domenica 29 gennaio 2012

L'utopia è una menzogna,quindi una violenza.

Accorgendosi dell'esistenza di molte religioni l'uomo per essere sicuro della verità della propria scelta dovrebbe studiare tutte le religioni, paragonarle tra di loro e scegliere. E' la posizione del razionalismo moderno. Una pretesa che non è un ideale , ma un'utopia. Infatti un lavoro di questo tipo è praticamente irrealizzabile. Non basterebbe una vita intera. L'ideale è un cammino dell'uomo che a ogni passo vede qualcosa di esso realizzarsi. L'utopia è fuori dalla natura. Un sogno sovrapposto per sfuggire o forzare la realtà.
L'utopia è sempre violenza. Assumere il dovere di conoscere tutte le religioni altro non è che un'astrattezza irrazionale. Il consiglio di vivere la religione della propria tradizione rimane l'indicazione fondamentale senza pretese.
Può essere che un incontro nella vita faccia balenare la presenza di una emozione più adeguata alla propria ragione maturata. Allora uno potrà cambiare, convertirsi, anche se la conversione altro non è che la scoperta più autentica di ciò cui si aderiva prima.

11 commenti:

  1. Non è solo utopistico, ma anche contro l'idea di religione stessa, cercare di analizzarle tutte con la razionalità, perchè la religione si basa sulla fede, non su una dimostrazione scientifica.

    RispondiElimina
  2. Una carta del mondo che non contiene il paese dell'utopia,non è degna nemmeno di uno sguardo,perche non contempla il solo paese al quale l'umanità approda.
    (Oscar Wilde)

    Non esiste vera Fede senza la conoscenza ma solamente la superstizione,come ,purtroppo,succedeva nei secoli passati dove i popoli credevano senza sapere.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  3. Fulvio, io ho parlato di dimostrazioni scientifiche e non di mancanza di conoscenza.
    L'utopia è una promessa di realizzare qualcosa che non è possibile. Illude, per questo altro non è che una menzogna, e la menzogna è una violenza.


    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'utopia non è una menzogna, è un'ideologia
      e le ideologie, al massimo, sono artifici...
      violenza mi sembra un termine esagerato, estremo.
      la differenza tra menzogna e artificio?
      la menzogna è il contrario della verità e l'artificio è l'invenzione di una realtà.
      la fede è meglio lasciarla fuori.

      Elimina
  4. La menzogna nella menzogna è violenza! La fede, io credo, va oltre la conoscenza.
    E' "violenza" tutto ciò che crea confusione e fragilità alla nostra instabilità emotiva!
    Ciao Gus

    RispondiElimina
  5. Carla, per esempio il marxismo è un'utopia. Teorizza come punto d'arrivo una società di uguali con pari dignità. Niente da eccepire. La strada per raggiungere questo traguardo è un fenomeno di crescita culturale. Nel momento che si sceglie la strada dell'imposizione emerge la menzogna e poi la violenza. E' storia. La storia dell'URSS.
    Ciao.

    RispondiElimina
  6. E' così, Sara. L'utopia è un progetto che si cerca di realizzare. Non è fantasia, sentimento umano vissuto con la consapevolezza di una mera speranza, che si attende e non si vuole imporre con la prepotenza.
    Ciao.

    RispondiElimina
  7. Caro Gus,l'utopia non è una menzogna è un sono e tutta l'umanità progredisce per merito dei sogni di quelle menti lungimiranti che sono i sognatori,quasi sempre liberi pensatori,non condizionati da dogmi e fedi.Molti sogni utopici si sono avverati,perche quello che viene giudicato utopico in un tempo,molto spesso diventa una meravigliosa realtà.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  8. Uhm...io non sogno mai (o meglio non ricordo) e quindi non "progredisco"...saranno le terapie non proprio mirate? :(
    Ciao

    RispondiElimina
  9. Alcune utopie sono realta' vere alcune dono idealizzanti....Gesu' da giovane era per me utopia...oggi e Via Verita e Vita!! Sempre dopo se siamo consapevoli scopripiremo le nostre utopie se son realta'...certo le utopie fanatiche di alcuni pensatori che hanno distrutto il mondo e' altra cosa..bella rilfessione grazie, un sorriso Gus e gioia nel cuore:))

    RispondiElimina
  10. Mariella, non era un'utopia, era una Speranza.

    RispondiElimina