro diario a chi potrebbe leggerlo comunque.

      Elimina
    10. Angelo, nel Padre nostro c'è la richiesta dell'uomo. Dobbiamo chiedere tutto quello che ci ha insegnato Gesù.

      Elimina
  7. C'è un passo nei Vangeli:

    Dal Vangelo di Matteo (19,12):“Ci sono eunuchi che così sono nati dal ventre della madre; ci sono eunuchi resi tali per mano umana; e ci sono eunuchi che si sono fatti eunuchi per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca.”

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Scrittura, che fin dalla Genesi è concorde nell’affermare il valore della sessualità e la bellezza – come abbiamo detto – dell’essere maschio e femmina, è anche concorde nell’affermare la bellezza, la singolarità, la “plus-valenza” della verginità per il Regno dei cieli. La novità della verginità cristiana è “per il Regno dei cieli”. Chi vive la via del celibato desidera anzitutto seguire il Signore. La rinuncia “alla moglie” o “al marito” ha la sua motivazione nel seguire il Signore “con cuore indiviso”. Non è quindi solo una necessità data dal servizio apostolico da rendere alla Chiesa (il celibe ha più tempo da dedicare agli altri, ha meno preoccupazioni, ecc.) Il celibe è anzitutto uno che si consacra a Cristo e che intende servirlo con cuore indiviso. La verginità cristiana è una scelta d’amore, all’amore per Dio, come abbiamo detto, e all’amore per i fratelli, gratuito e disinteressato. È per questo che la Chiesa latina, a differenza di quella orientale, ha scelto e mantenuto nei secoli la scelta celibataria.
      Questo è il carisma della verginità.

      Elimina
    2. San Paolo: Prima lettera ai Corinzi, cap.7:

      [29]Questo vi dico, fratelli: il tempo ormai si è fatto breve; d'ora innanzi, quelli che hanno moglie, vivano come se non l'avessero; [30]coloro che piangono, come se non piangessero e quelli che godono come se non godessero; quelli che comprano, come se non possedessero; [31]quelli che usano del mondo, come se non ne usassero appieno: perché passa la scena di questo mondo! [32]Io vorrei vedervi senza preoccupazioni: chi non è sposato si preoccupa delle cose del Signore, come possa piacere al Signore; [33]chi è sposato invece si preoccupa delle cose del mondo, come possa piacere alla moglie, [34]e si trova diviso! Così la donna non sposata, come la vergine, si preoccupa delle cose del Signore, per essere santa nel corpo e nello spirito; la donna sposata invece si preoccupa delle cose del mondo, come possa piacere al marito. [35]Questo poi lo dico per il vostro bene, non per gettarvi un laccio, ma per indirizzarvi a ciò che è degno e vi tiene uniti al Signore senza distrazioni.

      Elimina
    3. Comprendo il tuo valore.. "didascalico",soprattutto i.. concetti "filosofici" di sosta e passaggio!
      Quando l' immagine del..mondo (ti) riflette interiormente è difficile evocare "regole" della ..ragione-fede che (a volte-raramente) appare incomprensibile! :(
      P.s "innocenza interiore"?? Ossia? Possono essere diverse ..le interpretazioni! :(
      Bacio

      Elimina
    4. La mia interpretazione è naturalmente didascalica.
      Bacio.

      Elimina
    5. Ops..volevo dire "sosta,fermata e passaggio"! :(

      Elimina
    6. Volevi dirlo?
      Bene.
      Ora lo hai detto.
      Ciao.

      Elimina
  8. Solo per questo passo dei Vangeli la Chiesa di Roma scarta la tentazione di permettere ai preti di sposarsi.

    RispondiElimina
  9. Il mio ritorno? Non sono ancora andata in vacanza purtroppo. :(
    Chissà, magari quest'anno, se starò bene verrò dalle tue parti, e poi mi presenterai anche a me la Duse. ;) Gabriele lascialo dovè: era terribie, orrendo! Se ora lui è in paradiso ci andremo tutti, o quasi!
    Di gelosi "folli" ne conosco in abbondanza!
    Gus, sei una bella persona (lo spero per te) se ti concederai, qualche "avventura" nel tempo, che però valga davvero la.. pena, non credo che andrai all'inferno! Non ci sarebbe più posto!
    La confessione serve anche per assolvere i ..peccati!
    ...Spero che tu abbia compreso la mia ...ironia...l'altra!
    Spero di non aver scandalizzato troppo!
    Spero che tu abbia compreso la mia ...ironia...l'altra!
    Poi,dovrebbe arrivare il mio messaggio, altrimenti chiederemo ai responsabili delle piattaforme di "ripristinare": sono dei professionisti seri e validi, a loro non sfugge mai nulla!
    P.s sono (quasi) certa che il..blog è controllato a vista! :-)
    E non chiedermi il perchè!!
    Occhio... però!
    Bacio!

    RispondiElimina
  10. Google controlla solo per reclamizzare i prodotti che noi cerchiamo.
    Il cuore di Google è dove sta il suo tesoro. I soldi e basta.
    La confessione è un atto di umiltà. Il perdono funziona come per l'adultera: "Vai e non peccare più".
    Gabriele è un gioco, ma tu non stabilire chi merita il Paradiso. E' un peccato grave. Ti sostituisci a Dio.

    RispondiElimina
  11. Non sono curioso e non chiedo. Avresti dovuto capirlo.

    RispondiElimina
  12. Pure tu! :)..l'ironia...l'altra!
    Gus hai un terribile difetto:PENSI TROPPO!
    Pure io...:( mi associo per solidarietà!
    P.s era chiaro che si "pecca" una volta...il GRANDE peccato basta e avanza!
    Anche gli eunuchi ora!! Gus! ti prego, lasciami vivere nella mia beata incoscienza :) e innocenza! :(

    RispondiElimina
  13. Questo è vero. C'è in te una chiara innocenza interiore.
    'notte.

    RispondiElimina
  14. Lei viveva l'amore..totalmente. Eppure spesso si pensa che lei poteva farlo perche' era "Madre Teresa". Invece è sull'amore che saremo giudicati.
    Lei metteva solo in pratica la parola di Gesù. Certo non è per niente facile amare.
    Ho visto ti ha commentato "Angelo". :( Quando ero su Splinder, lo vedevo che passava su vari blog cattolici a contestare tutto. Rispondergli è tempo perso purtroppo.
    Un saluto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua y in più non cambia tanto la tua origine ambigua, come la moglie che voleva fare fesso COLUI che comprese le FALSE RELIGIONI umane. Abramo si arricchì su Sara ... vendendola al Faraone, scambiandosi per suo fratello. Ma pagò di persona questo suo abuso. Non per nulla a MORIRE fu la madre ... nel sapere che VOLEVA UCCIDERE il FIGLIO.
      Ma tu di queste cose non sai nulla e sapete prendere questo nome per CONTRAPPORVI a quello di MARYA.

      Non bazzico blog cattolici e le poche volta che l'ho fatto sono sempre stato mal trattato. Preferirei quelli non indottrinati, ma mi eccito in quelli NEW AGE, veri luoghi DEiMONIaci.

      Ma non devo spiegare niente a te che hai un blog innocuo.

      Elimina
    2. Con la SARX è tempo perso (questo è per te), ma confido ancora in chi dovrebbe avere almeno la FEDE.

      Per chiarirmi una VOLTA e per SEMPRE:

      IO SONO SOLO UNA SEMPLICE ... pro-vocazione, per chi sa coglierla e farla FRUTTARE.

      Elimina
  15. Per amare bisogna essere in sintonia e in intimità con Cristo. La preghiera ci mette in contatto con il Figlio dell'uomo. Tutto passa attraverso Lui. Solo con Lui possiamo essere ascoltati da Dio.
    Non conosco Angelo. Rispondo alle obiezioni quando sono sincere.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono sin-cero (Gv 8,25-27), ma come dice Saray, e a questo punto CONFERMO: "è tempo perso con la Sarx".

      Ritorno da dove sono venuto. Pensavo che tu potessi aiutarmi a svelare qual...cosa, visto che non comprendete qualc...UNO.

