domenica 1 gennaio 2012

anno 2012

La vettura si avvicina a una fermata e una ragazza è pronta a scendere.
E' vestita di nero, le pieghe della gonna si muovono appena, ha la camicetta attillata con un colletto di trina bianca dalle maglie minuscole.
Ha il volto bruno, i capelli castani scuri e piccoli ciuffi disordinati sulla tempia destra.
Io non posso nemmeno giustificare perché mi trovi su questa piattaforma, perché mi aggrappi a questa maniglia e mi faccia trasportare da questa vettura, perché la gente si scansi davanti alla vettura o cammini imperterrita, o si riposi davanti alle vetrine. Del resto nessuno me lo chiede, ma ciò non ha importanza.

6 commenti:

  1. I nostri comportamenti sono domande e risposte.
    Felice anno 2012.
    Gus

    RispondiElimina
  2. Quella ragazza è diventata tua moglie?

    Felice anno anche a te!

    RispondiElimina
  3. Daniela, è un racconto breve di Kafka.
    Buon 2012.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. non sei riuscito a togliere !
    vedo....
    o forse non hai provato seguire quanto ti ho suggerito al link del sito?
    cmq hai tutto il tempo , fammi sapere, mi stavo ponendo anche io la domanda se eri in tram o bus stamani....capito..... ;-)

    RispondiElimina
  5. Fiore, il sistema non permette di togliere il punto interrogativo. L'opzione " Impostazioni" fornisce questa risposta: "Siamo spiacenti...
    Non siamo in grado di gestire la tua richiesta. Riprova oppure torna più tardi".
    Blogger non lo fa, ma è spiacente. Il sig.Blogger è molto educato.
    Dice Kafka: "Se fossi un pellerossa, e sempre pronto, e sempre vibrante sopra il cavallo in corsa, fino a non servirmi degli speroni, poiché non c'erano speroni, fino a buttar via le redini, poiché non c'erano redini, e vedessi appena la terra davanti a me come un prato mietuto di fresco, già senza collo di cavallo e testa di cavallo".
    Ti piace Kafka?

    RispondiElimina
  6. Molto significativo questo post!
    Quel povero scrittore..quanta sofferenza ha patito!

    RispondiElimina