sabato 4 febbraio 2012

La fragilità del nostro io

 



La conseguenza inevitabile e tragica di questa confusione introdotta, nella quale si dissolve la realtà dell'io, è il dissolvimento della parola "tu". L'uomo di oggi non sa dire coscientemente tu a nessuno. E' l'inesorabile contraccolpo della mancanza di un soggetto, di un io. Nessuna disumanità è più grande che far scomparire l'io: è precisamente questa la disumanità del nostro tempo.

10 commenti:

  1. La conseguenza inevitabile e tragica di questa confusione introdotta, nella quale si dissolve la realtà dell'io, è il dissolvimento della parola "tu". L'uomo di oggi non sa dire coscientemenet tu a nessuno. E' l'inesorabile contraccolpo della mancanza di un soggetto, di un io. Nessuna disumanità è più grande che far scomparire l'io: è precisamente questa la disumanità del nostro tempo.

    RispondiElimina
  2. E' necessario ridimensionare la dignità. Una parola desueta, oggi. Come idealismo e altruismo. Esiste soltanto l'egoismo più sfrenato che porta ad accettare per due caramelle umiliazioni di ogni genere. Il bastone e la carota, l'approvazione e la stima di persone che non valgono nulla.
    Prostitutione dell'anima, molto peggio che quella del corpo.
    Triste, ma esistono ancora persone degne, a volte più vicine, di quanto si possa pensare.

    RispondiElimina
  3. La differenza tra una collettività ed un formicaio è che, nel primo caso, quando ad uno, ed uno solo, viene schiacciato un alluce è ammissibile che l'eco del dolore risuoni da una sola voce. E che il resto partecipi al conforto.
    Nel caso della personalità l'eco delle voci dovrebbe produrre un tuono.
    E infine una rivolta verso il “peso”.
    Ma, in tal caso, nessun eco riecheggia. Siamo nell'inferno dei viventi alla Calvino?

    RispondiElimina
  4. La fragilità è nelle "debolezze" umane!
    Buona domenica

    RispondiElimina
  5. Il guaio è che le debolezze finiamo per giustificarle.
    Vorrei una domenica calda.
    Ciao.

    RispondiElimina
  6. Le "debolezze", i vizi si nascondono, o meglio si cerca di nascondere!

    RispondiElimina
  7. Le debolezze sono normali, i vizi non credo. Nasconderli è ininfluente.
    Ciao Sara.

    RispondiElimina
  8. ho un vizio e tante debolezze...ma credo di essere anche forte:)
    ti auguro un Domenica calda e serena
    moni

    RispondiElimina