domenica 15 gennaio 2012

La lontananza è una non presenza

(Gilberto Gil)
Toda saudade é a presença da ausência
De alguém, de algum lugar, de algo enfim,
Súbito o não toma forma de sim
Como se a escuridão se pudesse a luzir.
Da própria ausência de luz
O clarão se produz,
O sol na solidão.
Toda saudade é um capuz transparente
Que vede e ao mesmo tempo traz a visão
Do que não se pode ver
Porque se deixou pra traz
Mas que se guardou no coração.

Ogni saudade è la presenza dell`assenza
Di qualcuno, un luogo o un qualcosa, infine
Un improvviso no che si trasforma in sì
Come se il buio potesse illuminarsi.
Della stessa assenza di luce
Il chiarore si produce,
Il sole nella solitudine.
Ogni saudade è un capsula trasparente
Che sigilla e nel contempo porta la visione
Di ciò che non si può vedere
Che si è lasciato dietro di sé
Ma che si conserva nel proprio cuore.

A un certo momento della nostra esistenza c'è un impaccio che è lontananza.
Nelle azioni no, in quelle può essere determimante il movimento.
Andiamo a lavorare, non facciamo mancare niente ai nostri cari.
La lontananza è una non presenza.
La presenza è come uno guarda i suoi bambini, come uno guarda la moglie o il marito,
come uno guarda il passante, i colleghi d'ufficio, i compagni, l'amicizia.




11 commenti:

  1. C'è un'assenza che è piu acuta presenza, come diceva bertolucci. C'è una presenza data dalle cose che si palpano ma che non si toccano, che si conservano ma non si tengono. Pochi sono gli sguardi consapevoli che si poggiano sulle cose, piccole apparizioni di senso vero e compiuto. Il loro eco riecheggia e ci accompagna per tutto il resto dei giorni.

    RispondiElimina
  2. Sì,quella assenza la tocchi col cuore.

    Buona domenica nel Signore!

    RispondiElimina
  3. C'è un verso orientale : 'Nulla pesa più di un cuore vuoto' .... che ti rende assente. Anch'io temo più di tutto la presenza che è assenza.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  4. Ecco il momento dell'Assenza che fa continuare ad amare...l'essenziale e' invisibile agli occhi...il desiderio appassionato fa' toccare con il cuore ti penso caro gus ti porto nel cuore:)))

    RispondiElimina
  5. Ciao Mariella.
    Quell'Assenza è più che mai Presenza.
    L'avverto.
    A volte mi sveglio la notte, vorrei accendere la luce, ma non lo faccio. Dico: "Non voglio svegliare Bruna".
    Non mi sento mai solo e percepisco con il tempo che passa che è qui con me.

    RispondiElimina
  6. L'impotenza è la peggior solitudine! Lacera l'anima..
    Ciao

    RispondiElimina
  7. Tu stai lottando, non sei impotente.
    Non stai sdraiata su una poltrona aspettando che la malattia faccia il suo sporco lavoro.
    Ciao.

    RispondiElimina
  8. Che bello ciò che hai scritto....riguardo a lei *_*

    RispondiElimina
  9. Senza di lei sarei morto di dolore.
    Grazie, Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chi alloggia nel nostro cuore non ci lascerà mai soli. un abbraccio. bru

      Elimina
  10. Ciao Brunella.
    E' così.

    RispondiElimina