sabato 14 gennaio 2012

Il pettirosso di Gino Paoli

Aveva gli occhi come un pettirosso
era una donna di undici anni e mezzo
si alzò la gonna per saltare il fosso
aveva addosso un vestitino rosso.
Mentre passava in mezzo a quel giardino
di settant'anni incontrò un bambino
voleva ancora afferrare tutto
e non sapeva cos'é bello e cos'é brutto
e l'afferrò con cattiveria
lei si trovò le gambe in aria
lui che cercava cosa fare
c'era paura e c'era male.
E il male lo afferrò proprio nel cuore
come succede con il primo amore
e lei allora lo prese tra le braccia
con le manine gli accarezzò la faccia
così per sempre si addormentò per riposare
come un bambino stanco di giocare
Gino Paoli asserisce che il brano nasce "dalla pretesa di umanità per tutti e due i protagonisti, anche del mostro" e ci propone la sua idilliaca lettura del violentatore, inteso come "un borderline che non sa cosa è bene e cosa è male"
"Lo stupro" - ci erudisce - "non si consuma fino in fondo, il vecchio ha un attacco di cuore mentre tenta la violenza e la bambina che lo vede a terra morente prova pietà invece di odio, anche perché priva di sovrastrutture"


Per me è uno schifo.





9 commenti:

  1. E' una schifezza, chiamare "donna" una bambina, perdonare un pedofilo, non è giusto che un tema così tremendo venga affrontato con così tanta leggerezza.

    RispondiElimina
  2. Mi vengono i brividi solo a leggere queste cose, è come avallare questo atto ignobile.
    Ciao Gus, buona giornata!

    RispondiElimina
  3. Hai l'ora sballata sui commenti

    RispondiElimina
  4. E' l'ora di Blogger. Con i commenti popup torna esatta.
    Ciao.

    RispondiElimina
  5. Chissà cosa scatta della mente dell'umano, in quanto tale.. forse non lo sapremo mai!:-(
    Ciao

    RispondiElimina
  6. Sara, non scatta niente. Torna in superficie tutto quello che la coscienza ha tentato di nascondere nell'inconscio.

    RispondiElimina
  7. All'ora di Blogger, 01:10 PM, ho già pranzato.
    Nell'ora virtuale di Pescara,22:14 PM, che Blogger si ostina a non riconoscere, ho anche cenato.
    Brodetto con sogliola, merluzzo, e coda di rospo.
    Ciao.

    RispondiElimina
  8. Pure la coda di rospo...è dura da digerire :) vabbè il brodino va giù..consola!

    RispondiElimina