      Elimina
    2. Angelo, ognuno di noi desidera essere compreso. Le tue esigenze non sono più importanti di quelle degli altri.
      Ciao.

      Elimina
    3. OK, farò altrettanto.

      Elimina
  16. Grazie, Sara, anche per il bacio.

    RispondiElimina
  17. Cedo alla tentazione di intervenire. Dunque, l’argomento è difficile e bellissimo. Una cosa sopra a tutte: se sei infelice difficilmente amerai gli altri, ci vuole una grande forza interiore per staccarsi dal sé fisico e proiettarsi nello spirito, dove puoi comprendere l’amore e ricercare Dio. Oltre la testa, il raziocinio, quando è lo spirito a guidarci allora non cerchi risposte perché sono già in te. E’ nel nostro lato oscuro che si muovono i dubbi, i tornenti salgono dal basso, inquinano la nostra anima annullando la nostra capacità di amare. Questo a qualsiasi livello, laico, e non. Personalmente vedrei positivamente il matrimonio per i preti. Non credo nei seminari, nelle caserme, in tutto quello che è un magazzino immaginario di disciplina senza accesso all’amore. Immagino che la famiglia aiuterebbe perché credo che ne sia ancora il miglior focolaio: avere qualcuno a cui dedicarsi tutti i giorni, da accudire e amare, a cui donare se stessi. Di certo non conosco una ricetta universale e perfetta, siamo fallibili e peccatori, ma so per certo che è necessario “mantenere attivo” il cuore. Il mio capo è di CL, ogni volta che gli chiedo qualcosa e non vuole concederla, anche se si tratta di un mio diritto, snocciola una frase del povero Don Giussani per dire no. Si fa faxare gli esercizi spirituali in ufficio e compra gli asciughini del vu-cumprà che suona alla porta, ma ogni giorno si comporta malissimo con tutti noi che dopo anni ancora conosce appena. Se cerco di spiegargli perché mi ha fatto soffrire prende appunti poi tutto finisce lì. Una volta mi ha raccontato che si è unito a CL perché era infelice e non capiva perché. A me pare così evidente perché. Questo continuo contrasto tra fede e chiesa, tra il principio originale e ciò in cui viene trasformato. C’è così poco cuore. Il parroco del Duomo accanto casa mia, un brav’uomo, si arrabbiò moltissimo quando alla sua domanda sul perché non mi vedesse mai in chiesa, risposi, con tutta la dolcezza possibile, che non mi sento troppo a mio agio con i preti e la chiesa in generale. Lo so, non si fa, ma come mentire a un prete? Però la fede è lì, senza ma. Non so spiegare quello che sento, posso solo descriverla come una certezza. Nella mia vita ci sono state morti tragiche, dolori grandi, eppure mai per un attimo ho dubitato della sua esistenza. Perché Dio è amore, sta a noi riconoscerlo nelle parabole di ogni giorno. E non puoi pensare di averne di più o di meno degli altri. Madre Teresa aveva una grande capacità di amare: cosa vuol dire esattamente? Credo che sia il saper dare tutto, ma ancor di più accogliere in sé l’altro. Forse il segreto è proprio qui, perché pochi sanno accogliere senza riserve, possiamo solo dare ciò che abbiamo nel modo che sappiamo, e la felicità è solo una conseguenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maggie, conosco benissimo CL e i libri di Luigi Giussani.
      Dentro Comunione e Liberazione si trovano bravi credenti, ma anche chi cerca di mettersi in evidenza e chi è un tantino esaltato. A volte CL è tentata di sostituirsi alla Chiesa, ha la pretesa di essere depositaria unica della Verità. Alle tue domande può rispondere la parola di Luigi Giussani. Lo sai che ha scritto diversi volumi su, Perché la Chiesa. Ho espresso la mia preferenza per il Carisma della Verginità che deve coinvolgere il prete.
      Se la Chiesa dice di sé: io sono una realtà fatta da uomini, che veicola qualcosa di eccezionale, cioè il divino, non la si può giudicare nel suo valore profondo elencando i delitti e le ristrettezze degli uomini che fanno parte della Chiesa stessa. Al contrario, se nella definizione di Chiesa entra l'umano come veicolo scelto dal divino per manifestarsi, in tale definizione potenzialmente entrano anche quei delitti.
      Ciò che intendo dire è che nefandezze e angustie non costituiscono materiale di giudizio sulla verità della Chiesa.
      La Chiesa, secondo i Vangeli, è stata voluta da Cristo che ha indicato in Pietro l'uomo designato. Cristo conosceva i difetti di Pietro. Sapeva anche che lo avrebbe rinnegato per viltà.
      I difetti ci saranno sempre e comunque. Allora scegliere di fissare lo sguardo su di essi è un modo fatale per scegliere di non guardare i valori.
      Un alibi per non aderire mai, per non dover mai cambiare se stessi.
      San Francesco per esempio non si è scandalizzato e non lo ha fatto nemmeno Caterina da Siena
      Che indirizzava lettere di fuoco contro la mafia di Avignone e a Gregorio XI che era il papa.

