martedì 14 febbraio 2012

Il Verbo che si è fatto carne



Che l'uomo sia destinato alla felicità si rende fisicamente

tangibile nel rapporto tra l'uomo, la donna e la

piccola creatura che essi generano, in cui comunicano

se stessi.

La tenerezza che domina il rapporto tra la madre e il

bambino esprime il bisogno che si realizzi

la soddisfazione e la letizia di quella

piccola creatura.

La tenerezza attesta l'inesorabilità del desiderio che si affermi

l'uomo,

e un padre e una madre devono rinnegare se stessi per

sconfessare questa tenerezza.

Non si può guardare un uomo senza uno

sguardo teso verso la prospettiva del suo destino.

Guardare un altro senza affermare la prospettiva del suo

destino è un atto di violenza, è la radice

dell'estraneità, che è la prima forma di violenza.

L'irruzione del destino è accaduta nella storia.

Se nei cieli tutte le nebulose si scontrassero

e avvenisse la deflagrazione universale, questo

sarebbe un fatto ridicolo rispetto a

quell'Accaduto: Il Verbo che si è fatto carne.

4 commenti:

  1. Dalla consapevolezza, dalla visione vera dell'altro, nascono i sentimenti più alti, ed è così che si manifesta l'Amore incondizionato: quello solo capace di rinnegare se stesso e di riununciare al proprio ego a favore dell'altrui bene andando a proiettarsi nella prospettiva del domani seguendo al contempo la filosofia intrinseca del tutto... nell'ora per allora...

    RispondiElimina
  2. E qualche volta trovate il tempo di andare in auto ad ovest in County Clare, lungo la Flaggy Shore, a settembre o ottobre, quando il vento e la luce si azzuffano così che da un parte l'oceano è pazzo di schiuma e bagliori, e all'interno fra le pietre la superficie di un lago color ardesia è illuminata dal lampo terrestre di uno stormo di cigni, le piume scompigliate e soffiate, bianco su bianco,
    le teste adulte dall'aria ostinata
    sommerse o affioranti o indaffarate sott'acqua.
    Inutile pensare di posteggiare e cogliere la scena più completamente. Non sei né qua né là, una fretta per cui passano cose note e ignote mentre forti morbide folate prendono l?auto di sbieco e sorprendono il cuore sovrappensiero e lo aprono d'un soffio.

    Seamus Heaney

    RispondiElimina
  3. Non si può guardare un uomo senza uno sguardo teso verso la prospettiva del suo destino.

    RispondiElimina
  4. " Con coscienza ho imparato ad ascoltare il mio silenzio riconoscendo la strada giusta per insegnare loro ad essere padroni del loro destino! Ho scoperto che quando vuoi veramente aiutare non puoi sbagliare mai"
    Questa è una frase che ho scritto nella lettera indirizzata a Don Zega!
    Spero di non essere fraintesa!
    Sono un pò arrogante, ma non presuntuosa!:)
    Nel frattempo io vivo ora per ora! :( Ma come mai? :D
    Bacio.

    RispondiElimina