giovedì 8 marzo 2012

Alla ricerca della Verità



E' inutile nascondersi.

Con acuta conoscenza della realtà umana,

sant'Agostino ha messo in evidenza come l'uomo

si muova spontaneamente, e non per costrizione, quando si

trova in relazione con ciò che lo attrae e suscita in lui desiderio.

Domandandosi, allora, che cosa possa muovere l'uomo nell'intimo,

esclama:

" Che cosa desidera l'anima più ardentemente della verità?".

Ogni uomo, infatti, porta in sé l'insopprimibile desiderio della verità,

ultima e definitiva.

6 commenti:

  1. Qualsiasi uomo sente la necessità di elevarsi dall'oggi, dalla finitezza del quotidiano ed anelare allo straordinario, all'infinito. Senza questa ricerca dell'oltre si annasperebbe disperatamente nell'ovvietà dell'incertezza, nel relativismo puro, nella finitezza di un tramonto.
    L'attesa dell'alba custodisce la speranza della sopportazione del finito.
    La verità risiede laddove si incontra la certezza viva per le proprie intime risposte.

    RispondiElimina
  2. Ma l'uomo vuole la Verità, oppure le verità di comodo?

    RispondiElimina
  3. Custodisco in me, muovendomi spontanemente verso un'ispirazione intima, verso un disagio dato dall'incompiutezza, la tendenza a ricercare habitat per l'anima più che per il corpo.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Ho letto.
    Lo conservo.
    Se mi autorizzi lo pubblico.

    RispondiElimina
  6. Ma no, non importa cancellalo!
    Ora dovrebbe funzionare spero.
    Comunque non stò scherzando,dico sul serio!
    Spero che tu abbia compreso bene!

    RIPROVO! :)

    RispondiElimina