      Elimina
  18. scusa, mi sono fatta prendere la mano. B

    RispondiElimina
  19. RIMETTI SU DI ME (il noi velo risparmio) TUTTO QUELLO CHE ABBIAMO FATTO AL NOSTRO PROSSIMO, AFFINCHE' IO POSSA SMETTERE DI FARE QUELLO CHE E' MALE E CONTINUARE A FARE QUELLO CHE é BENE.

    IO VOGLIO GIUDICARE COME VOGLIO ESSERE GIUDICATO NEL BENE E NEL MALE.

    Ti sembro presuntuoso ... o CON-SAPEVOLE?

    Io non prendo alla lettera quello che è stato scritto SECONDO un modo di pensare e di COM-PRENDERE.
    Io CHIEDO spiegazioni e pur-TROPPO ... arrivano.

    Forse ho imparato a CHIEDERE?

    RispondiElimina
  20. Il chiedere no s'impara. Gesù lo ha spiegato:


    1ª Sia santificato il tuo nome.

    2ª Venga il tuo regno.

    3ª Sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra.

    4ª Dacci oggi il nostro pane quotidiano.

    5ª E rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori.

    6ª E non ci indurre in tentazione.

    7ª Ma liberaci dal male. Amen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece si impara, con le buone o le cattive.
      Però, funziona più sbagliando che AZZECCANDO da soli.

      Non ti avevo chiesto di insegnarmi a pregare ma di spiegarmi in senso del Padre NOSTRO.

      Una RESA? Una Alleanza da parte dell'UOMO verso DIO ... visto che quelle istituite da Dio ... falliscono?

      Elimina
    2. Il senso del Padre nostro è che nella preghiera è racchiuso tutto quello che ci serve.
      Tu pensi di sapere quello che ti serve più di Dio?

      Elimina
    3. Mi vuoi mettere in difficoltà?
      E Dio sa cosa veramente SERVE a NOI? ... e noi STESSI?
      Perchè Gesù sostiene che non sappiamo chiedere?
      Questione di tempo?

      Lo sapevo già prima di Gesù che bisognava togliere il MALE di mezzo. Metterlo almeno ad un angolino. Nella GEENNA del CIELO. Ma se sappiamo fare differenzAZIONE ... possiamo diminuirlo senza fargli tanto male.

      Elimina
    4. Perché dovrei metterti in difficoltà?

      "E Dio sa cosa veramente SERVE a NOI? ... e noi STESSI?".

      Certo che lo sa. Conosce anche il numero dei capelli che abbiamo in testa.

      La preghiera, quando siamo in 2/3 persone, nel gruppo unito nel Suo Nome, c’è anche Lui presente, che prega.

      Elimina
    5. ... d'ACCORDO:
      ADESSO VA MEGLIO.
      GRAZIE.

      Elimina
  21. Hai ragione Gus, condivido la tua riflessione.

    E aggiungerei alla stima, l'amore... Madre Teresa amava l'uomo perchè amava Dio e Lo vedeva dovunque intorno a sè: indistintamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amava Dio attraverso l'uomo, perché un amore diretto verso Dio è impossibile e quindi è una menzogna.
      Ciao Rose.

      Elimina