giovedì 16 febbraio 2012

Analisi del linguaggio femminile





Questa è mia moglie

4 commenti:

  1. Ma che disastro di donne che siamo! :)
    Nemmeno la Bibbia non scrive bene di noi...:(
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Ma qui non posti e non commenti mai? :(
    Scrivi molto bene Gus...è un peccato sai! :)
    Bacio

    RispondiElimina
  3. Ma che genere di donna frequenti???
    Ciao Gus. ;-)

    RispondiElimina
  4. Questa era mia moglie. E' morta il 28 febbraio del 2011.

    Ieri, se non è stato un sogno,


    sono andato a trovare le caprette.




    Lascio uno spazio vuoto per permettervi di lasciare libero sfogo al vostro stupore.


    Stavo su questa sedia, con il monitor e la tastiera.
    E' venuta mia moglie:
    "Augù, la parrucchiera è piena di clienti.
    Vorrei andare a trovare le caprette.
    Vuoi venire?".


    Sono rimasto perplesso. Non conosco caprette.
    Difficilmente dico di no a mia moglie.
    Camicia, jeans, e l'avventura è cominciata.


    Lei indossava un abitino grigio e una sciarpa di seta curiosa. Pure grigia, ma enorme.
    Un filo di colore sulle labbra, occhi celeste chiaro, i capelli biondi.
    Nelle mani qualche foglia di verdura.


    Il posto delle caprette non era lontano.
    A sud dello Stadio Adriatico. Un prato verde, ai margini della pineta dannunziana, dalle tamerici salmastre.


    Tante volte mi era capitato di passare di lì, ma le caprette non le avevo mai viste.


    Sì, le caprette ci sono. Anche le galline e un piccolo cinghiale nero.


    Le bestioline hanno visto Manu e si sono presentate.
    Ha offerto la verdura, le ha chiamate per nome.
    Ho l'impressione che le caprette abbiano risposto.


    Ho chiesto a Manu: " Ma le conosci da tanto le caprette?"
    Mi ha risposto: "Sì, da tanto. Mentre tu eri al lavoro, avevo sempre un attimo di spazio
    libero per trovare le mie amiche".


    Ciao (come ti chiami?)

    RispondiElimina