domenica 1 gennaio 2012

chi era Manu








Ieri, se non è stato un sogno,

sono andato a trovare le caprette.


Lascio uno spazio vuoto per permettervi di lasciare libero sfogo al vostro stupore.

Stavo su questa sedia, con il monitor e la tastiera.
E' venuta mia moglie:
"Augù, la parrucchiera è piena di clienti.
Vorrei andare a trovare le caprette.
Vuoi venire?".

Sono rimasto perplesso. Non conosco caprette.
Difficilmente dico di no a mia moglie.
Camicia, jeans, e l'avventura è cominciata.

Lei indossava un abitino grigio e una sciarpa di seta curiosa. Pure grigia, ma enorme.
Un filo di colore sulle labbra, occhi celeste chiaro, i capelli biondi.
Nelle mani qualche foglia di verdura.

Il posto delle caprette non era lontano.
A sud dello Stadio Adriatico. Un prato verde, ai margini della pineta dannunziana, dalle tamerici salmastre.

Tante volte mi era capitato di passare di lì, ma le caprette non le avevo mai viste.

Sì, le caprette ci sono. Anche le galline e un piccolo cinghiale nero.

Le bestioline hanno visto Manu e si sono presentate.
Ha offerto la verdura, le ha chiamate per nome.
Ho l'impressione che le caprette abbiano risposto.

Ho chiesto a Manu: " Ma le conosci da tanto le caprette?"
Mi ha risposto: "Sì, da tanto. Mentre tu eri al lavoro, avevo sempre un attimo di spazio
libero per trovare le mie amiche". 



4 commenti:

  1. a volte gli animali sono meglio degli esseri umani....la capisco.....:-)

    allora tua domanda rispondo
    @no non sei uno swappino mi spiace....:-(

    RispondiElimina
  2. Non importa sia stato un sogno o no, (Manu, sta per Manuela?)
    Manu ha fatto in modo di entrare in sintonia con te,c'è riuscita, e bello vero?
    Ciao Gus :)

    RispondiElimina
  3. Amare significa muoversi verso l'altro, capire i suoi bisogni e se possibile accontentarlo.
    L'altro coniuge deve fare altrettanto. Solo così c'è l'abbraccio.
    L'amore non è come un vento caldo primaverile che ti fa dire: "Toh, è tornata l'estate!" . L'amore è qualcosa di molto concreto.
    Emanuela e Bruna. Bruna in ricordo del nome della madre che era morta 15 giorni dopo il parto per un'emorragia interna fatale.

    RispondiElimina
  4. Daniela, dovrei aver tolto il codice CAPTCHA.
    Almeno lo spero.
    Buona domenica.

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità